Cinema e teatro
Mita Medici in Elena o della passione amorosa ai Giardini della Filarmonica
Sergio Ferroni

Elena, una diva sul viale del tramonto

Per il mito di Elena, nell’adattamento teatrale di Salvo Bitonti, che ne cura anche la raffinata regia, dall’originale di Euripide con echi da Ritsos, si può parlare di un apologo sulle conseguenze della passione amorosa e di una riflessione sulla guerra.

Elena, nell’interpretazione di Mita Medici, ormai dimenticata da tutti, è quasi una diva sul viale del tramonto, prigioniera del proprio passato. Vive in un eterno presente, in un vecchio teatro abbandonato, ricoperto da un cechoviano velario bianco, sua ultima dimora.  Nell’incontro che ha con lo stesso pubblico che va a trovarla Elena compie un viaggio introspettivo. Spesso ricorda il suo amante, Paride o il marito Menelao e i personaggi del suo tempo come Ulisse e Penelope. La memoria ritorna anche agli episodi bellici che ha vissuto in prima persona e che sembrano riecheggiare recenti e attuali conflitti. Ricordi che si acuiscono nella riflessione sull’irresponsabilità altrui nel decidere del nostro destino;  il passato è popolato da fantasmi a cui nessuno fa caso mentre gli eroismi, i sacrifici, le sconfitte e la stessa incomprensibilità della guerra sembrano non aver senso.Accompagnano il suo monologo vecchie canzoni e musiche, da Cole Porter, a Peer Raben, da Lothar Bruhne a Nino Rota e MikisTheodorakis, quasi sussurrate dall’interprete, che evidenziano l’infinita dolcezza dei tanti amori perduti, mentre la recitazione è fascinosa tale da rapire il pubblico per gli stati d’animo continuamente cangianti tra memorie e sorrisi. Accenna anche a passi di danza tra il Cabaret tedesco e un Sirtaki dei tempi felici, momenti sottolineati da una regia misurata ed elegante, ricchi di echi sonori,  grazie alle note di Dario Arcidiacono. Il pubblico de I giardini della Filarmonica per la rassegna I solisti del teatro, l’ha lungamente applaudita e ha apprezzato anche un fuori programma con una poesia della Atwood e un finale dedicato a Roma conla Bolla de sapone di Trilussa.   Mita Medici ritorna a vestire i panni di Elena, il grande personaggio del mito greco, dopo averla interpretata in un mediometraggio nel 2007, accanto a Franco Nero, sempre con la regia di Salvo Bitonti, in una originale viaggio tra cinema e teatro.

News correlate
Fuori Uso

Lo spettacolo "Fuori Uso" si propone di intercettare i mutamenti socioculturali attuali, calando il teatro nel quotidiano e nelle tante facce del malessere della Generazione Z


“Cinque Giorni”:  il corto di Juan Diego Puerta Lopez realizzato in 144 ore al Pigneto Film Festival, vince il premio come Miglior Corto 2024 e il Premio del Pubblico.

‘Cinque giorni’ verrà presentato durante la prossima edizione del Festival del Cinema di Roma nella sezione Alice nella Città


Cortellesi, Garrone e Vicario tra i finalisti del 64mo Globo d’Oro

Le eccellenze del cinema italiano premiate dall’Associazione della Stampa Estera in Italia e il Premio alla Carriera va a Monica Bellucci


Parte a Roma una nuova Arena: il Cine Village di Villa Lazzaroni!

Due mesi e mezzo di programmazione cine-culturale nella nuova arena del quartere appio-latino immersa nel verde dello storico parco comunale.


Presentato a Roma il Film “ Le Stanze dell’Anima”  con Flora Vona e Samuel Peron.

Un’anteprima assoluta per il nuovo lungometraggio prodotto da International Cinema e CF Management, scritto e interpretato dalla cantante e attrice Flora Vona


CANNES A ROMA MON AMOUR !

Dal 24 al 30 giugno nella Capitale una selezione della migliore cinematografia internazionale proveniente dall’ultima edizione del festival di Cannes


Le stanze dell’anima

Arriverà a Settembre sugli schermi il film “Le stanze dell’anima” con Flora Vona e Samuel Peron


Il Mercante di Seta Nera

Presentato alla Stampa Estera “Il mercante di seta nera” opera prima del regista Antonio Centomani. Avvincente storia di un amore tra un nobile e una schiava nell’Inghilterra del ‘700


Recital per le celebrazioni del 3239 Natale di Tivoli “Una Vita in Parola”

Prosegue l’omaggio allo scrittore tiburtino Igino Giordani a 130 anni dalla nascita


Torna il Reality Travellers ideato e condotto da Carmen Morello per la Carmen Morello Productions srls.

Previste diverse tappe tra cui Barcellona con partenza da Civitavecchia sulla lussuosa nave traghetto Grimaldi Lines.