Enogastronomia
Rapporto tra l'enogastronomia e la musica
Sergio Panajia



Ci si potrebbe chiedere cosa hanno in comune la musica e il Cibo

E la naturale risposta che ne scaturirebbe sarebbe: “nulla”!

Invece non è così!


Ambedue rispondono a stimolazioni sensoriali che fanno capo alla stessa “sala di comando” che è il cervello. 

Questo è uno degli aspetti che nell’ambito dei corsi “Emozioni multisensoriali del BenESSERE attraverso il Cibo, che l’Accademia dell’Ass.ne Gust’ArTe sta programmando, si prefigge di far emergere 


E allora perché non metterli in relazione tra di loro? Creare un dialogo, una stimolazione multisensoriale.


 In questo contesto si inserisce il:  “PROGETTO E.M.S.” Esperienza Multisensoriale tra musica e Cibo, nell’ambito delle lezioni di enogastronomia.

Si partirà col Primo Movimento della Sinfonia n. 6 “Patetica” in si min. op. 74 di Cajkovskij che verrà messa in relazione con delle “particolari” tartine preparate in collaborazione con la Dott.ssa Iannone esperta gastronomica, per illustrare le relazioni che intercorrono tra Musica&Cibo.

       E' stato scelto un movimento di una sinfonia che rappresenta il “testamento spirituale” di uno dei più grandi compositori romantici per accostarla a quelli che secondo i principi della cucina macrobiotica sono i 5 Sapori fondamentali: il Piccante, l’Acido, il Dolce, il Salato, l’Amaro, in modo da far emergere tutte le sintonie esistenti tra l’ascoltare la musica e il gustare un cibo. Le tartine, in varia misura, rappresentano uno o piu’ sapori che accompagneranno un momento specifico di questa musica. Per esempio il tema principale: il  leit-motiv di grande intensita’ lirica, sara’ messo in relazione con una tartina dolce al cioccolato. Questo perchè la dolcezza della musica evoca sensazioni gustative simili del palato.  Naturalmente questi accostamenti sono un qualcosa di arbitrario e soggettivo; diciamo pure che sono una sperimentazione o performance artistico - gastronomica. 

La finalita’ è quella di stabilire delle relazioni che possano servire ad affinare la sensibilità percettiva dei diversi momenti musicali in cui è strutturato il movimento della sinfonia.

    In questo modo si favorisce una più profonda e intima percezione del “significato emotivo e formale” della musica.



Ricercatori californiani dello Scripps Research hanno rilevato che il sistema olfattivo non funziona sempre allo stesso modo.

Infatti, il team di ricercatori Usa, attraverso una tecnica che fa brillare le connessioni neuronali, ha verificato che il viaggio degli odori dal naso al cervello non è necessariamente uguale per tutti, in quanto gli effluvi seguono percorsi differenti e la percezione olfattiva potrebbe variare da persona a persona.

In altre parole l’impulso odoroso, una volta captato e decodificato dalla mucosa nasale non segue la stessa strada per raggiungere la cosiddetta corteccia olfattiva primaria, che si trova nel cervello e che è in grado di interpretare oltre 10.000 odori.

Ciò nonostante, i ricercatori californiani dello Scripps Research non sono, però, riusciti a spiegare come mai pur utilizzando differenti percorsi da individuo ad individuo la percezione finale dell’impulso odoroso è, in fine dei conti, uguale tra tutti gli individui.

Infatti, a mio avviso, al di là dell’aspetto fisiologico della percezione olfattiva, che è uguale in tutti gli individui, la differenza che ci distingue è, da un lato, di tipo culturale e, dall’altro, di natura educativa.

Proprio nel campo gastronomico, infatti, sul piano culturale, ciò che per un popolo o una nazione può costituire un “profumo”, costituisce, invece, un “olezzo” per altri.

Scendendo nel particolare, al di là di chi è particolarmente dotato per natura, tutti possiamo essere “educati” a distinguere i diversi odori e sapori che compongono una pietanza.



News correlate
TORNA IL BUCO – RISTORANTE TOSCANO DAL 1901

Un angolo di Toscana nel cuore della capitale da 121 anni


Da  Fico non solo il bar ma anche il ristorante guidato dallo Chef Massimo Baroni!

In Via della Pace, a due passi da Piazza Navona, il ristorante dello storico Bar del Fico conquista con una cucina concreta e moderna in un’accogliente serra retrò.


Grande successo a Roma per il progetto “Le Radici del Gusto”

Roma, Food: presentato il progetto "Le Radici del Gusto", arte ed enogastronomia del Lazio. Madrina della serata Denny Mendez


The Wine District – Molto più di un sorso di vino

Al via presso Micro Arti Visive di Roma, la prima edizione di The Wine District, evento che celebra il vino e la sua forte connessione con le arti.


Cipolla Bianca di Margherita Igp e Pecorino Romano Dop s’incontrano a Roma

Ad accogliere i due Consorzi di tutela è stato l’attore Lino Banfi


La sostenibilità delle aziende del settore agroalimentare: il primo Global Summit

Convegno a Villa Necchi a Milano organizzato da Gambero Rosso: esperienze e strategie di sostenibilità con 25 relatori a confronto


Grana Padano Dop: Cia, marchio esemplare sui mercati e per sostenibilità

L’intervento del nuovo presidente nazionale Fini all’Assemblea del Consorzio Tutela. Prima uscita pubblica dalla proclamazione


Olio Santo, il gusto "Hot" dello Street Food pugliese

Ricca di sapori e di profumi , la cucina pugliese è rinomata per la sua speciale genuinità


BEST WINE STARS 2022

Molta affluenza per la terza edizione il 14 e 15 al Palazzo del Ghiaccio a Milano


My Selection2022: dopo 78 milioni di panini venduti McDonald’s conferma il successo della collaborazione con Consorzi di tutela, OrigIn Italia, Qualivita e JoeBastianich

McDonald’s rafforza gli investimenti sulle filiere DOP e IGP e sul comparto agroalimentare italiano: +20% rispetto al 2020