Architettura e design
Grafismi minimali, cromie vibranti per uno stile ricercato e fresco, all’insegna della joie de vivre.
Sergio Ferroni

Casa Buondelmonti, la rivoluzione è nel colore

È un’ode al colore l’ultimo progetto realizzato da 02A studio al Pigneto, quartiere di Roma storicamente operaio, oggi cuore della movida capitolina dall’animo bohemien.   Si tratta di un villino indipendente dei primi del Novecento con giardino e orto che coprono la superficie esterna di 130 mq e interna di 120 mq, in cui un’attenta progettazione tailor-made fa da contrappunto a soluzioni creative e inaspettate.

“Abbiamo parlato a lungo con i clienti – racconta Marco Rulli, fondatore dello studio con Thomas Grossi– ripercorso la loro storia, le case che hanno abitato e quelle che hanno amato, così da avvicinarci il più possibile al modo di vivere e al gusto che ricercavano, per poi tradurli in un progetto di interior che sentissero davvero personale.”

“Un elemento nuovo, con cui non ci era mai capitato di confrontarci – prosegue Marco Rulli – era dato dal fatto che uno dei due committenti aveva una percezione alterata dei colori, dovuta al daltonismo, quindi abbiamo individuato delle tonalità che fossero sufficientemente percepite dall’uno ma che potessero anche essere calibrate sui gusti dell’altro, pensando inoltre ai potenziali ospiti. È stato divertente e ne è nato una progetto in qualche modo stravagante ma che trovo rispecchi in pieno le personalità dei suoi proprietari.”

Il progetto di interior

Già nell’ingresso dell’abitazione si evidenziano le caratteristiche del restyling realizzato da 02A studio, che fanno da fil rouge per tutto il progetto, in cui l’uso spregiudicato del colore e i grafismi minimal definiscono uno stile allo stesso tempo ricercato e fresco, all’insegna della joie de vivre.  Qui un piccolo disimpegno precede la grande area living, messa in comunicazione con la zona cucina grazie a un importante lavoro strutturale. A testimoniarne la trasformazione, che ha dato una connotazione radicalmente differente agli spazi, le travi sono state lasciate a vista e, anzi, messe in evidenza da una tinta azzurro intenso, diventando così segno tangibile e vibrante dell’intervento.

A destra una grande vetrata, i cui profili in metallo sono percorsi da cromie di giallo acceso, offre una vista inaspettata sulla cucina. Quest’ultima è uno spazio creativo chel’uso del colore connota in maniera decisa, trasformando oggetti e parti funzionali in elementi di arredo dal forte segno: il mobile cucina con ante in legno laccate verde acqua si sviluppa a ferro di cavallo in una zona di lavoro affacciata sull’ingresso, per poi prolungarsi verso l’area pranzo attraverso due colonne di frigorifero e forno, pensate, in virtù della loro esposizione, come fossero degli elementi d’arredo. Allo stesso modo il rivestimento in lamiera verniciata alle polveri della cappa è pensato come elemento giocoso e di décor, che trasforma un elettrodomestico da incasso in un origami.   Sopra il lavello è stato inserito un mobile pensile in acciaio leggero con mensole e scolapiatti integrati, realizzato su disegno dello studio, una soluzione che costituisce un coup de théâtre originale e permette di ampliare lo sguardo e la luce oltre la parete, attraverso il vetro.

Sempre al piano terra il bagno ospiti è costituito da una prima zona con lavandino su un’ampia mensola in acciaio mentre la vasca e i sanitari rimangono nascosti e isolati all’interno di un’area dedicata, rivestita con piastrelle che raffigurano una fitta vegetazione tropicale, rimando al giardino esterno.  Dal piano terra a sinistra si sviluppa il corpo scala che consente di proseguire verso il bagno ospiti con lavanderia e di salire al livello superiore, dove si trovano il secondo bagno, le camere e lo studio.  La continuità cromatica con la dominante del giallo Vanadio del piano terra prosegue al livello superiore, nella zona notte, dove troviamo il bagno padronale con una la parete di fondo, che, come fosse una bifora nettamente delineata, è costituita da due arcate che accolgono al loro interno la doccia e il lavandino.  La dimensione familiare e spensierata dell’intervento nasconde al suo interno un’anima tecnologicagrazie al pavimento radiante caldo/freddo, al controllo dell’umidità e ai pannelli solari, per rendere il villino autonomo a livello energetico.  Il giardino esterno si compone di un accesso carrabile, una zona pavimentata con frammenti di vecchie graniglie e uno splendido orto urbano separato da quello del vicino solo da un esile cancello in metallo  “Che evoca - conclude Marco Rulli - il vero lusso, fatto di semplicità e fiducia nella comunità di cui si fa parte.”

02Astudio

02Astudio è una firma italiana di architettura e interior design con sede a Roma.

Nasce nel 2014 dalla collaborazione degli architetti Thomas Grossi e Marco Rulli, uniti dall’idea di una progettazione architettonica più ampia, dove il termine “progetto” rappresenti fulcro e sintesi di più ambiti disciplinari.   Un approccio quasi filosofico, in particolare quando si parla di casa. Ogni intervento passa attraverso un processo di conoscenza dei committenti, un lavoro di interpretazione di quelle che sono necessità pratiche ma anche aspirazioni interiori. Un metodo progettuale basato sulla ricerca costante e appassionata di risposte compositive, funzionali e tecnologiche alla necessità dell’uomo di abitare uno spazio che sia in grado di contribuire alla propria felicità.   02Astudio ha completato numerosi interni privati residenziali nella Capitale e racconta i propri progetti attraverso immagini, video e descrizioni surreali che siano in grado di far emergere non solo il risultato finale ma anche le tracce del percorso intrapreso.

 

News correlate
Visioni di Design - Progetti dal futuro

Premiati presso il Macro di Roma i vincitori del Premio Nazionale delle Arti 2023 per la Sezione Design nel corso di una cerimonia organizzata da Isia che celebra i 50 anni di fondazione


XVII Premio Nazionale delle Arti

ISIA Roma Design è stato designato come Ente responsabile dell’organizzazione del PNA 2023 sezione Design, premio annuale promosso dal Ministero dell’Università e della Ricerca riservato agli studenti iscritti alle Istituzioni ed ai corsi del sistema AFAM


I maestri del design e l'arte dell'espresso

Passione italiana: l'arte dell'espresso - La mostra a Copenaghen che celebra il caffè, per raccontare l’evoluzione del design intorno a uno dei simboli dell’Italia più amati nel mondo


Intervista a Jean Nouvel

Incontro a Roma con l’archistar di fama internazionale che ha realizzato edifici memorabili in ogni parte del mondo e vinto i più prestigiosi premi come il Leone d’oro alla Biennale di Venezia, il Premio Pritzker e, per due volte, il Gran Prix National de


Clamorosa gaffe di uno dei più celebrati artisti del '900, SALVADOR DALI'

Grande mostra di Dalì al Vittoriano di Roma, dove però il grande Maestro del novecento dimostra di essere un po' scarso nella conoscenza della storia dell'arte!


La Soprintendenza approva progetto che cancella la storia.

Nel quattrocentesco palazzo Salomoni Alberteschi, dichiarato d'importante interesse culturale nel centralissimo quartiere Regola stesso isolato di palazzo Spada, cuore della Roma rinascimentale la tutela prevista dalla Legge non arriva


Talk Umorismo ed Etica - Talk Umorismo e Arte

Roberta Melasecca e Alberto D'Amico presentano, nello studio Campo Boario in Viale del Campo Boario 4a – Roma, due incontri incentrati su due coppie di concetti dicotomici: arte e umorismo, da un lato; etica e umorismo, dall’altro.


Open Project ridefinisce l’idea di studentato con Laude Living Bologna

Svelato l'ultimo progetto, un nuovo concept di student housing, pensato come luogo di aggregazione e landmark a basso impatto ecologico, protagonista della riqualificazione urbana


La quarta edizione del Festival del Tempo mette radici a Genova e rinnova la collaborazione con la Genova BeDesign Week

La quarta edizione del Festival del Tempo mette radici a Genova e rinnova la collaborazione con la Genova BeDesign Week Festival del Tempo 2023_Cross Love - quarta edizione Genova BeDesign Week 2023_Scintille di design - quarta edizione


MILANO DESIGN WEEK 2023

AL SALONE DEL MOBILE E AL FUORISALONE LA “HAUTE CULTURE” GESSI NELL’AMBIENTE PIÙ INTIMO DELL’ABITARE