Turismo
Con la fine dell’estate, nell’autunno del Monterosa, l’enogastronomia si prepara a tornare protagonista.
Sergio Ferroni

Monterosa Ski: Sapori d’autunno: gusto e natura al Monterosa

Eventi, feste ed esperienze da leccarsi i baffi animano le valli d’Ayas e di Gressoney, mentre sulle strade riappaiono i pullover e i profili sinuosi della montagna si trasformano in una tavolozza d’artista coi mille colori del foliage.  Scorci da togliere il fiato che attirano, nei mesi caldi, cicloamatori, climbers ma anche solo appassionati di trekking, mentre d’inverno si trasformano in piste da sci.  Un territorio plasmato in una maniera unica dalle persone che lo vivono quotidianamente.  L’aria frizzante della montagna d’autunno stimola l’appetito ed è facile lasciarsi coccolare dalle bontà offerte dalla straordinaria cucina locale, genuina quanto pregiata.

Scopriamola insieme.

Il meraviglioso scenario alpino offerto dal Monterosa va di pari passo con il paesaggio storico-culturale disegnato dai popoli che nei secoli hanno abitato queste terre: lo si vede nei castelli, nei vicoli dei villaggi arroccati ai lati dei suoi torrenti, nei sentieri ritagliati dentro boschi fitti e lungo pendii scoscesi. Ma lo si sente soprattutto nella cucina di questa straordinaria Regione. Salumi e formaggi conosciuti in tutto il mondo la fanno da padroni, accompagnandosi a vini pregiati e cereali di montagna, coltivati da secoli in queste terre, con cui si preparano zuppe, polente e pane nero. Piatti semplici, ricette antiche e garanzia di genuinità e filiera corta. Tutti a tavola, allora! Scopriamo insieme i sapori delle vallate del Monterosa! 

Val d’Ayas: bontà a Km 0

La Val d’Ayas è sicuramente uno dei grandi gioielli paesaggistici che si aprono ai piedi del massiccio del Monte Rosa. Scavata dal torrente Evançon, che si unisce alla Dora Baltea proprio ai piedi dello splendido castello di Verrès, la Val d’Ayas è contraddistinta da una natura rigogliosa, nonostante le vertiginose pendenze che portano queste montagne ben oltre quota 4000. È proprio questa singolare conformazione del territorio ad aver salvaguardato antiche tecniche agricole e antiche ricette, limitando l’utilizzo delle moderne tecnologie: Val d’Ayas vuol dire garanzia di una cucina montana genuina e sostenibile, realizzata grazie al lavoro congiunto dei produttori e dei ristoratori, che propongono alimenti provenienti sempre da una filiera corta e possibilmente a km 0.   Non si può iniziare un pranzo in Val d’Ayas che con un tagliere di Fontina DOP, regina indiscussa della produzione casearia valdostana, affiancata da tome aromatizzate ai più svariati sapori di montagna, e ovviamente da un Fromadzo profumato, che lascia sempre un buon sapore di latte appena munto. E poi, la polenta, in tutte le sue varianti, dalla classica concia agli appetitosi rostì, palline ripiene di formaggio e poi fritte. La polenta spesso si accompagna alla carbonada*, secondo piatto a base di carne di manzo o di selvaggina, cotta nel vino rosso locale.  Per chiudere in bellezza un pranzo km 0 in Val d’Ayas bisogna provare i beignetes, frittelle di mele prodotte esclusivamente con frutti del territorio.

Lo Pan Ner nelle valli di Champorcher e di Gressoney

L’autunno, in tutta la Valle d’Aosta, porta nell’aria un buon profumo di pane appena sfornato. Anticamente, infatti, il pane di segale, detto da queste parti pan ner, veniva cotto dalle famiglie una sola volta all’anno in forni comunitari: un alimento semplice, a cui talvolta si aggiungono noci, castagne e cumino, fatto per durare tutto l’inverno.  Molti di questi forni sopravvivono, ancora oggi, nella valle di Champorcher, dove negli anni ’90 sono stati restaurati e riattivati per la produzione sia di pani di segale, che delle tipiche mécque, pani di segale e frumento arricchiti di fichi, castagne, noci, uvetta e, in epoca recente, anche di cioccolato e arachidi.  Non sono da meno i comuni germanofoni della Valle di Gressoney: si contano a decine i forni tra Gressoney-La-Trinité e Gressoney-Saint-Jean, dove si segnalano il forno Champsil, costruito dentro l’abside della cappella del villaggio, e quello di Ronche, installato sotto il livello stradale per risparmiarlo dalle valanghe. 

Autunno di sapori al Monterosa: gli eventi da non perdere

 Marché au fort: due giorni di degustazioni al Forte di Bard (08-09 ottobre)

Una location d’eccezione, immersa nel magnifico paesaggio valdostano, farà da scenario all’annuale manifestazione Marché au Fort, che ogni anno promuove e valorizza le produzioni agricole locali.  Anche quest’anno, oltre alla tradizionale mostra-mercato dove si potranno assaggiare e acquistare vini, mieli pregiati, salumi e formaggi del territorio valdostano, la sera dell’8 ottobre si terrà la Cena del Marché, presso il ristorante La Polveriera.

La festa de lo Pan Ner (15-16 ottobre)

Oggi l’antica tradizione del pane di segale rivive con la Festa transfrontaliera de lo Pan Ner, giunta alla sua settima edizione, che si terrà quest’anno il 15 e il 16 ottobre in diverse località in tutta la Valle d’Aosta. Anche i forni di Gressoney-La-Trinité, Gressoney-Saint-Jean e Champocher apriranno le loro porte con laboratori tematici, corsi di panificazione, intrattenimento e l’attesissimo concorso che incorona ogni anno il miglior pane nero della regione.

Graines de Culture: un trekking alla scoperta di storie e sapori del Monterosa

Tra borghi medievali, castelli ricchi di storia e affascinanti villaggi alpini, il pacchetto Graines de Culture vi farà conoscere la storia delle valli ai piedi del Monterosa attraverso le architetture lasciate dal tempo, ma molto di più con la cucina di questa straordinaria regione!

News correlate
Buenos Aires: destinazione leader per i viaggiatori italiani

Un'offerta rinnovata con aperture di hotel, nuovi ristoranti, bar e una scena culturale completa e diversificata rende la capitale argentina la destinazione turistica perfetta per i viaggiatori italiani.


L'Excelsior Hotel Gallia un gioiello unico italiano

Palazzo Gallia a Milano, tra gli hotel più esclusivi


ParkHotel Laurin: eleganza senza tempo

Soggiornare a Bolzano per scoprire i suoi musei, lo shopping e i suoi meravigliosi panorami, immersi nel fascino di un hotel in stile liberty che ha fatto la storia della città.


HOTEL MAREO DOLOMITES: UN MAGICO PUNTO D’INCONTRO NELLA VALLE DI MAREO

San Vigilio di Marebbe: il luogo ideale per una pausa nella natura, permeata da benessere, tradizioni e valori autentici.


LEFAY RESORT & SPA DOLOMITI: QUI ABITANO LE FATE

A Pinzolo, in Trentino Alto Adige, un viaggio all’insegna della natura, del gusto e del benessere.


Romantiche Bahamas

C'è qualcosa di naturalmente romantico nelle Bahamas: spiagge chilometriche di sabbia bianca (e rosa), mare cristallino, frutti tropicali e panorami sommersi da esplorare, sono la cornice perfetta per due cuori in viaggio.


Slovenia Green Wellness Route:  la “via” del benessere

Un’occasione unica di scoperta del territorio, che abbraccia l’idea di una vacanza rilassante e benefica, unita al fascino e all’attività salutare della pedalata.


‘Island Inclusive’: il nuovo programma Sandals Resorts  che vi porta alla scoperta dei sapori esotici di Curaçao

Il primo programma di ristorazione esterna del brand, Island Inclusive, amplia la proposta culinaria all-inclusive del nuovissimo Sandals Royal Curaçao.


Polonia City Break? Scoprite Poznan e Lublino

Due città dalla storia millenaria, terre di confine e di incroci di genti, culture e idee. Poznan e Lublino, rispettivamente nell’area occidentale e in quella orientale della Polonia, sono mete perfette di un city break.


Monterosa Ski: La Val D'Ayas si colora d'autunno

Tra castelli medievali, ponti romani e panorami mozzafiato, La Val d’Ayas vi aspetta per mostrarvi il suo volto più romantico, emozionante e sublime: magari da scoprire a piedi, in mountain bike o… a cavallo!