Enogastronomia
Il brand nato a Napoli, che scommette su una cucina di successo, delizia anche i palati degli intolleranti al glutine.
Maria Teresa Mattogno

La buona cucina della tradizione, anche senza glutine, è il vero valore aggiunto di Mama Eat  nato circa una ventina di anni fa quando la Signora Marcella Navarro, dopo aver scoperto di essere celiaca, notò la grande difficoltà nel poter mangiare con i propri cari fuori casa, a causa della mancanza di proposte adeguate. A quel punto decise, con due dei suoi fratelli (Roberto e Giovanni), di aprire Mama Eat dichiara Roberto Zeccolini, business development manager della catena dei ristoranti Mama Eat.

La  cucina di Mama Eat offre, quindi, una proposta gastronomica a tutto tondo, ispirata ai concetti irrinunciabili di qualità, innovazione e tradizione. Paste fresche fatte in casa e materie prime selezionate, il giusto mix per riportare al centro della proposta il cibo nella sua meravigliosa semplicità.

Cibo inteso come momento di pausa, di socialità e conversazione. In questo clima di condivisione, si troverà un (doppio) menù disponibile nei 6 locali di Mama Eat, tutti certificati dall’Associazione Italiana Celiachia, presenti a Napoli (Via Manzoni), Roma (Trastevere e Borgo Pio) e Milano (Via Procaccini) ai quali si aggiunge ora la terza sede nella Capitale in zona Ponte Milvio, presto seguita dalla prima apertura a Firenze (Borgo San Frediano), a conferma della bontà di un progetto imprenditoriale in costante crescita, anno dopo anno, e che coinvolge ora circa 85 dipendenti. Lo sviluppo del brand Mama Eat proseguirà anche nel 2023 con altre 2 aperture in Italia e nel 2024 con le prime sedi in Europa.

Un progetto che ha saputo rapidamente conquistare il palato degli appassionati della buona cucina e la fiducia di chi, a causa dell’intolleranza al glutine, non poteva concedersi facilmente una piacevole esperienza gastronomica e che ha trovato in Mama Eat l’insegna di riferimento. Una cucina della tradizione quella preparata da Marcella, profonda conoscitrice dei piatti fondamentali della storia culinaria di Napoli, realizzata con cura ed in tutta sicurezza grazie alla presenza di una doppia cucina, che consente di evitare il rischio contaminazione: La piena conoscenza di tutto ciò che concerne la celiachia e la grande passione per la tradizione gastronomica della nostra città ha permesso a mia madre di poter ideare Mama Eat senza trascurare nessun dettaglio, dando così vita ad una realtà unica nel suo genere” sottolinea Roberto Zeccolini, ora impegnato con il progetto di espansione del brand.

Da Mama Eat è possibile provare i golosi antipasti come Montanare, Arancine, il Tagliere del contadino e il Mama Crocchè, il classico crocchè napoletano proposto nella versione da 25 cm e farcito in vari modi tra cui l’immancabile Salsiccia e Friarielli (Crocchetta di patate con ripieno di salsiccia, friarielli, fiordilatte campano, prezzemolo, pepe, parmigiano, avvolta da panatura croccante artigianale). Tra i primi da non perdere ‘A Genoves’ (Ziti con ragù bianco di carne alla genovese*, e parmigiano grattugiato) e ‘A Past e Patan’ (Pasta con patate, rpovola campana e parmigiano grattugiato). Interessante anche la scelta dei secondi, con una menzione d’obbligo per le Polpette al ragù e la Mozzarella alla Sorrentina (Mozzarella filante campana e sugo di pomodorini San Marzano), ma Mama Eat vuol dire anche Pizza (anche senza glutine) e quindi spazio a Margherita, Marinara, Napul’è (Salsiccia sbriciolata, provola campana, parmigiano e friarielli saltati con aglio e peperoncino) e Ripieno Fritto (Pizza Fritta, ripiena di prosciutto cotto, provola camoana, parmigiano e ricotta campana). In chiusura spazio naturalmente ai dolci con Tiramisù, Torta Caprese e Scugnizielli (Straccetti di pizza fritta dolci con crema di pistacchio o Nutella).

Tutto il personale accoglie con calore ed  offre un servizio attento e curato ai propri ospiti.

Mama Eat è un locale alla moda, giovanile, confortevole, che mette in luce l’attenzione posta su ogni singolo dettaglio per trovare la giusta armonia per chi desidera vivere momenti di convivialità all’insegna della buona cucina italiana.

 

Maria Teresa Mattogno

 

PER INFORMAZIONI:

MAMA EAT

NAPOLI, ROMA, MILANO

https://www.mamaeat.com

 

News correlate
TORNA IL BUCO – RISTORANTE TOSCANO DAL 1901

Un angolo di Toscana nel cuore della capitale da 121 anni


Da  Fico non solo il bar ma anche il ristorante guidato dallo Chef Massimo Baroni!

In Via della Pace, a due passi da Piazza Navona, il ristorante dello storico Bar del Fico conquista con una cucina concreta e moderna in un’accogliente serra retrò.


Grande successo a Roma per il progetto “Le Radici del Gusto”

Roma, Food: presentato il progetto "Le Radici del Gusto", arte ed enogastronomia del Lazio. Madrina della serata Denny Mendez


The Wine District – Molto più di un sorso di vino

Al via presso Micro Arti Visive di Roma, la prima edizione di The Wine District, evento che celebra il vino e la sua forte connessione con le arti.


Cipolla Bianca di Margherita Igp e Pecorino Romano Dop s’incontrano a Roma

Ad accogliere i due Consorzi di tutela è stato l’attore Lino Banfi


La sostenibilità delle aziende del settore agroalimentare: il primo Global Summit

Convegno a Villa Necchi a Milano organizzato da Gambero Rosso: esperienze e strategie di sostenibilità con 25 relatori a confronto


Grana Padano Dop: Cia, marchio esemplare sui mercati e per sostenibilità

L’intervento del nuovo presidente nazionale Fini all’Assemblea del Consorzio Tutela. Prima uscita pubblica dalla proclamazione


Olio Santo, il gusto "Hot" dello Street Food pugliese

Ricca di sapori e di profumi , la cucina pugliese è rinomata per la sua speciale genuinità


BEST WINE STARS 2022

Molta affluenza per la terza edizione il 14 e 15 al Palazzo del Ghiaccio a Milano


My Selection2022: dopo 78 milioni di panini venduti McDonald’s conferma il successo della collaborazione con Consorzi di tutela, OrigIn Italia, Qualivita e JoeBastianich

McDonald’s rafforza gli investimenti sulle filiere DOP e IGP e sul comparto agroalimentare italiano: +20% rispetto al 2020