Cinema e teatro
“Immacolata Concezione” è la storia di un microcosmo siciliano fatto di omertà, violenza e presunzione, ma anche di quell’autenticità tipica della carnalità isolana.
Sergio Ferroni

Il Teatro Sala Umberto di Roma presenta “Immacolata Concezione”

Sicilia, 1940.

Concetta è una ragazza silenziosa ed innocenteche il padre, caduto in disgrazia,baratta in cambio di una capra gravidacon Donna Anna, tenutaria del bordello del paese. Concetta, estranea ai piaceri della carne e a qualunque "adulta" concezione della vita, non oppone alcuna resistenza. Del resto, nessuno le ha mai spiegato cosa voglia dire fare l’amore.  Ben presto la fama “della nuova arrivata” raggiunge tutto il paese: ma nessuno sa di preciso quali siano i piaceri che regali agli uomini per farli impazzire così tanto.Concetta, infatti, è vergine. Ha il dono di “sentire” l'anima dei suoi clienti,portando alla luce la loro fragilità più nascosta.

“Immacolata Concezione” racconta la potenza e il culto dell’immagine che, arrivando a disumanizzare un corpo vivente per trasformarlo in feticcio, è soggetto alla necessità d’instaurare una relazione fondata sui desideri inespressi del proprio inconscio. IMMACOLATA CONCEZIONE racconta quale terremoto possa generare l’incontro tra spiritualità e carnalità sul piano della collettività. Gli anni ’40 rappresentano uno spartiacque essenziale nella storia dell’umanità. L’avvento della Seconda guerra mondiale, con tutto quello che ha causato, ha rivelato come l’essere umano stesso sia stato brutalmente reificato e desacralizzato. Da quel momento storico la visione stessa dell’umanità, sia nelle relazioni tra gli uomini che nel rapporto con il potere, muterà profondamente e il concetto stesso di sacro cesserà di avere una corrispondenza nel piano del reale. IMMACOLATA CONCEZIONE, ambientato alla vigilia della guerra, racconta il punto di snodo di un sistema sociale in cui le relazioni vorrebbero ancora essere prodotte invece che brutalmente consumate. Sebbene raccontino un mondo in cui può esistere ancora futuro e speranza, contengono già il germe di quella deriva malata che troverà nel conflitto mondiale e nei regimi totalitari una possibilità d’espressione. Guardare attraverso i personaggi di “Immacolata Concezione” è come sfogliare le pagine di un vecchio diario e scoprire le oscillazioni più fragili delle loro anime; come avere accesso alla memoria collettiva e storica che abita in noi e genera le nostre più antiche passioni. Il tempo della storia è il passato che qui si fa molla per il futuro: per riscriverne uno nuovo. E noi, spettatori del mondo di oggi, ci aggrappiamo a qualche ultimo brandello di un passato carico di valori e speranza. Non c’è fiducia nel progresso. Non c’è fiducia nel tempo che verrà. È solo guerra, minaccia di guerra, guerra senza frontiere e senza regole. E noi abbiamo solo bisogno di amore, amore e altro amore.

News correlate
Festa del Cinema di Roma

La street artist LAIKA presenta alla Festa del Cinema di Roma il documentario “Freestyle: "Life Is (Not) A Game"


Al via la quarta edizione di “TEATRinSCUOLA”

“TEATRinSCUOLA” la cui direzione artistica è affidata a Pino Strabioli, attore, autore, conduttore televisivo, regista teatrale che da sempre si divide fra piccolo schermo e teatro.


“Napoli nel cuore”: la serata solidale torna in presenza con decine di ospiti

“Napoli nel cuore” vuole raccontare quell’universo sociale e culturale che la città partenopea più amata al mondo ha espresso nella storia


Il Teatro Vittoria di Roma presenta “Canova Svelato, gli illusionisti della danza”

Lo spettatore potrà assistere ad una vera e propria traslazione: le opere d’arte del Maestro di Possagno prenderanno forma nel mondo contemporaneo.


A Roma nasce “Italian Showgirl Academy” della vulcanica Holly’s Good

Corsi mirati alla preparazione a 360 gradi di una vera Showgirl Internazionale, divisi su più livelli sia per chi vuole mettersi in gioco per la prima volta, che per chi mira ad una carriera vera e propria.


Ricordi su Walter Chiari in un monologo teatrale interpretato da Masha Sirago

"Ve lo racconto io Walter Chiari!"


Venezia79: Tutti i vincitori del Premio Kinéo

Il Premio Kinéo, ideato e diretto da Rosetta Sannelli (presidente dell’Associazione Culturale Kinéo), che quest’anno compie vent’anni. Alla 79^ Mostra del Cinema di Venezia, annuncia tutti i premi di questo anniversario.


The Shadows Factory presenta “Santa Guerra” un film di Samantha Casella

Santa Guerra è un film che alterna l’onirico al surreale per trattare tematiche delicate ed universali e che fa della sperimentazione artistica il suo punto di forza.


In arrivo il primo film dell’influencer Charlotte M. prodotto da Notorious Pictures

Sono in corso le riprese del primo film della popolarissima YouTuber/TikToker Charlotte M., la giovane content creator che dal 2016 spopola sul web, con numeri da capogiro


“Ve lo racconto io Walter Chiari!” regia di Rocco Cesareo

Monologo teatrale interpretato da Masha Sirago