Enogastronomia
Per festeggiare un Capodanno all’insegna della fortuna e della felicità.
Francesca Sirignani

Da Nakai: un cuore giapponese con battiti italiani

“L'arte di cenare bene non è cosa da poco, il piacere di farlo non è un piacere da poco”. Con queste parole, Michel  De Montaigne evidenzia l’ebbrezza del gusto quando il cibo diventa piacere, l’espressione di un bisogno naturale coltivato dagli esseri umani al punto da trasformarlo in un’esperienza culturale ricca e complessa, carica di significati.

Questa complessità di pensiero si concretizza e si riscontra nella cucina dello Chef Koji Nakai, nel suo omonimo ristorante di Roma,  poco distante dalla Basilica di San Pietro, dove un pasto costituisce un’esperienza conviviale e sensoriale di altissima qualità.  L'unione della cucina giapponese e della cucina italiana è un connubio di gusto e poesia per la vista, il gusto e l’olfatto. Da Nakai si trova, infatti, il meglio delle due culture culinarie in una chiave innovativa. In particolare, tutto è pronto per festeggiare il nuovo anno seguendo un rituale antico e di grande fascino. Verranno servite alcune delle pietanze in 7 scatole di legno laccato nero di varia grandezza, impilate una sull’altra, vere magic box orientali nelle quali scoprire di volta in volta sorprese e sapori.

Qual è l’origine di questa tradizione antichissima?

Le donne giapponesi arrivavano a fine dicembre spossate dalla stanchezza e per riservarsi scampoli di riposo, i primi giorni dell’anno iniziarono a prevedere, già dalla notte del 31 dicembre , 7 portate, cucinate e pronte da consumare in famiglia durante la settimana successiva. Conservate in bellissime scatole in lacca nera, le cosiddette oju.

7 portate, 7 pietanze, 7 ingredienti beneauguranti. Ognuno per i primissimi 7 giorni dell’anno, i più importanti per un inizio fecondo e ricco di soddisfazioni. Perché nel paese del Sol Levante i primi momenti dopo il 31 notte sono da celebrare con grande cura.

Nulla era riservato però al caso: perché ogni piatto doveva contenere un ingrediente propiziatorio, buon viatico per i 365 giorni a venire. A riproporre il suggestivo rituale da Nakai, ideato insieme ai soci Luca Salari e Cristina Longobucco, ci penserà proprio lo chef giapponese che la sera del 31 dicembre, provvederà a inserire in ogni piatto un ingrediente kou un, portafortuna. Infatti, nella tradizione giapponese il gambero, con la sua forma arricciata, ricorda il simbolo dell’infinito (ma anche la gobba degli anziani, emblema di lunga vita) e le uova di pesce sono auspicio di fecondità e numerosa discendenza. I fagioli, come le nostre lenticchie, portano, invece,  longevità e ricchezza, la preziosa ricciola promozioni e successo  mentre il kumquat, con il suoi colore abbagliante, una “fortuna d’oro”.  Per non parlare del baccalà che raddoppiando il suo peso, una volta bagnato, reca abbondanza. Insieme al granchio, che con le sue grandi chele muovendosi su e giù sblocca le energie positive.

Ad accompagnare i piatti una vasta scelta di saké, da abbinare di volta in volta.

Non a caso lo chef e la sua brigata trattano gli alimenti, in special modo il pesce, con pratiche tutte orientali, purificandoli con sale o con soluzioni al sale non appena arrivati al locale, a seconda della loro provenienza. In tutti i piatti figura il pentagono del gusto, miscela di amaro, dolce, salato, acido e umami (il quinto gusto saporito), così tipico della cucina giapponese, di cui il sushi è una delle tante espressioni.

I piatti dello Chef Koji Nakai sono il risultato di un giusto abbinamento per sorprendere i clienti con proposte sempre allettanti. Nel menù, infatti, accanto ai classici ravioli giapponesi niku gyoza, alla tartare di tonno rosso maguro e a una infinita varietà di nigiri sushi, si può ordinare anche una carbonara japanese style, con tagliolini all’uovo tirati a mano, guanciale croccante ikura e uova di merluzzo, insieme a polpette ripiene di ragù di polpo e uramaki con top di burrata, pomodori secchi e pesto di olive,  o perfino con il tartufo. Anche una tempura di fiori di zucca con ripieno di cacio e pepe, preparazione quest’ultima talmente riuscita da essere stata battezzata Armonia, entusiasmerà ogni cliente. 

Tutto lo staff con professionalità, cortesia e sorriso accompagna gli ospiti ad accomodarsi in un ambiente intimo, ricercato dando la massima attenzione al servizio.

Da Nakai le parole d’ordine sono sicuramente “qualità” e “unicità”: un’esperienza tutta da gustare non solo a Capodanno! Del resto, quel che si fa il primo dell’anno si fa per tutto l’anno.

Francesca Sirignani

PER INFORMAZIONI:

NAKAI 

Via Santa Maria alle Fornaci, n.14 - Roma

Tel. 06/5133215

Email: info@nakairoma.com
https://nakairoma.com/

Francesca Sirignani

Giornalista pubblicista specializzata in tematiche turistiche ed europee. Ha conseguito una laurea in Giurisprudenza e, dopo aver ottenuto la seconda laurea in Studi Europei ed Internazionali, ha approfondito la conoscenza dell’inglese e del francese viaggiando e frequentando corsi linguistici all’estero. Collabora con diversi un periodici specializzati in viaggi e rivolti a chi è appassionato di turismo, cultura ed enogastronomia. Si è occupata anche della redazione dei magazine dell‘ Hotel Indigo St. George, un boutique hotel 5 stelle lusso di Roma. La passione che nutre per le culture, le tradizioni e i paesaggi di altri popoli l’ha sempre portata a viaggiare e a fotografare molti Paesi.

News correlate
AL RISTORANTE DON PASQUALE: COME UNA SUGGESTIVA GALLERIA D’ARTE

AL MAALOT HOTEL: ATMOSFERE, COLORI E SAPORI DI ROMA


Cipolla Bianca di Margherita Igp:  «Con Cipomar si passa dalla sperimentazione alla pratica»

Giuseppe Castiglione, presidente del Consorzio, spiega che le aziende quest’anno si stanno adoperando con le attrezzature testate in fase di sperimentazione del progetto


Le isole del gusto. Riso e vino sulla bocca di tutti

Si chiama così la 14° edizione della rassegna enogastronomica, organizzata dalla Camera di Commercio di Cagliari-Oristano, dedicata alla valorizzazione del territorio e delle produzioni tipiche agroalimentari di qualità.


Dreaming Blue: per un Natale tra sostenibilità e tradizione

Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel: un indirizzo iconico dell'hotellerie di lusso internazionale.


“Cresci” Panettone, cresce il gusto e la passione.

Un piccolo forno del quartiere romano dal cuore grande e dolce!


"Pesce in piazza" a Roma

Nel corso di una gradevole conferenza stampa, presso il ristorante "Spirito di vino" a via dei Genovesi in Trastevere, è stato presentato il ricco calendario di "Pesce in piazza".


ANNA FEDERICI, PROPRIETARIA DI AZIENDA AGRICOLA BOCCEA: DA UN SOGNO A UNA SPLENDIDA REALTÀ

Aperto il nuovo punto di vendita aziendale che offre una varietà di prodotti biologici e biodinamici


Ristorante Celeste: dove riassaporare cari ricordi

Il nuovo locale di Roma Nord con sfumature celesti di nostalgia è pronto a colorare e a scaldare le serate romane per tutta la stagione fredda.


Diciassettesima edizione di Golosaria a Milano

Successo per l' AREA DEDICATA AL BERE MISCELATO


Polpetta Gluten Free: dove tutto è polpettabile

A due passi dalla prima, storica sede in zona Ostiense nasce un nuovo format per accontentare proprio tutti.