Arte e cultura
Dopo la lunga pausa succeduta alla sua ultima ed acclamata mostra, Space One, Cinzia Cotellessa (coadiuvata da Francesca Lobianco) mette in piedi, nella sua storica galleria romana "Studio Cico” una nuova avventura artistica.
Sergio Ferroni

Oriente, così lontano così vicino...

Non a caso ho parlato di  "avventura, considerando che il titolo (ed il tema) della mostra è "Oriente" sinonimo da tempo immemore di viaggi in terre esotiche, scoperte affascinanti, incontri da raccontare per tutta la vita a rapiti ascoltatori...

Oggi forse ci entusiasma un po' meno di un tempo l'Oriente, quello più vicino a noi e quello più lontano (l'estremo... ) per colpa probabilmente delle immagini che le TV ci mostrano a ripetizione, togliendoci quell'alone di imponderabile che terre lontane, così diverse dal vissuto quotidiano, ci hanno suscitato…

Il numero di opere che , in ogni tempo, hanno trattato l'argomento comporrebbe un elenco lunghissimo, titoli e titoli, a riprova di quanto il nostro occidente sia stato affascinato da un mondo così diverso dal nostro...

Purtuttavia mi corre l'obbligo di citarne qualcuno, almeno quelli di autori che ritengo imprescindibili.  Credo infatti che in tanti abbiamo coltivato sogni ad occhi aperti leggendo le avventure narrate da Salgari, bravissimo nel catapultarci in un'India misteriosa, fra giungle impenetrabili e pericolose, strani e feroci animali, nativi bellicosi o isole tropicali, immerse in mari di smeraldo.  Ma vogliamo parlare dell'ancora più antico  "Il Milione"  di Marco Polo, cronaca di un movimentato viaggio verso e nel favoloso Catai?

E che dire di Verne che, non solo nel "Giro del mondo in 80 giorni", ma anche con la saga del Capitano Nemo, ci ha trascinato in luoghi incantati, culture esotiche, vicende piene di peripezie, cariche di enigmi e segreti?   E le  "Mille e una notte" ( frutto di autori anonimi ma geniali) dense di creature fantastiche, magie e tesori, in cui ogni fantasia poteva avverarsi ed un povero contadino o pastore divenire re?

Un Oriente denso di promesse e ammalianti possibilità, pronte ad essere colte da persone dotate della giusta iniziativa, amore del rischio e sprezzo del pericolo, visionari aperti a tutte le soluzioni, capaci di creare il proprio destino.  Tutti questi elementi sono confluiti nell'immaginario collettivo, un "pentolone" colmo di ingredienti a cui tutti, indiscriminatamente, potevano attingere e nutrire abbondantemente la propria immaginazione, ispirarsi nel condurre la vita reale.  Ma, come accennato, immagini, informazioni, report televisivi, frutto dell'innovazione tecnologica, hanno gradualmente ridotto questa "base comune", al lumicino...

Come ritrovarla e soprattutto dove?

Cinzia Cotellessa, ha pensato ad una soluzione semplicissima: nelle opere degli artisti, non solo interpreti di visioni che trasfigurano e ripropongono il reale ed i suoi concetti, ma anche e soprattutto coloro che si palesano quali custodi attenti dell'immaginario collettivo.  Ecco quindi riemergere dalle loro creazioni quei posti meravigliosi che da sempre hanno alimentato i nostri sogni, proponendoli prepotentemente alla nostra attenzione: va da sé che il fortunato spettatore, varcando la soglia della galleria, potrà rivivere la magia di un tempo, ripercorrere a ritroso le sue sensazioni di "fanciullino", giusto per citare l'immenso Giovanni Pascoli...

Ma chi sono questi "novelli custodi" dell'immaginario collettivo?

Eccoli: Alberti, Annaluna, Angelucci, Aulicino, Badini, Bisozzi, Bolognesi, Cerutti, Cibulova, Cotellessa, Coppi, Corsi, D'Ascia, Di Curzio, Faina, Fanfani, Garzillo,Gatti, Maresti, Mastropino, Ogliari, Pellacani, Pennacchia, Pio, Romagnoli, Tancioni, Tanino, Uber, Valdinoci, Viglietti.  Presenterà, come da consuetudine, il noto critico d'arte Piero Zanetov.

Studio CiCo – Via Gallese 8 - Roma

News correlate
Il gusto del design italiano

La mostra che racconta l’evoluzione del design nell’ambiente cucina, per celebrare l’ingegno e la creatività italiana


Antonio Fugazzotto presidente del Circolo delle Vittorie presenta il libro di Marco Travaglio “Israele e i palestinesi in poche parole “

“Israele e i palestinesi in poche parole” – Il libro delinea senza lungaggini e con chiarezza i tratti storici, importanti e forse fondamentali per comprendere meglio le dinamiche e anche le cause di uno tra i più annosi e sanguinosi conflitti


La critica d'arte internazionale Marta Lock presenta a Vienna la personale di Katia Papaleo

La magia pittorica di Katia Papaleo protagonista a Vienna, presso la prestigiosa e centralissima “City Gallery Vienna”


“AVEVO UN SOGNO…  con la mano sbagliata” -  Mostra personale di Miriam Brancia

Cinzia Cotellessa presenta nella sua galleria Studio CiCo di Roma la vincitrice della manifestazione SPACE ONE 2023 Miriam Brancia


… E la Luna rispose

“… E la Luna rispose. Taccuino notturno di visioni fiabesche e intuizioni astrologiche” di Massimo Bomba e Antonella Sotira Frangipane


Visse d’arte

Visse d’arte, Giacomo Puccini e le sue opere nella reinterpretazione pittorica di Corrado Veneziano


La Galleria Il Leone di Roma presenta la 2a edizione della mostra "La Magie dell'Erotisme"

Si è inaugurata una "intrigante" mostra alla Galleria "IL Leone" di via Aleardo Aleardi, a due passi dalla magnifico piazza di S. Giovanni in Laterano.


La Borgo Pio Art Gallery di Roma presenta - Evoluzione dell’arte “l’origine della vita-immagini”, mostra antologica dedicata al maestro Armando Arpaja  curata da Sveva Manfredi Zavaglia

Dare una definizione dell’arte del maestro Armando Arpaja non è facile, artista instancabile dalla carriera lunghissima, pittore, fotografo e poeta. Nato a Roma, ma cittadino del mondo, di quel mondo di cui è stato fedele testimone.


“Contemporanea – mente” - Un appuntamento d’arte all’Ambasciata della Repubblica dell’Iraq

Si è svolto nella splendida location dell’Ambasciata della Repubblica dell’Iraq il Vernissage “Contemporanea – mente” con l’ Ambasciatore dell’Irak a Roma: S. E. Saywan Barzani a fare gli onori di casa


Lo Spazio Espanso di Palazzo Capizucchi di Roma inaugura la mostra collettiva  “Artificialis”

La mostra curata dal marchese Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona diviene palcoscenico della metamorfosi natura-artificio, aggregazione di singoli processi di percezione visiva volti al coinvolgimento emotivo del pubblico.