Arte e cultura
Nel cuore del centro storico di Roma, a pochi passi da San Pietro prende il via un nuovo centro dedicato alla promozione di qualsiasi tipo di espressione artistica.
Sergio Ferroni

Inaugurato a Roma il nuovo polo dell’arte “Borgo Pio Art Gallery”

La galleria Borgo Pio Art Gallery  sorge in uno dei più bei borghi storici romani, Borgo Pio, in via degli Ombrellari,  è stata fondata da quattro amici accomunati dalla passione per l’arte, Paolo Pardi e Manuela Citti,  pittori dall’esperienza trentennale, Giovanna Canu storica dell’arte e Tiziana d’Eufemia esperta di marketing.  E’ stato scelto come logo della galleria l’araba  fenice, uccello leggendario simbolo di resilienza e rinascenza, già prima della pandemia si parlava di Rinascita e dopo quest’evento, che è andato a penalizzare in maniera particolare l’espressione artistica e culturale, l’esigenza di Rinascita si è fatta ancora più pressante.   La Borgo Pio Art Gallery si propone di promuovere qualsiasi tipo di espressione d’arte, ospiterà mostre di pittura, scultura, di fotografia e di complementi d’arredo, non trascurando la promozione di eventi letterari.  La galleria si è inaugurata sabato 15 ottobre con grande partecipazione di pubblico, con una panoramica di firme molto note e meno note, tutte ugualmente interessanti.  Gli artisti che hanno esposto alla mostra inaugurale sono: Elio Atte, Manuela Citti, Fridami(Manuela Carnini), Marussa Giovinazzo, Maupal, Luisa Muzi, Paolo Pardi, Andrey Protasov, Luca Pugliese, Patrizia Ricchiuti, Cristoforo Russo, Valter Sambucini, Anna Santilli, Generoso Spagnuolo, Natale Stefani.  La Borgo Pio Art Gallery  si è anche avvalsa della collaborazione dei curatori, Mario Tacinelli e Monica Ferrarini.

News correlate
Il gusto del design italiano

La mostra che racconta l’evoluzione del design nell’ambiente cucina, per celebrare l’ingegno e la creatività italiana


Antonio Fugazzotto presidente del Circolo delle Vittorie presenta il libro di Marco Travaglio “Israele e i palestinesi in poche parole “

“Israele e i palestinesi in poche parole” – Il libro delinea senza lungaggini e con chiarezza i tratti storici, importanti e forse fondamentali per comprendere meglio le dinamiche e anche le cause di uno tra i più annosi e sanguinosi conflitti


La critica d'arte internazionale Marta Lock presenta a Vienna la personale di Katia Papaleo

La magia pittorica di Katia Papaleo protagonista a Vienna, presso la prestigiosa e centralissima “City Gallery Vienna”


“AVEVO UN SOGNO…  con la mano sbagliata” -  Mostra personale di Miriam Brancia

Cinzia Cotellessa presenta nella sua galleria Studio CiCo di Roma la vincitrice della manifestazione SPACE ONE 2023 Miriam Brancia


… E la Luna rispose

“… E la Luna rispose. Taccuino notturno di visioni fiabesche e intuizioni astrologiche” di Massimo Bomba e Antonella Sotira Frangipane


Visse d’arte

Visse d’arte, Giacomo Puccini e le sue opere nella reinterpretazione pittorica di Corrado Veneziano


La Galleria Il Leone di Roma presenta la 2a edizione della mostra "La Magie dell'Erotisme"

Si è inaugurata una "intrigante" mostra alla Galleria "IL Leone" di via Aleardo Aleardi, a due passi dalla magnifico piazza di S. Giovanni in Laterano.


La Borgo Pio Art Gallery di Roma presenta - Evoluzione dell’arte “l’origine della vita-immagini”, mostra antologica dedicata al maestro Armando Arpaja  curata da Sveva Manfredi Zavaglia

Dare una definizione dell’arte del maestro Armando Arpaja non è facile, artista instancabile dalla carriera lunghissima, pittore, fotografo e poeta. Nato a Roma, ma cittadino del mondo, di quel mondo di cui è stato fedele testimone.


“Contemporanea – mente” - Un appuntamento d’arte all’Ambasciata della Repubblica dell’Iraq

Si è svolto nella splendida location dell’Ambasciata della Repubblica dell’Iraq il Vernissage “Contemporanea – mente” con l’ Ambasciatore dell’Irak a Roma: S. E. Saywan Barzani a fare gli onori di casa


Lo Spazio Espanso di Palazzo Capizucchi di Roma inaugura la mostra collettiva  “Artificialis”

La mostra curata dal marchese Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona diviene palcoscenico della metamorfosi natura-artificio, aggregazione di singoli processi di percezione visiva volti al coinvolgimento emotivo del pubblico.