Enogastronomia
Nel progetto work-in-progress del Cammino di San Francesco Caracciolo un ruolo fondamentale hanno le campagne di crowdfunding.
Sergio Ferroni

Lungo il Cammino di San Francesco Caracciolo i panettieri sono buoni come il pane

Il pane come simbolo di cibo spirituale ma anche cibo materiale per il corpo, in omaggio all’opera di San Francesco Caracciolo come rappresentato anche dal monumento a lui dedicato nell’opera di Alfredo Vismara, figlio adottivo di Villa Santa Maria dove il Santo nacque, méta quasi obbligata di tutti i Cuochi d’Italia, di cui è Patrono.

Ecco perché Rodolfo Molettieri titolare dell’Antica Forneria Molettieri di Napoli, i molisani Panetteria "La Spiga d'Oro" di Mario Porrone, Panificio Pasticceria Alto Molise di Manuela Di Lullo e Masseria-Bottega Del Pane di Mario Di Rienzo e Giovanna Masciotra, hanno deciso di mettere le mani in pasta per supportare la realizzazione del Cammino di San Francesco Caracciolo, lanciando la sfida, come maestri panettieri, ad altri panettieri e panifici: buoni come il pane.

Il cammino, per ora realizzato in 50 degli oltre 500 km che lo comporranno nella totalità, porterà alla scoperta di circa 70 comuni, piccoli borghi disseminati in 4 regioni, dalle Marche alla Campania passando per Abruzzo e Molise. Lungo il percorso i camminatori potranno scoprirne le risorse enogastronomiche, incontreranno agricoltori locali custodi della terra e della biodiversità e tanti panettieri che, con mani sapienti, trasformano le nobili materie prime per raccontare il loro territorio e la loro storia, nel rispetto della natura, dei prodotti, della tradizione, come insegna la lavorazione del pane.

Tra i 6 panifici coinvolti spicca la storia di Giovanni De Lollis della Panetteria De Lollis a Villa Santa Maria: panettiere di seconda generazione dal 1984, Giovanni si è focalizzato sul pane a lievitazione naturale: da oltre 30 anni, Giovanni si prende cura del suo lievito tanto da essere depositato nella banca mondiale del lievito naturale di Bruxelles perché considerato purissimo.

Oltre a ‘coltivare’ il suo lievito, Giovanni coltiva il grano della qualità "senatore cappelli", macinato ogni mese nel suo mulino a pietra e poi utilizzato per la panificazione.

Grande sperimentatore, Giovanni sta attualmente lavorando alla produzione di pane con acqua di caglio.

Rodolfo Molettieri, promotore della campagna ‘Buoni come il pane’, è anche impegnato nello studio - con un gruppo di agronomi e di coltivatori, che hanno sviluppato delle popolazioni di grano chiamati ‘grani evolutivi di Aleppo’ – di un pane sostenibile con ridotto impatto sull’ambiente e molto sano per l’uomo. Un contributo il suo, volto a migliorare le condizioni di vita su questo pianeta, in perfetta armonia con lo spirito che ha animato la campagna di crowdfunding a sostegno del cammino, delle comunità locali e dunque dei valori spirituali di San Francesco Caracciolo.


 

News correlate
Al ristorante Albatros per ritrovare i veri sapori di Procida

Una cucina semplice che si sposa con una preparazione meticolosa dello Chef Carlo Coscione nel rispetto di ingredienti eccellenti.


Alla Vecchia Fornace delle Tre Vaselle Resort & Spa: l’ Umbria è servita a tavola

Un’antica dimora, perfetta per rilassarsi, recuperare energie e lasciarsi conquistare dai piaceri della tavola in uno dei borghi più suggestivi del nostro Paese.


Da Solum Appia Antica rural chic di Roma

Grill & cocktail bar con musica in un giardino segreto per un’estate romana all’ insegna del gusto e del divertimento


266 La Barraca di Torvaianica

Una fusione della gastronomia laziale con quella spagnola dove la qualità della materia prima si incontra con la tecnica e la tradizione.


Da Kematen  sull’ altopiano del Renon: sapori genuini e autentici

Piatti tradizionali e vere specialità culinarie altoatesine per una vacanza all’insegna del gusto.


Bazzano Beach a Sperlonga:  una perla  della riviera di Ulisse

Estate 2024, per una stagione ricca di novità dal pranzo al dopocena


Polonia: Gastronomia pluristellata

Il panorama gastronomico polacco si arricchisce sempre più, portando a 6 la rosa dei ristoranti stellati entrati a far parte della prestigiosa Guida Michelin 2024


FOODCOST® lancia FOODCOST in MAGAZINE

La rivista ideata come guida pratica per avere successo nel mondo della ristorazione


Vino in Viaggio

La Wine Ambassador Roberta Marchese Ragona e Interpubbliserv Presentano “Vino in Viaggio”


Guida Michelin 2024: Salgono a dieci i ristoranti stellati in Slovenia

La Slovenia, sempre di più, tra le superpotenze enogastronomiche europee. È questo il verdetto sancito dalla quinta edizione della Guida Michelin Slovenia, quella del 2024: un trionfo che supera, ancora una volta, gli anni precedenti.