Musica
Ai posti di partenza la terza edizione del Fiumicino Jazz Festival, la rassegna ideata e organizzata dal Museo del Saxofono che rivolge il suo sguardo al territorio di Fiumicino e ad un pubblico di ogni interesse ed età
Roberto Dionisi

Fiumicino Jazz Festival

Il direttore del Museo, Attilio Berni, ha concepito per il 2023 un programma che prevede un ciclo di 5 concerti e 2 eventi collaterali che si svolgeranno in due fine settimana nelle prime due settimane di settembre nella suggestiva cornice “open air” del Museo del Saxofono, realtà culturale che ospita la più grande collezione di strumenti al mondo. In caso di pioggia i concerti si svolgeranno negli spazi interni della struttura.   Ad aprire la manifestazione la prima settimana, con un doppio appuntamento, sarà il BBrass Day: venerdì 1° settembre, dalle 10.00 alle 13.00 sarà infatti possibile provare l’ampia gamma di strumenti a fiato prodotta dall’azienda con la consulenza di musicisti professionisti e assemblati da tecnici in Italia oltre alle imboccature KYNDAMO - THEO WANNE e le legature EDDIE DANIELS. I convenuti potranno conoscere, testare e acquistare (a prezzi accessibilissimi) i modelli presenti, tutti saxofoni costruiti per rendere la massima qualità del suono e agevolare al meglio l’esecuzione. Il pubblico potrà accedere all’evento gratuitamente, incontrare ed essere guidato nella scelta direttamente da Gianni Vancini e Denis Biasin, rispettivamente endorser e direttore del marchio.   Alle ore 21.00 dello stesso giorno sarà invece di scena il concerto "Made in Italy" tratto dall’omonimo e recente album di Gianni Vancini che raccoglie un tributo ai grandi capolavori della musica italiana scritti nell’arco temporale di 30 anni, dagli anni ’70 ai ’90. Si tratta di un progetto ricco di sonorità di ogni tipo, dalle Jazz ballads a brani in stile “Tower of Power” passando per ambienti New Soul. A interpretarlo, insieme a Vancini e ai suoi saxofoni, ci saranno Silvia “Mavia” Losappio alla voce, Andy Bartolucci alla batteria, Danilo Riccardi alle tastiere e Marco Siniscalco al basso elettrico.   La sera di Sabato 2 settembre il festival ospiterà il Pentacordo Jazz Workshop, formazione nata nel 2022 per iniziativa di Marco Tocilj concepita come bottega artigianale del jazz che vede i componenti incontrarsi per suonare insieme, provare nuovi arrangiamenti, decidere cosa e come suonare e che vede protagonista il grande saxofonista americano Eric Daniel. Il repertorio, volutamente eterogeneo, attinge alle composizioni di alcuni maestri del jazz moderno, in particolare John Coltrane, Thelonious Monk e Charles Mingus, senza disdegnare però quelle di musicisti il cui nome di solito viene associato ad altre forme musicali, come Frank Zappa. Non mancano brani originali ed elaborazioni di musiche popolari, in uno spirito collaborativo in cui ogni individualità e ogni strumento possa trovare il suo ruolo e il suo spazio. 

Il Pentacordo Jazz Workshop non è quindi un'orchestra in cui si parte da un repertorio e si cercano i musicisti per eseguirlo, ma – appunto - un ‘workshop alla Charlie Mingus’, un laboratorio in cui si elabora tutti insieme il repertorio, fino a produrre uno spettacolo in cui alle parti scritte si alternano momenti di improvvisazione individuale e/o collettiva. A farne parte sono Eric Daniel (sax alto), Marco Tocilj (sax baritono), Franco Brandi (sax tenore), Valerio Prigiotti (tromba), Giuseppe Salerno (flicorno, chitarra), Saverio Lizzani (trombone), Alessandro Crispolti (pianoforte), Fabrizio Montemarano (contrabbasso) e Alfredo Romeo (batteria).  I concerti del Fiumicino Jazz festival sono, come consuetudine, anticipati da un’apericena opzionale. I biglietti dei live sono in vendita sul circuito Liveticket.it

Info e dettagli al sito ufficiale https://www.museodelsaxofono.com/fjf3/

Il Fiumicino Jazz Festival 2023 è un'iniziativa realizzata in collaborazione con Azienda Podere 676 Birrificio Agricolo, Farmacia Salvo D’Acquisto, BBRASS Costruttore strumenti musicali, casa editrice ARTDIGILAND. Il festival gode del patrocinio del Comune di Fiumicino.

News correlate
La Dante per Puccini

Nel centoventesimo anno dal primo successo di Madama Butterfly, la Società Dante Alighieri celebra Puccini con un’edizione speciale delle “Pillole della Dante” per il centenario del musicista italiano che più “visse d’arte e d’amore”


Fai bei suoni, al via la V edizione: la rassegna estiva del Museo del Saxofono

Si rinnova l'appuntamento estivo nei giardini del Museo del Saxofono di Fiumicino con FAI BEI SUONI, la rassegna estiva creata e diretta da Attilio Berni


Musicastelle

Musica, paesaggio e meraviglia in Valle d’Aosta


Luo Shengyang

La musica lirica con il suo fascino e la sua eleganza hanno da sempre stregato Luo Shengyang


“Mi fai Volare” il nuovo singolo della cantautrice Maria Angeli

Mi fai volare arriva subito dopo il successo del brano Bette Davis - nato da una collaborazione con il regista e produttore Andrea De Sica - incluso nella colonna sonora delle serie tv Babye Le indagini di Lolita Lobosco.


Slovenia - 72° Festival di Lubiana,un’estate di eventi indimenticabili

Il Festival di Lubiana si appresta ad inaugurare la stagione estiva all’insegna dell’eccellenza culturale e di straordinarie esperienze musicali, in un avvicendarsi stimolante e multietnico, che conta oltre 4000 artisti provenienti da 40 Paesi del mondo!


Musica & Miti anni 80, Lisa Frazier esce con il nuovo singolo “I Want a Lover”

Una delle voci più apprezzate nella musica pop anni ‘80 nel mondo, torna con un nuovo singolo dopo le preziose collaborazioni con Stevie Wonder, Ray Charles, Jennifer Lopez, Ziggy Marley…


Il Teatro Studio “Gianni Borgna” presenta la violoncellista e cantante cubana Ana Carla Maza

Finalmente a Roma, per la quarta tappa del suo tour italiano 2024, la violoncellista e cantante cubana Ana Carla Maza, in concerto al Teatro Studio “Gianni Borgna” dell’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone”


Woman in Jazz

L '8 marzo il Museo del Sax celebra Madame Elise Hall con un volume e concerti dedicati a donne saxofoniste


Al via la Quarantesima Edizione del Festival Printemps des Arts di Monte-Carlo

Il tema conduttore quest’anno, come mostra il manifesto del festival e la scritta su di esso apposta “chants de la terre”, sarà la terra, il rapporto tra l’uomo e la natura.