Arte e cultura
Al via la sesta edizione del “Festival Creature – Il suono si fa spazio”, per esplorare l’architettura attraverso il suono con podcast, tour, workshop e installazioni acustiche in luoghi inaccessibili
Sergio Ferroni

Festival Creature 2022 – Il suono si fa spazio

Tour acustici, podcast, workshop e mappe sonore per indagare il rapporto fra architettura e musica, coinvolgendo artisti di rilievo del panorama musicale. È il Festival Creature - Il suono si fa spazio, a Roma dal 24 novembre al 18 dicembre, giunto alla sua sesta edizione. Organizzata da Open City Roma, la rassegna costituisce un appuntamento molto atteso da chi della Capitale vuole conoscere un volto nuovo, per esplorare l’architettura in maniera inusuale, attraverso la musica e il modo in cui i suoni lapercorrono e riverberano, ascoltando brani musicali composti proprio per quei posti.

È questo il terzo e ultimo capitolo dell’esplorazione urbana attraverso i suoni, dopo che nel 2020 il festival era dedicato all’architettura della città di sotto e nel 2021 alla città di sopra.

Un’occasione per guardare alla città da una prospettiva nuova, grazie alle visite gratuite in alcuni dei luoghi più belli e inaccessibili di Roma, per creare forme di ibridazione fra arti e contesti differenti, mirando a sovvertire il punto di vista non solo sull’opera ma anche sul contesto che la ospita, specialmente se questo è un luogo poco conosciuto.

«Attraversando ogni architettura, anche la più modesta, si compie un’esperienza dello spazio – spiega Davide Paterna, curatore del Festival Creature - Il suono si fa spazio ma lo spazio cos’è se non la composizione di quanto l’insieme dei nostri sensi riesce a elaborare dell’ambiente che ci circonda? Quando “ascoltiamo”uno spazio creiamo un rapporto intimo tra noi e questo: ècome diventare parte di uno strumento che ri-suona integrando la nostra corporeità.»

Il progetto, promosso da Roma Capitale-Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020-2021-2022, curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.  Il “Festival Creature - Il suono si fa spazio” è realizzato in partnership con: Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma del Ministero della Cultura.

Archisound, l’architettura suona

Luogo prescelto per quest’ultimo anno è il cosiddetto Tempio di Minerva Medica, nel quartiere Esquilino, stretto tra il fascio di binari della Stazione Termini e la ferrovia leggera Roma-Pantano. Dall’interno del monumento a pianta decagonale e con mura che si innalzano fino a più di 20 metri, la sensazione di isolamento viene continuamente interrotta dallo sferragliare di treni, dalle scintille dei pantografi, dai fischi lontani dei convogli che arrivano in stazione. Il sito, da poco restaurato, ospiterà una nuova installazione sonora dei Meta Diapason, già presenti nell’edizione 2021 del festival con l’opera sonora a Palazzo INAIL. Inoltre nello spazio centrale,attraverso tracce audio, immagini e filmati, sarà possibile ripercorrere gli Archisound precedenti ovvero le performance dei sound e visual artist coinvolti: Beng!Band, Ice One, Meta Diapason, Teho Teardo, Riccardo Sinigallia, Adriano Viterbini. Ai visitatori verranno fornite cuffie professionali e device portatili con cui potranno ascoltare i brani realizzati appositamente per il luogo e riascoltare quelli prodotti nelle due precedenti edizioni del festival.

Ascoltare l’architettura: esplorazioni sonore in città

Per l’ultima edizione del Festival Creature - Il suono si fa spazio Open City Roma ha scelto tre quartieri, che danno modo di conoscere Roma da punti di vista nuovi: San Lorenzo, Casalbertone, Piazza Vittorio. Il tour sonoro a San Lorenzo (sabato 26 novembre ore 15) è accompagnato dalla voce di Francesco De Gregori, che racconta nella sua “San Lorenzo” la notte del 19 luglio 1943, quando il quartiere fu scenario di uno dei bombardamenti più massicci che colpirono Roma. Inoltre il giovane cantautore Nebraska racconta la notte del 15 agosto del XXI secolo tra punkabbestia e universitari caotici.  Attraverso la musica di ieri e di oggi in questa esplorazione urbana sonora si cerca di capire come è cambiato San Lorenzo tra movida, impegno politico ed energie creative, per immaginare il suono del futuro del quartiere. L’esplorazione di Casalbertone (domenica 27 novembre ore 10.30) vedrà, invece, il commento sonoro di Pierpaolo Pasolini, che oltre a essere stato scrittore, poeta, regista, giornalista e intellettuale si è dedicato anche alla composizione di canzoni insieme a Laura Betti e Gabriella Ferri. I suoi testi, da “Macrì Teresa detta Pazzia” al “Il Valzer della Toppa”, “da Cocco di Mamma” al “Cristo al Mandrione”, sono una piccola antologia della vita in periferia. In questo tour le parole in musica create da Pasolini accompagnano il racconto degli aspetti storico-urbanistici di Casalbertone, che si intrecciano con le storie umane dei suoi abitanti. Una passeggiata “scanzonata” fino ad arrivare al Palazzo dei Ferrovieri, tanto caro a Pasolini che vi ha ambientato alcune scene di “Mamma Roma” e “Una vita violenta”. Ci sarà poi il tour sonoro a Piazza Vittorio Emanuele II (domenica 27 novembre ore 15), che con i suoi 174 metri di larghezza e 360 metri di lunghezza, è la piazza più grande di Roma. Un primato che non tocca solo le sue dimensioni fisiche ma soprattutto l’aspetto culturale, dal momento che Piazza Vittorio è il luogo in cui si incontrano la comunità cinese, pakistana, indiana, filippina, nordafricana, tanto che percorrerla vuol dire fare un viaggio attorno al mondo e venire in contatto con il volto multiculturale della Capitale. Ma non solo, significa anche  spostarsi nel tempo, scoprendo un ninfeo del 226 d.C., i resti degli Horti Lamiani nei sotterranei di un nuovo edificio, due statue del dio egizio Bes e la seicentesca Porta Alchemica, che dava accesso al giardino del marchese Savelli-Palombara.

I podcast, la musica si fa spazio

Una raccolta di podcast inediti accompagna l’edizione 2022 del Festival Creature - Il suono si fa spazio, si tratta di brani scritti da Giorgio Pasqualini e Paola Ricciardi con la voce di Sara Armentano, dedicati al rapporto tra musica e architettura. Ogni podcast racconta di una sperimentazione lunga e stratificata nel tempo che ha messo in relazione musica e architettura in forme di contaminazione reciproca, in cui i confini fra l’una e l’altra arte sono stati intenzionalmente cancellati; un viaggio nei luoghi in cui si sono svolte alcune delle più interessanti sperimentazioni sonore dal Novecento a oggi, portate avanti da musicisti visionari, folli, geniali come Luigi Russolo a Raymond Murray Shafer, tutti legati tra loro da un filo invisibile: l'idea che prima ancora di imparare a suonare, il bravo musicista deve imparare ad ascoltare.

Workshop Cacciatori di suoni

Dopo l’adesione attiva e partecipata degli studenti negli scorsi anni, ecco l’ultima edizione dei laboratori Cacciatori di suoni, dedicati alle scuole superiori di secondo grado. Una prima sessione teorica è seguita dalla realizzazione da parte di ragazze e ragazzi di un brano originale, che prenda spunto dall’architettura e dalla topografia del quartiere nel quale si trova il loro edificio scolastico. La traccia audio può essere composta da suoni naturali, registrati in presa diretta nel quartiere e da suoni eseguiti dai partecipanti con strumenti acustici o elettronici anche non convenzionali. Il brano verrà poi pubblicato sul sito ufficiale del Festival Creature - Il suono si fa spazioScuole partecipanti: Liceo Ginnasio Statale Terenzio Mamiani, Liceo Scientifico (Musicale) Statale Farnesina, Liceo Ginnasio Statale Francesco Vivona. 

I promotori: Open City Roma

Fondata nel 2010, l’associazione Open City Roma cura la realizzazione di eventi artistici e culturali nella Capitale al fine di tutelare, promuovere e valorizzare le risorse ambientali e il patrimonio storico, artistico, architettonico e sociale presente sul territorio della Capitale. L’attività di Open City Roma si focalizza sulla trasformazione della realtà urbana, incentivando la partecipazione attiva dei cittadini alla vita culturale del territorio con numerosi eventi.  Oltre al Festival Creature – Il suono si fa spazio, la programmazione culturale di Open City Roma nella Capitale prevede gli appuntamenti annuali di Viaggi nei paraggi, la rassegna sulla città come paesaggio culturale da esplorare; di Open House Roma, l’evento che valorizza il patrimonio architettonico come bene pubblico da condividere e Genius loc i- Dove abita il genio, il festival nel quale si indaga il rapporto fra scienza e architettura. Inoltre durante tutto l’anno Open City Roma cura le aperture straordinarie e le visite guidate a luoghi di grande interesse architettonico, come la Villa Saracena di Luigi Moretti e la Casa sperimentale di Giuseppe Perugini.

www.openhouseroma.org/

www.facebook.com/OpenHouseRM

www.instagram.com/openhouse.roma/

News correlate
L’Arte di Cristoforo Russo

Cristoforo Russo, nasce a Torre del Greco artista e pittore italiano proveniente dalla scuola del Maestro Vito Esposito (1935-2021).


Antonella Polenta: un’autrice romana alla ribalta

Discendente dalla famosa Francesca da Rimini citata nell’Inferno di Dante Alighieri, è stata omaggiata con diversi premi letterari


La Galleria MICRO Arti Visive presenta la mostra “UNCONFORT ZONE” - Una scomoda immersione nei lavori di Aviv Wolfson

Giovedì 1 dicembre 2022 inaugura, negli spazi di Micro Arti Visive di Paola Valori a Roma, il progetto UNCONFORT ZONE di Aviv Wolfson, promosso da ArtPlatform, a cura di Dafne Crocella.


Street Art, Iran - "Donna, Vita, Libertà", la nuova opera omaggio alle donne iraniane di Laika

All’alba del 24 novembre, alla vigilia della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne è apparso un nuovo poster di Laika.


Il Teatro Argentina di Roma presenta “ Sempre aperto Teatro” omaggio a Patrizia Cavalli

Patrizia Cavalli è una delle voci più amate della poesia contemporanea.


Rosa Cacace arriva a Roma con Iterazioni Narrative

La mostra presso la Sala del Municipio 1 Roma centro da sabato 26 novembre al 12 dicembre 2022


Theodoli e la Pop Art, binomio da scoprire.

Chi ama l'arte e specialmente una corrente particolare come la Pop Art, non potrà fare a meno di apprezzare Luca Theodoli, un'artista che semplicemente accostare alla famosa corrente diventa addirittura riduttivo.


La Tevere Art Gallery di Roma presenta la mostra collettiva THINK DIVERSE! genere, identità, cultura

Sabato 19 novembre 2022, negli spazi della TAG - Tevere Art Gallery, inaugura la Mostra collettiva THINK DIVERSE! genere, identità, cultura, a cura di Barbara Lalle e Marco Marassi


La Borgo Pio Art Gallery di Roma presenta la mostra collettiva "Never Again"

La Borgo Pio Art Gallery in occasione del 25 novembre "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne" ha organizzato una mostra collettiva Never Again


Lo scrittore Pascal Schembri presenta il libro “Sconosciuti a se stessi” Storie di disturbi bipolari

Sconosciuti a se stessi sono gli individui affetti dal disturbo bipolare che “quando sono felici esagerano e quando sono tristi sono troppo tristi”.