Arte e cultura
La Fondazione Carlo Levi in collaborazione con l’Associazione Archivio Piero Martina inaugura la mostra virtuale Carlo Levi e Piero Martina artisti torinesi. Itinerario di un’amicizia
Sergio Ferroni

Itinerario di un’amicizia

Foto cover: Carlo Levi, autoritratto con cappello, 1928

La Fondazione Carlo Levi, all’interno del ciclo delle mostre virtuali dal titolo Intorno al mondo di Carlo Levi, in collaborazione con l’Associazione Archivio Piero Martina, inaugura la mostra virtuale Carlo Levi e Piero Martina artisti torinesi. Itinerario di un’amicizia navigabile dal 1° giugno 2024 sul sito istituzionale della Fondazione nella sezione Mostre Virtuali.  L’esposizione affronta per la prima volta il capitolo inedito dell’amicizia e del dialogo a distanza che per tutta la vita legò le figure di due artisti torinesi di rilievo, Carlo Levi e Piero Martina.  Il secondo, di dieci anni più giovane del primo, fu incoraggiato e sostenuto da Levi agli inizi della carriera nell’alveo del gruppo dei “Sei di Torino” sulla cui scia si avviano le prime prove pittoriche, manifestamente influenzate dagli impasti lievi e dalle atmosfere intimiste di Paulucci, Menzio e degli altri.

Questa esperienza digitale si propone di presentare la produzione dei due artisti attraverso tematiche ricorrenti per entrambi a partire dall’ambiente familiare e torinese, passando per la rappresentazione dei comuni amici, per arrivare a confrontarsi sulle questioni sociale e le condizioni delle classi più deboli. Il percorso espositivo però non dimentica di raffigurare anche il comune approccio al genere pittorico della natura morta, e le ricerche più personali degli anni Sessanta che hanno portato entrambi in una  “sorta di rifugio nell’Eden della natura nel quale si palesano figure di nudi e silhouette di piante, come antiche divinità o inattese apparizioni.” 

Il visitatore all’interno delle varie sale ha la possibilità di avvicinarsi alle opere ed aprire le singole schede che in molti casi sono ricche di approfondimenti legati al soggetto o alla produzione dell’artista. Di fatto per l’occasione sono stati digitalizzati alcuni documenti storici di archivio come cataloghi, lettere e articoli che permettono di comprendere meglio il clima e l’ambiente in cui i due pittori hanno maturato la propria formazione. Inoltre la sequenza delle opere pittoriche è scandita dall’inserimento di fotografie storiche, in molti casi inedite, conservate nei fondi dei due archivi come ad esempio gli scatti di Carlo Mollino. Il progetto scientifico della mostra è a cura di Daniela Fonti, Antonella Lavorgna e Antonella Martina. Il testo di presentazione è a firma di Daniela Fonti, le schede delle opere di Antonella Lavorgna e Antonella Martina.

 Si ringraziano per l’amichevole collaborazione gli eredi di Carlo Levi e di Piero Martina. Le attività della Fondazione Carlo Levi sono realizzate grazie al contributo concesso dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura.

Info:

Dal ciclo Intorno al mondo di Carlo Levi mostra virtuale

Carlo Levi e Piero Martina artisti torinesi. Itinerario di un’amicizia

Ciclo mostre a cura di Daniela Fonti e Antonella Lavorgna

Sito istituzionaleMostre Virtuali

Fondazione Carlo Levi

carlolevifondazione@gmail.com

www.carlolevifondazione.it

 

 

News correlate
Chronology of a mind a Milano, la mostra di Filbert Kung

Madrina dell'evento Daniela Javarone Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana


L’italiano in digitale

Palazzo Firenze, Roma - “Italiano in digitale? Si, grazie!”


Leggerezza

Al via la mostra “Leggerezza“ - Evento organizzato in collaborazione con l' Associazione Culturale “Studio d’Arte Utopia“ a cura di Angelo Rossi Arte, presso l’ Atelier Borgolongo 26 (Quartiere medievale di San Pellegrino) di Viterbo


MUNCH. Il grido interiore

Edvard Munch torna a Milano dopo 40 anni, in una grande retrospettiva dal 14 settembre 2024, e a Roma dal 18 febbraio 2025, con 100 opere prestate eccezionalmente dal Munch Museum di Oslo


Coppedè: Et Lux in Tenebris

"Et Lux in Tenebris”: alla Galleria SpazioCima mostre ed eventi per i 100 anni del quartiere Coppedè


Metamorfosi Marmoree

La Galleria La Nuvola di Via Margutta è lieta di ospitare in esclusiva, la prima mostra personale di Reinhard Pfingst (Brühl, 1961), dal titolo “Metamorfosi Marmoree”, a cura di Alice Falsaperla e con i testi critici di Anna Imponente e di Eva Bellini.


Il podio della Dante per il Premio Strega 2024

I romanzi di Raffaella Romagnolo, Donatella Di Pietrantonio e Antonella Lattanzi sono i più votati dai Presidi letterari della Società Dante Alighieri.


Celestial Heights

La magia fluttuante delle opere di Achao protagonista alla Galleria Angelica di Roma


Sgaravatti:il concetto del cambiamento

Vedere le opere del maestro Eugenio Sgaravatti equivale a fare un viaggio all’interno delle regioni più innovative dell’arte contemporanea…


Cielo incluso: vedere gli dèi

Dal 1 al 15 giugno 2024 si terrà, presso il Museo Provinciale Campano di Capua, la mostra Cielo incluso: vedere gli dèi con le opere e installazioni di Maria Grazia Tata e le fotografie di Salvatore Di Vilio, a cura di Salvatore Enrico Anselmi.