Moda e bellezza
Lo stilista italo palestinese sceglie di omaggiare Roma che lo ha accolto più di trent’anni fa grazie alle sue nuove collezioni e lancia sul mercato un grande progetto di unione tra popoli, culture, tradizioni e innovazioni: Taslaq World.
Manuela Lascari

Jamal Taslaq: "L’Alta Moda torni a Roma, straordinaria scenografia per il Fashion"

Vengo ricevuta  nel luminosissimo atelier di Jamal Taslaq  nei pressi di Via Veneto proprio dove  ai tempi della Dolce Vita a Roma  il lusso e l’eleganza erano i veri  protagonisti.  Lo stilista, palestinese di nascita,  lavora nel suo atelier  e laboratorio  di Via Ludovisi dal 1999  e qui espone  le proprie collezioni  e manifatture per la sua clientela.  Resto favorevolmente impressionata  dall’arredamento fatto di giochi di luce e sobrietà con  note di colore qua e là prodotte da oggetti ed arredi eleganti ma essenziali.  Taslaq è persona dai modi assai affabili e diretti.

Come mai ha lasciato il suo bellissimo paese così ricco di storia, tradizioni e cultura?

“Ho vissuto  fino ai  miei 18 anni di età  sotto occupazione,  fino a quando non decisi di lasciare  la mia  città natale, Nablus, situata fra Nazareth e Gerusalemme”.  La mia terra natia è certamente molto bella ma troppo difficile da vivere”,  mi dice con un velo di tristezza,  “così ho deciso di trasferirmi e di venire a studiare moda in Italia,  nello specifico a Firenze, città che amo molto, con una motivazione precisa che era quella di avvicinarmi al made-in Italy.  Fu proprio mio padre ad insegnarmi che, qualunque cosa  un artigiano italiano produca,  che si tratti di  un paio di scarpe o  di una serratura poco importa, sarà sempre qualcosa di ben fatto, di qualità.”

Come e quando è nato il suo interesse per la moda?

“Mia madre era sarta e io  sin da piccolo ero letteralmente stregato dalla magia che si produceva nel  veder nascere da un pezzo di stoffa, da un tessuto, un abito  da indossare, realizzato  a seconda dell’orario  della giornata o della  circostanza per cui  veniva richiesto,  e sempre secondo delle regole ben precise.  Mi piaceva molto tutto questo  e sin da ragazzo iniziai a  partecipare al controllo delle finiture  così come alla scelta delle scarpe da abbinare, era una vera magia per me!  Avrei potuto scegliere anche la Francia, altra sede della moda per eccellenza, ma come ho già detto il made-in- Italy per me è stata la vera bussola che poi  mi ha condotto a Firenze, città di notevole interesse per storia e bellezza dove ho frequentato l’Accademia di moda.  Poi,  una volta conclusi gli  studi sono approdato a Roma portando sempre con me un vivo interesse per l’artigianato che a Roma più che a Milano vanta una lunga e  consolidata tradizione.”

Nella sua recente sfilata “Eternal” svoltasi nella fiabesca corniche di  Palazzo Colonna abbiamo visto aleggiare tessuti freschi  e colorati con cui i suoi bellissimi  abiti sono stati confezionati, quasi a rappresentare  un richiamo all’ecologia tanto in voga in questi giorni!

“Amo molto la seta in particolare perché la qualità penso che non tramonti mai:  quando qualcosa è bello e ben confezionato lo si può usare e riutilizzare ancora ed è sempre elegante. La seta la utilizzo anche in abbinamento  alla viscosa  ma mi piacciono anche il lino ed il  cotone.  Il tessuto deve  letteralmente accarezzare il corpo di una donna ed è per questo che scelgo sempre personalmente sia i tessuti che i disegni ed i materiali per i ricami con i quali questi vengono realizzati. Mi piace poter portare la cultura mediorientale qui in Occidente con disegni e motivi tipici della mia cultura di provenienza e per farlo mi avvalgo anche  di ricamatrici e ricamatori italiani.”

Quindi per lei la moda è anche strumento di dialogo fra culture!

“Pensi che ho  portato l’attività del ricamo anche nei campi profughi dove ho trovato donne abilissime  in grado di realizzare disegni dalle simmetrie oserei dire matematiche anche sui delicatissimi tessuti in georgette”!

Passo a questo punto alla domanda ineludibile in tema di Haute Couture e gli chiedo cosa significhi per lui la femminilità. 

“La femminilità”, mi dice Jamal Taslaq,  “è un dono esclusivo ed una ricchezza  che ogni donna possiede, ed  è un dono da curare affinché l’uomo possa  vederla nella sua essenza e scoprire la sua grazia e  la sua delicatezza. Sì è la delicatezza che per me meglio esprime l’essenza di una donna!”

Secondo lei  come è possibile conciliare l’eleganza con la vita frenetica del nostro tempo? In altre parole il suo pr?t-à-porter come viene concepito?

“Purtroppo molte donne non vivono più  il tempo in questa  quotidianità caratterizzata dal mordi e fuggi. E’ per questo che quando incontro le mie clienti  cerco prima di tutto di capire la proporzione, il colore o il taglio che meglio si addicono alla loro persona perché non è  vendere che mi interessa  quanto piuttosto poter enfatizzare  le  qualità e  nasconderne quei difetti che tutti possiamo avere.   Anche per questo motivo non mi sono mai interessato a dei  prodotti  globali o industriali che dir si voglia  visto che anche il mio pr?t-à-porter si attesta su un livello medio-alto.  Preferisco produrre pochi pezzi ma buoni,  pezzi che sono ordinabili singolarmente in quanto produco sempre solo pezzi unici quindi con un  costo medio alto ma sempre e comunque onesto. La donna che lavora la vedo  in tailleur,  ma  presto molta attenzione alle spalle nelle giacche,  alcuni dettagli per me sono anche nelle giacche,  la chiave di lettura della sua eleganza!”

Posso chiederle qualche nome famoso  fra le sue clienti?

“Parlando di donne di carattere e di stile penso certamente  a Patty Pravo  ma  se vogliamo considerare la  classe in una donna  allora  non posso non menzionare la regina Ranya di Giordania quale emblema di autentica eleganza  non solo per  rango e portamento ma anche per la straordinaria semplicità e dolcezza  che le conferiscono un’attitudine  semplicemente disarmante”.

So che fra i suoi numerosi progetti ed iniziative  oltre che   “TaslaqEternal” da cui la sua recente  sfilata presso le sale di Palazzo Colonna ha preso il nome,  abbiamo sentito parlare anche di Taslak World e di Taslak Live. Ci può anticipare qualcosa al riguardo?

“In questi due recenti  progetti mi sono anche concentrato sulla figura maschile pensando di lanciare un format  al maschile appunto che consiste in una partecipazione fatta anche di  utili consigli per loro sia  di immagine che  su come vestirsi ”.

Proprio ieri, per la premiazione del  David di Donatello Francesca Tezzano,  l’attrice  che ha lavorato nel film realizzato sulla figura di  Ferruccio Lamborghini  uscito un paio di mesi fa ed intitolato ‘ Lamborghini- the Man Behind the Legend’,   indossava uno dei  suoi preziosi e delicati abiti dando mostra di una notevole eleganza.  “Purtroppo, lamenta lo stilista,  è molto difficile trovare la manodopera necessaria per il nostro lavoro anche perché  non ci sono  scuole specifiche dove si insegnino bene il ricamo e il cucito, le scuole di moda che formano i futuri stilisti non lo fanno abbastanza, specie per  la sartoria d’alta moda non è mai troppo”.

Mi congedo dal suo atelier dove il tempo  dedicatami è volato via piacevolmente,   conservando negli occhi   ricami, tessuti,  colori, disegni,  tagli e  modelli di indiscussa raffinatezza e  delicatezza, abiti   tutti ricchi di personalità e  gusto,   ma soprattutto  con l’immagine di una persona   innamorata  del proprio  lavoro   che considera la natura come una fonte  inesauribile da cui attingere per ricaricarsi interiormente  e da cui le   sua creazioni prendono forma e vita.

 

News correlate
Vittorio Camaiani riceve il Premio Marchigiano dell’anno in Senato

Si è svolto presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica, il prestigioso premio ’Marchigiano dell’anno’.


Al via il SIME dal 10 al 12 maggio

Quest'anno il congresso di medicina estetica si svolgerà a Roma al centro congressi la Nuvola.


Presentata a Roma la nuova linea “ExCellanza” della stilista Giuliana Cella, evento curato dalla nota PR Paola Mazzuccato

“ExCellanza”: Giuliana Cella firma per Coin Excelsior, GC.CI, una capsule itinerante in speciali corner pop up nei department store di quattro città italiane


Arte Capitale e Morfosis nella Coffee House di Palazzo Colonna

Un week end dedicato all’arte e alla moda sarà quello di venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 aprile 2024 a Palazzo Colonna.


Morfosis presenta la nuova collezione Spring/Summer 2024 alla Coffee House di Palazzo Colonna

La collezione Morfosis è pensata per una donna raffinata, non omologata, originale e orgogliosamente imperfetta perciò unica nel calcare le strade urbane in qualsiasi ora del giorno e della notte.


L’arte del Made in Italy: Artigiani Romani della Moda e della Manifattura a Palazzo Piacentini

Celebrate le eccellenze manufatturiere nel settore della moda all'evento dedicato all'artigianato romano, organizzato dalla Maison Battistoni e promosso da M.Ro & Italian Delegation Made in Italy


Laura Mantovi: i merletti che diventano gioielli

Ci siamo lasciati alle spalle da poche settimane le più belle sfilate di moda su frenetico scenario internazionale per la collezione autunno-inverno 2024-2025.


Vittorio Camaiani presenta la collezione “Ritorno in Oriente” alla Galleria del Cardinale Colonna

La nuova collezione Spring/Summer 2024 di Vittorio Camaiani intitolata “Ritorno in Oriente” ci ripropone un tema caro allo stilista marchigiano: il viaggio.


Magica Primavera District: arte, moda e solidarietà a Palazzo Colonna

Il 15, 16 e 17 marzo 2024 l’esposizione d’arte e artigianato nella Coffee House


Il trionfo di Anton Giulio Grande alla Milano Fashion Week 2024 con “Callas Rock Forever”

La sfilata, organizzata in collaborazione con Lineapelle-Unic Concerie Italiane, ha portato in scena delle esclusive lavorazioni pelle e dei sensazionali look genderless.