Enogastronomia
Un tripudio di novità al Margutta – Veggy Food & Art: piatti freschi e di stagione, tanti eventi, opere d’arte irreverenti e sport.
Maria Teresa Mattogno

La cucina dello Chef Mariano Monaco: genuina e creativa in armonia con la natura

Tutto nasce nel 1979 per mano di Claudio Vannini in Via Margutta nel centro di Roma. Qui apre il Margutta-circolo di cultura vegetariana, un bistrot vegetariano con Galleria d’arte (la prima mostra fu esposta personalmente da Federico Fellini che tappezzò le pareti spoglie con i manifesti dei suoi film). Dopo 10 anni l’incontro con Tina (Vannini), e nel 1995 un nuovo progetto insieme: il Margutta-Veggy Food & Art, con la stessa filosofia  di mettere a disposizione di tutti una tradizione culinaria sana e nutriente che ha alle spalle anni di esperienza e padronanza delle tecniche gastronomiche vegetariane e vegane.

L’idea era, infatti, di puntare su uno spazio in cui potersi prendere cura di se stessi attraverso il buon cibo naturale e vegetale, attraverso la musica e l’arte. Un’insegna che è una vera e propria galleria d’arte tra le più attive di Roma e che, in quanto tale, espone periodicamente mostre di artisti acclamati dalla critica ma anche di giovani promesse.

Determinante al Margutta-Veggy Food & Art è il Direttore Ezio Gravili, un manager che da anni segue questo storico indirizzo e lo cura con meticolosità e grandissima professionalità.

A valorizzare questo  ambiente così raffinato ed accogliente, composto da due ambienti per un totale di 150 coperti,  è lo chef  Mariano Monaco, di 29 anni  e originario della provincia di Avellino,  che presenta una proposta culinaria improntata alla ricerca del perfetto equilibrio tra semplicità e gusto, con particolare riguardo nei confronti della genuinità delle materie prime e delle preferenze di una clientela proveniente da ogni parte del mondo e da ogni fascia d’età.

La sua sensibilità lascia il posto ad una cucina essenziale ma al contempo frizzante e appagante. Piatti nuovi, freschi e leggeri per affrontare al meglio la stagione estiva. Tutto è fatto in casa con ingredienti semplici ma di alta qualità, per ricordare come basti poco per creare un grande piatto. Una cucina che è apprezzata da vegetariani e non, anche per eventi privati e occasioni particolari rese speciali dal servizio catering con il “Buffet dell’orto by Il Margutta”.

Una grande parte delle verdure, infatti, arrivano direttamente dall’ orto nel Parco di Veio: zucche, cavoli, verza, erbe aromatiche e broccoli in inverno e le colorate verdure estive nella bella stagione. Anche olio e formaggi vegani sono in parte di produzione propria.

Tanti sono i piatti gustosi che, con maestria, lo chef Mariano Monaco presenta ogni giorno ai suoi clienti come una squisita cheesecake salata in vignarola con fave, piselli, zucchine, carciofi croccanti, erbe di primavera e crema di fave; una quinoa saltata con guacamole alla messicana e datterini, cipollotti freschi, zeste di peperoni, agretti all’agro e Satay; un millefoglie croccante con asparagi crudi e cotti e stracchino DOP erborinato; dei ravioli ripieni di burratina d’Andria; una saporita fregola sarda bio allo zafferano; un tonnarello alla crema di piselli; delle tenere polpettine di melanzane in tegame all’amatriciana; un uovo croccante bio  con cicorietta piccante e vignarola romana; una favolosa parmigiana di zucchine con mozzarella e pecorino stagionato a caglio vegetale.

La carta dei vini è, inoltre, frutto di una meticolosa ricerca sul territorio di piccoli produttori in grado di garantire un prodotto di nicchia assolutamente bio, dove alcuni usano la biodinamica ed alcuni producono senza l’aggiunta di solfiti, accanto ad etichette più classiche e conosciute.

Un ritorno, quindi, ad una filosofia di una cucina genuina e al tempo stesso creativa, nell’impegno finalizzato a evitare ogni tipo di spreco e nell’impiego di prodotti locali forniti direttamente da agricoltori  del territorio circostante.

 

Maria Teresa Mattogno

 

PER INFORMAZIONI:

IL MARGUTTA - VEGGY FOOD & ART

Via Margutta n.118 – Roma

Email: info@ilmargutta.bio

Tel. 06.32650577

www.ilmargutta.bio

Apertura dal lunedì alla domenica, 10:30 – 23:30

 

 

News correlate
 “Dinner Opera Show”

Un format Nuovo per vivere un'esperienza tra sogno e magia, tra arie d'Opera e manicaretti ispirati ai grandi della musica lirica in un palcoscenico di magia, cantanti, musicisti, ballerini e acrobati saranno protagonisti di uno show sensazionale


"L'Alchimia del Vino: Paolo Porfidio, il Leonardo da Vinci del vino in Italia

Tra comunicazione del vino, valorizzazione della figura del sommelier e Vigneto e Cantina. Alla scoperta di uno dei principali protagonisti del vino in Italia


I Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato a Vinitaly per celebrare i 10 anni dalla nomina a Patrimonio Unesco

Sono trascorsi 10 anni da quando i Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato sono stati inseriti nella lista Patrimonio Unesco


La Campania vince la finale nazionale dell’Agrichef Festival 2024

“Agnello glassato alla mela annurca Igp” sul podio, a Roma, dell’iniziativa Turismo Verde-Cia. Al centro i piatti tipici della cucina contadina e la condivisione con gli studenti degli istituti alberghieri


Pecorino Toscano DOP e Cipolla Bianca di Margherita Igp: nasce un connubio d’eccellenza

A Firenze l’incontro tosco-pugliese tra due sigilli di qualità. In comune storie secolari e sapori autentici


Per la prima volta un ristorante maltese riceve due stelle Michelin

La storica Guida Michelin, che per oltre 120 anni ha premiato i migliori ristoranti al mondo, ha presentato ufficialmente la quinta edizione della Guida dedicata all'arcipelago maltese di Malta.


Apre a Roma “Civico 2”, nuovo imperdibile ristorante nei pressi di Piazza Verbano, “cucito su misura” per ogni ospite

A dirigere il locale Daniele Landi e Massimiliano Lamanna (in foto)


3° Festival del Carciofo Romanesco dal 7 al 10 aprile 2024

Torna la manifestazione al Portico d’Ottavia nell’antico ghetto, dove il prezioso ortaggio è orgoglio per i romani e attrazione per i turisti e a Roma vanta una lunga tradizione gastronomica, crudo o cotto ‘alla romana’ e fritto croccante ‘alla giudìa’


La Slovenia occidentale:  vini e cultura transfrontaliera

In occasione della nomina di Gorizia e Nova Gorica a Capitali Europee della Cultura 2025, vi suggeriamo un viaggio dei sensi oltre confine, alla scoperta dei vini dell’Ovest sloveno, tra le zone di Brda, Vipava, Carso e Istria.


Parmigiano Reggiano - Nel 2023 superato il record dei 3 miliardi al consumo, crescono vendite totali (+8,4%), Italia (+10,9%) ed estero (+5,7)

La produzione resta stabile (4 milioni di forme). Il prezzo medio all’ingrosso ha registrato un lieve calo (-5%) rispetto al 2022, ma è in decisa ripresa nel 2024