Arte e cultura
Elio Tosti presenta presso la Borgo Pio Art Gallery di Roma la su personale “Le Porte” .
Sergio Ferroni

L’ artista Elio Tosti presenta la mostra personale “Le Porte” .

In qualunque linguaggio, ogni atto creativo è anche il varcare una soglia. Può senz'altro nascondere tranelli, come ci insegna Yves Bonnefoy in “Nell'insidia della soglia”.  Ma senza il suo attraversamento non ci sarebbero un prima né un dopo, nella creazione dell'opera come nella sua fruizione.   Non avrà assunto sostanze psicotrope Elio Tosti dipingendo le sue Porte, come quando Aldous Huxley scriveva il suo celeberrimo  “Le porte delle percezione”.  Ma tant'è, il riferimento è forte e ignorarlo altro non sarebbe che una forzatura.  Di certo ha ascoltato tanta musica (anche i Doors, viene da chiedersi?), da sempre se ne lascia accompagnare mentre lavora, facendone il sottofondo costante di un quarantennio univocamente dedicato alla pittura, lungo un percorso medianico dove l'artista diventa lui stesso il vascello - a volte il grimaldello perfino - di una percezione.  Prova ne siano le opere qui raccolte, i lavori più recenti in ordine cronologico del pittore romano, dove ancora una volta siamo presi per lo sguardo e gettati nell'esperienza rivelatoria della visione.  Rappresentano il punto di arrivo di una ricerca febbrile e indefessa, cominciata da adolescente con gli ormai lontani studi all'Accademia delle belle Arti di Roma sotto l'importante ala formativa di Sandro Trotti,  che Tosti tiene particolarmente a menzionare:  "dopo aver visto miei primi lavori figurativi, Trotti mi esortò subito ad ispirarmi ad altri artisti*.  Erano gli esordi di un percorso che avrebbe avuto, una volta superata la fase magistrale dell'astrattismo geometrico dei Mondrian e del dripping dei Pollock, la feconda tensione fra formale e informale come suo centro di gravità. E qual è la funzione precipua di queste opere se non quella di varco, di accesso, d'ingresso?  Contrappunto della funzione primigenia del quadro come finestra su un'immagine più o meno figurale, esse introducono a qualcosa verso cui soltanto l'interiorità dell'autore è in grado di ricondurci.  Le forme fluide, "biodinamiche" di queste opere evocano l'energia cinetica di un universo instancabile. Quasi tutte partono essenzialmente dall'intervento astratto all'interno di una tela divisa da confini geometrici. Sono il racconto di immaginifici flash attraverso l'incursione informale di una linea e l'uso delle campiture, che Tosti dispensa generosamente per creare una vibrazione/tensione con lo sfondo attraverso la quale - ci si passi il gioco di parole - la forma prende forma. Misurandosi di volta in volta con l'infinita potenzialità del caso - carico com'è di promesse e minacce - Tosti accompagna la figura lungo una strada che la riporta lì donde era partita.

Per questo il suo è un percorso sciamanico, dove artista e medium acquisiscono poteri e funzioni divinatorie in modo non dissimile da celebrati stregoni dell'arte come Kandinsky, Beuys, e ovviamente Jim Morrison. soprattutto, è un percorso che ribadisce la fede dell'autore nella veggenza della poesia, intesa nel suo senso forte di rotors, che osa dire l'ancestrale in un idioma forse anche involontariamente sospinto nell'attuale, non privo com'è di riferimenti grafici e digitali pur restando saldamente ancorato a tecniche miste. Tutto questo non sarebbe stato forse possibile senza l'attraversamento da parte di Tosti del mare magnum della controcultura sociopolitica di un'Italia prossima al riflusso degli anni Ottanta e che reagiva in maniera uguale e contraria alla stagione precedente dell'impegno e delle lotte quasi volendosene vergognosamente discolpare. E se si aguzza, per una volta, l'orecchio, da dietro queste Porte echeggiano gli allarmi della subcultura Beat come di quella del Settantasette, che inutilmente ci ammonivano dei pericoli che questo lugubre inizio di XXI secolo puntuale avrebbe maturato.  Attraversiamole dunque, ma senza chiudercele alle spalle. Quelli che verranno dopo di noi meritano di poterle varcare a loro volta.

Dal 17 al 24 febbraio, presso la Borgo Pio Art Gallery – Via Degli Ombrellari 2 - Roma

News correlate
Il Padiglione Malta alla Biennale arte di Venezia per la prima volta affidato ad un unico artista maltese

I WILL FOLLOW THE SHIP è il titolo della mostra allestita al Padiglione di Malta che trae ispirazione dal legame che unisce i maltesi al mare


Michele Rosa al Grenada Pavilion. Esposizione Internazionale d’Arte Venezia

Michele Rosa, artista scomparso nel 2021 all’età di 96 anni,sarà presente per la 60° Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia al Grenada Pavilion.


Camilla Grimaldi presenta MONOCROMO

Camilla Grimaldi gallerista e curatrice d’arte presenta nella sua galleria di Roma la mostra “Monocromo” di Alfonso Fratteggiani Bianchi


Artinscena, l' arte che va in scena

Artinscena, l'arte che va in scena, è un programma ideato e condotto da Carmen Morello per la Carmen Morello Productions srls, regia di Luciano Morelli


Ever in Art presenta la nuova  installazione dell’artista  Marco Nereo Rotelli “Door is Love” presso la Design Week Milano

“Door is Love” è un progetto artistico di Marco Nereo Rotelli che “apre le porte” verso un mondo migliore, dove l’amore vince sulla guerra.


Marisol Burgio di Aragona presenta “La scuola delle nonne” a Palazzo Borghese

"Questa è una raccolta di brevi storie, radicate nella mia memoria, che non ho vissuto tutte in prima persona” - Marisol Burgio di Aragona.


Alina Ciuciu, L' unicità del volto

La mostra personale di Alina Ciuciu, “L' unicità del volto”, presentata nella sede dell'Accademia di Romania in Roma


“…E la luna rispose”.

Presentato presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati il saggio storico e antroposofico “…E la luna rispose”. Taccuino notturno di visioni fiabesche e intuizioni astrologiche” di Massimo Bomba e Antonella Sotira Frangipane


Escher. Nel suo mondo fantastico tutto è possibile

A Palazzo Bonaparte a Roma l’artista olandese continua ad attrarre visitatori e la mostra di incisioni e litografie in cui si mescolano arte e matematica, la più ampia e completa a lui dedicata anche con opere inedite, è stata prorogata al 5 maggio


Avalon Waterways e la Senna: impressioni fluviali sulle orme di Monet

Da Parigi a Le Havre, passando per Giverny. Impressioni fluviali sulle orme di Monet. Le navi Avalon Waterways tornano, con la primavera, ad attraversare i fiumi d’Europa.