Arte e cultura
Inaugura giovedì 29 novembre, ore 19, presso Le Tartarughe Eat & Drink di Roma, la mostra I walk alone di Ivan Urban Gobbo: un progetto in divenire nato nel 2016; una narrazione di solitudini e città in più tappe e serie.
Ludovica Linari

Per l'occasione sono presentati i lavori su Amburgo e Lisbona, il primo a colori e il secondo in bianco e nero, cui si aggiunge un piccolo omaggio alla capitale: quindici fotografie che raccontano il rapporto dell'uomo con l’ambiente contemporaneo.
Siamo nell'ambito della street photography, con ampie vedute metropolitane e una quotidianità senza celebrazioni, incoerente, spontanea: se è vero che lo spazio condiziona il nostro stare al mondo, che il corpo si muove tra i pieni e i vuoti delle architetture proiettando e misurando su di esse se stesso, Ivan sceglie di inquadrare zone liminari, interstizi dove tradizione e nuovi assetti negoziano ogni giorno le proprie ragioni, confrontandosi tra mille contraddizioni. Esclusi i paesaggi da cartolina, è la parte urbana in via di cambiamento che lo interessa. È così che di Lisbona predilige le aree che portano al centro, quelle non ancora restaurate, che stanno affrontando solo adesso problematiche legate alla modernità. Strade in decadenza, spesso abitate da emarginati, dove gioia e tristezza sono l'una componente dell'altra. Di Amburgo sottolinea invece le strutture di transito o il vecchio mercato, in cui la mattina suonano gruppi rock e i ragazzi usciti dai locali condividono i loro riti con famiglie e bambini. Città di porto, di frontiera, gotica e recente, lattiginosa e cupa, è ripresa durante il lungo inverno, la neve che cade, semideserta. 
Non si tratta di descrivere la città, ma di restituirne la particolare percezione; di osservarne i mutamenti e gli effetti che produce su chi vive. Di frequente sembra che gli edifici, il costruito, incombano sulle persone; in alcuni casi una sottile indifferenza, distanza, permea uomini e cose. In tutte le immagini bello e brutto sono sospesi: addentrandosi nelle viscere di un'umanità fragile, l’unico approccio possibile è di empatia, poesia e partecipazione.

Ivan Urban Gobbo viene dalla musica, dal teatro. E dalla tela, con gli studi all’Accademia di Belle Arti. Non stupisce, dunque, che le modalità di narrazione trovino affinità con altri linguaggi. Le contaminazioni con la pittura, dalle atmosfere solitarie e di attesa a un certo uso di composizione e colore, si fondono con un taglio cinematografico. Di fermo-immagine, hanno parlato, definendo il suo lavoro; palese tanto nelle inquadrature larghe, dove la scena si disperde nei particolari, che nei campi stretti, in cui la figura, al centro, lascia intendere una sospensione tra un prima e un poi. Anche i ritratti dichiarano una precisa temporalità: che siano rubati o meno, nell’immediatezza che li contraddistingue – sono realizzati quando il soggetto perde il controllo, cioè nel passaggio tra l’emozione autentica e l’atteggiamento/maschera – hanno la capacità di ricostruire un mondo (privato), una storia. Infine, è ancora lo schermo (dal neorealismo alle pellicole odierne, impegnate) a tracciarne l’obiettivo: la descrizione, scevra di retorica, dell’affanno quotidiano. Per Ivan la fotografia deve riportare coi piedi per terra, metter di fronte a disagio e lotta, perché senza di questo, la cura formale, non ha senso.  

I Walk Alone Project di Ivan Urban Gobbo
Inaugurazione: giovedì 29 novembre ore 19.00
Fino al 7 gennaio 2019
Dal lunedì alla domenica ore 15.00-23.30
Le Tartarughe Eat & Drink
Piazza Mattei 7/8, Roma | 06 6476 0520
Ingresso gratuito

 

 

News correlate
Premio Letterario Casentino 46a Edizione

Assegnato a Bruno Scapini il Premio Speciale per la Narrativa Internazionale


Sfumature Armoniche”: grande successo per la mostra nella Coffee House di Palazzo Colonna con Giuliano Grittini

Il vernissage del noto fotografo ed artista milanese


Toiletpaper & Martin Parr in Mostra a Villa Medici

Continua fino al 31 ottobre


Il continuo divenire di Giuliana Silvestrini e Carlo Franchini in “Fluxus”

La Grafica Campioli Galleria d’arte & cultura di Monterotondo presenta la mostra bipersonale “Fluxus” di Giuliana Silvestrini e Carlo Franchini


Pierfranco Bruni presenta per Pagine di Storia "Dante. Raggio Divino"

Non commentarla mai. La magia può essere spiegata? Su Pagine di Storia, presentazione del libro di Pierfranco Bruni "Dante. Raggio Divino"


Villa Medici: l'estate 2021 con tre esposizioni in contemporanea

Con tre esposizioni in corso per tutta l'estate, l'Accademia di Francia di Roma offre l'opportunità a tutti i visitatori di esplorare i suoi giardini ed i suoi spazi espositivi interni attraverso tour guidati in tre lingue.


Il pensiero e l’opera pittorica di Serafino Valla

E’ stata inaugurata lunedì 12 luglio, la personale del maestro Serafino Valla, una bella esposizione; in mostra ci sono tante opere, mostrate magistralmente in una cornice suggestiva, fra le Stanze del Palazzo Comunale di Pontremoli; in terra di Lunigiana


Quadriennale d’arte 2020 – FUORI: Presentazione del volume pubblicato da Treccani - Roma, Palazzo delle Esposizioni

La presentazione si terrà nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni e prevede i saluti iniziali di Umberto Croppi, presidente della Fondazione La Quadriennale, e di Cesare Pietroiusti, presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo.


Sfumature Armoniche al via la mostra con Giuliano Grittini nella Coffee House di Palazzo Colonna

Dal 16 al 18 luglio 2021 dalle ore 14.00 alle 19,00 l'apertura al pubblico dell'esposizione


Lo studio Legal 4Transport di Roma presenta la mostra di Grazia Fanfani “Colori in movimento”

Scrive in catalogo Caterina Napoleone, curatrice della mostra: “Accostare le tinte vive in contrasti smaglianti e destare sensazioni che sollecitano l’immaginazione in un’armoniosa catena di emozioni, è l’essenza della pittura di Grazia Fanfani