Enogastronomia
Il nuovo locale di Roma Nord con sfumature celesti di nostalgia è pronto a colorare e a scaldare le serate romane per tutta la stagione fredda.
Francesca Sirignani

Ristorante Celeste: dove riassaporare cari ricordi

Con un arredamento minimal, moderno e caldo, con luci soffuse e un’atmosfera intima, il ristorante Celeste si presenta ai suoi clienti nel cuore del quartiere Fleming di Roma.

Un gruppo di giovani soci ha, infatti, messo insieme le proprie storie, fatte di sogni e di progetti che, incrociate, hanno fatto nascere subito una profonda sinergia di vedute. È nata così Celeste, una tipica villetta a due piani sottoposta ad un restyling a 360 gradi: un dehors nascosto con 40 sedute e 60 coperti interni che si sviluppano tra la tradizione del ristorante a piano terra e la modernità del club al piano superiore. In cima alla bella scala blu e al di là della tenda in velluto si accede (ogni sera a partire dalle 18:00) al club con cocktail bar e dj set.

Un progetto che ambisce a diventare il nuovo punto di riferimento non solo del quartiere ma di tutta la zona a Nord della capitale. Celeste nasce, per caso, dall’estro della celeberrima Simona Cipolloni, scenografa televisiva e restauratrice, che nel curare il design dell’insegna ne ha dipinto di color celeste le sale principali.

La cucina è strettamente legata alla tradizione, volta a valorizzare l’autenticità del territorio, ricreando i sapori di un tempo attraverso tecniche innovative e nell’assoluto rispetto della materia prima.

Lo Chef Daniele Cardinale ha sposato con entusiasmo il progetto. Nel pieno della cucina gourmet di rivisitazione, da Celeste si opta invece per la confortante cucina classica all’italiana, con richiami agli anni ’80 e ai suoi sapori: cocktail di gamberi, vitello tonnato, filetto al pepe verde, cotolette, spaghetti alle vongole, frittura di calamari, pennette alla vodka. Dolci come creme caramel, tiramisù, panna cotta, tartufo bianco e torta di mele.

Quella zona confort della gastronomia italiana a cui si guarda con nostalgia, ripresentata con modernità. Chef Cardinale, con esperienze nei 5 stelle lusso e l’ultima decennale esperienza da Junior Chef all’Hotel De Russie, ha colto il sentimento della proprietà e ha tramutato il loro sogno in un menù che è sinonimo di garanzia per il palato. I capisaldi della sua cucina si rintracciano nella valorizzazione delle materie prime, nella ricerca costante dei prodotti di eccellenza e dei piccoli fornitori locali, per assicurare una filiera corta ma di qualità.

Celeste dà, inoltre,  appuntamento ogni giovedì sera per il suo evento targato “Celeste Nostalgia” – che vede la musica del Dj Set Emanuele Vesci (musicista, producer musicale, DJ internazionale da Hong Kong a Londra e Resident Dj del Raspoutine) accompagnare gli ospiti dall’aperitivo fino al dopo cena. Dalle 23:30 la festa prosegue al club con il Piano Bar di Giorgio Marconi (pianista e cantante pop, romano classe ’68, apprezzatissimo per le sue irriverenti interpretazioni del repertorio del piano bar). Tante serate evento che scalderanno i giovedì sera capitolini per tutta la stagione fredda.

La proposta food modula anche la Cantina che - limitata ma ben delineata tra bianchi, rossi, bollicine e rosè - varia e fa da riflesso alla cucina. Il Cocktail bar, gestito dal Bar Manager Matteo Panichi, riporta in auge la tradizione con negroni o vermut, senza bisogno di cedere a sciroppi e coloranti.

Accostamenti essenziali che rendono ancora più piacevoli i momenti da vivere da Celeste.

 

Francesca Sirignani

 

PER INFORMAZIONI:

CELESTE

Via Flaminia, 609 – 00191 Roma (Fleming)

Aperti dalle 18:00 alle 2:00, dal martedì alla domenica

Cell.393/2101013

Email: elianaman.el@gmail.com

https://www.instagram.com/celeste_ristorante_roma/

 

Francesca Sirignani

Giornalista pubblicista specializzata in tematiche turistiche ed europee. Ha conseguito una laurea in Giurisprudenza e, dopo aver ottenuto la seconda laurea in Studi Europei ed Internazionali, ha approfondito la conoscenza dell’inglese e del francese viaggiando e frequentando corsi linguistici all’estero. Collabora con diversi un periodici specializzati in viaggi e rivolti a chi è appassionato di turismo, cultura ed enogastronomia. Si è occupata anche della redazione dei magazine dell‘ Hotel Indigo St. George, un boutique hotel 5 stelle lusso di Roma. La passione che nutre per le culture, le tradizioni e i paesaggi di altri popoli l’ha sempre portata a viaggiare e a fotografare molti Paesi.

News correlate
ANNA FEDERICI, PROPRIETARIA DI AZIENDA AGRICOLA BOCCEA: DA UN SOGNO A UNA SPLENDIDA REALTÀ

Aperto il nuovo punto di vendita aziendale che offre una varietà di prodotti biologici e biodinamici


Diciassettesima edizione di Golosaria a Milano

Successo per l' AREA DEDICATA AL BERE MISCELATO


Polpetta Gluten Free: dove tutto è polpettabile

A due passi dalla prima, storica sede in zona Ostiense nasce un nuovo format per accontentare proprio tutti.


PROFUMI, GUSTI  ED EMOZIONI  CULINARIE DELLO CHEF GIUSEPPE STANZIONE

Uno scrigno ricco di tesori all’ hotel Santa Caterina di Amalfi


A Colleferro da "Porco Rosso": un pub per tutti i gusti

Porco Rosso compie 9 anni e festeggia con un restyling dallo stile più maturo e una proposta gastronomica sempre più inclusiva.


Uscita la guida BAR d'ITALIA del GAMBERO ROSSO 2023

A MARELET a TREVIGLIO (BG) il premio illy Bar dell'Anno per il suo impegno verso i temi della sostenibilità e l'attenzione all’impatto ambientale.


Cipolla Bianca Margherita Igp: il punto sul progetto Cipomar

Nell’occasione verranno illustrate le prove di raccolta meccanizzata, biocontrollo e biofertilizzazione


Forte dei Marmi : Ristorante “Catch Claw’s”  il suo primo fornitore è il mare

Tra i segreti del successo la cura del dettaglio e la scelta di ottime materie prime


Dopo lo straordinario successo del 2019, e il lungo stop per la pandemia, Valmontone torna a vivere la IV edizione di ARMONIE DI OTTOBRE

Il festival organizzato dall’Associazione Bibere de Arte (nell’ambito del progetto “Arte da bere – Le dimore del vino”) per portare sui piatti e nei bicchieri un territorio e le sue eccellenze.


LE DUE ECCELLENZE DI GIANO BISTROT: RICERCATEZZA E SEMPLICITÀ DI SAPORI

Mediterranea, fusion e alternativa: la cucina dai sapori genuini dello Chef Roberto De Magistris.