Enogastronomia
Due stelle Michelin per Hiša Franko per il secondo anno di fila.
Sergio Ferroni

Slovenia: Salgono a dieci i ristoranti stellati. Riconfermata la doppia stella ad Hiša Franko - Sulla ribalta internazionale la gastronomia slovena.

Ben quattro new entry tra gli stellati, che portano a dieci il totale dei ristoranti sloveni che hanno ricevuto la prestigiosa stella Michelin. Sono invece sei i ristoranti ad aver ricevuto la stella Verde per la gastronomia sostenibile. In totale, ben 58 location slovene sono state inserite nella terza edizione della Guida Michelin Slovenia 2022, sette delle quali hanno ricevuto il premio onorario “Bib Gourmand” per la loro offerta di qualità. 

La guida Michelin, diffusa in tutto il mondo, è considerata il marchio più influente e prestigioso in ambito gastronomico a livello globale. Il fatto che la Slovenia vi sia inclusa con un così ampio spazio dimostra quanto la sua cucina creativa, audace, sostenibile e di altissima qualità meriti davvero un posto tra le migliori al mondo.  Allo stesso tempo, l’inserimento nella guida Michelin garantisce visibilità al paese come destinazione turistica unica, contribuendo alla creazione di esperienze gastronomiche autentiche e irripetibili. Le stelle Michelin indicano quei ristoranti che offrono, secondo le valutazioni degli ispettori Michelin, esperienze gastronomiche di alto livello. I criteri di valutazione sono cinque: la qualità degli ingredienti, le tecniche di cottura, l’armonia dei sapori, la personalità degli Chef e le emozioni che sono in grado di trasmettere con la loro cucina, oltre alla coerenza del menù offerto, verificata durante diverse ispezioni.  Per la seconda volta di fila, al ristorante Hiša Franko della straordinaria artista culinaria Ana Roš sono state riconfermate due Stelle Michelin - nel 2020 la Chef esordì con la prima stella.

Nove ristoranti hanno ricevuto 1 stella.

Di seguito le cinque riconferme:

•             Atelje, chef Jorg Zupan;

•             Dam Restaurant, chef Uroš Fakuc;

•             Gostilna pri Lojzetu, chef Tomaž Kavcic;

•             Gostišce Gric, chef Luka Košir;

•             Hiša Denk, chef Gregor Vracko.

Mentre le new entry sono:

•             COB, chef Filip Matjaž;

•             Hiša Linhart, chef Uroš Štefelin;

•             Milka chef David Žefran;

•             Strelec Restaurant, chef Igor Jagodic.

 La Stella Verde Michelin dà risalto ai ristoranti impegnati nel proporre una cucina dall’approccio più sostenibile. Tre anni fa, i ristoranti sloveni erano stati tra i primi, a livello internazionale, a ricevere questo prestigioso riconoscimento. Come sottolineato dalla stessa Michelin, la stella Verde “premia e incoraggia le iniziative eco-responsabili messe in atto da alcuni ristoratori. Spesso riconosciuta quale "polmone verde d'Europa", la Slovenia conferma il suo status di pioniera in termini di gastronomia eco-responsabile, con due nuovi ristoranti che ricevono la stella Verde Michelin”.

Quattro ristoranti hanno confermato la stella Verde dall’anno scorso:

•             Gostilna Krištof, chef Uroš Gorjanc;

•             Gostilna Mahorcic, chef Ksenija Krajšek Mahorcic;

•             Gostišce Gric, chef Luka Košir;

•             Hiša Franko, chef Ana Roš.

Le due nuove stelle Verdi sono:

•             Gostilna Repovž, chef Meta Repovž;

•             Hiša Linhart, chef Uroš Štefelin.

Bib Gourmand, infine, premia i ristoranti in grado di offrire, a buon prezzo, un menù di alta qualità.

Gli ispettori Michelin hanno riconfermato questo riconoscimento a sette ristoranti che lo avevano già ottenuto lo scorso anno: Gostilna na Gradu, Gostilna Repovž, Jožef, Mahorcic, Rajh, Ruj, TaBar.

Sono adesso 41 i ristoranti sloveni consigliati nella Guida Michelin.

“Siamo davvero lieti di constatare come la Slovenia si stia ritagliando, di anno in anno, una posizione sempre più importante nella ribalta mondiale della cucina – sottolinea Aljoša Ota, direttore per l’Italia dell’Ente Sloveno per il Turismo, che prosegue - Le nuove stelle Michelin, che vanno ad aggiungersi a quelle già attribuite ai nostri ristoranti negli scorsi anni, testimoniano ancora una volta quanto i talentuosi chef sloveni siano sempre più una garanzia a livello internazionale in quanto a qualità, creatività, carisma e sostenibilità. Per questo la gastronomia è, a questo punto, un asset fondamentale per la promozione del nostro Paese. Soprattutto in Italia”.

News correlate
Vignaioli Artigiani Naturali: costituita l'Associazione che riunisce le cantine italiane per il vino naturale

I Vignaioli Artigiani Nazionali si costituiscono in associazione per la diffusione del Vino totalmente Naturale. Al via in autunno le prossime attività con la fiera romana di novembre.


L'Elizabeth Unique Hotel di Roma: Dove l'arte fa rima con la raffinatezza

Le tradizioni culinarie lucane e non solo dello chef Riccardo Pepe arricchiscono e impreziosiscono la struttura ricettiva situata al centro di Roma.


Valmontone:  a settembre torna “Arte da Bere - Le Dimore del Vino”

Torna l’appuntamento con “Arte da Bere – Le dimore del Vino” presso il Valmontone Outlet. Un programma ricco di appuntamenti tra seminari, incontri, degustazioni e spettacoli.


Forte dei Marmi : Ristorante “Catch Claw’s”  il suo primo fornitore è il mare

Tra i segreti del successo la cura del dettaglio e la scelta di ottime materie prime


ENOTECA E RISTORANTE LÖWENGRUBE: DALLE STELLE ENOLOGICHE ALLA GENUINITÀ CONTADINA!

La stube più antica di Bolzano, osteria dal 1543, una cantina costruita nel 1280 e più di 1000 etichette da tutto il mondo con particolare attenzione ai vini altoatesini e italiani.


“TECH & STARTUP. FOOD, WINE E HOSPITALITY” I Produttori delle eccellenze a confronto

Presentata in questa occasione anche la guida 2023 di "Lombardia e il meglio di Milano" del Gambero Rosso


Friggitrici ad aria: cucinare in modo salutare e green, senza surriscaldare la stanza

Riducendo al minimo l’uso degli olii in cottura, si risolve il problema del loro smaltimento. Proscenic, azienda high tech, presenta l’innovativa T22 Air Fryer, che taglia i grassi del 90%


Da  Fico non solo il bar ma anche il ristorante guidato dallo Chef Massimo Baroni!

In Via della Pace, a due passi da Piazza Navona, il ristorante dello storico Bar del Fico conquista con una cucina concreta e moderna in un’accogliente serra retrò.


TORNA IL BUCO – RISTORANTE TOSCANO DAL 1901

Un angolo di Toscana nel cuore della capitale da 121 anni


Grande successo a Roma per il progetto “Le Radici del Gusto”

Roma, Food: presentato il progetto "Le Radici del Gusto", arte ed enogastronomia del Lazio. Madrina della serata Denny Mendez