Territorio
Florovivaismo strategico, ma serve piano foreste, innovazione imprese e ok a Ddl dedicato
Sergio Ferroni

Green Deal: Florovivaisti Italiani, più valore a settore per centrare obiettivi Ue

Il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050, come i 3 miliardi di alberi in più entro il 2030, sono obiettivi sfidanti attraverso i quali lEuropa chiede azioni chiare e programmazione, di medio e lungo periodo, anche al settore florovivaistico, che è chiaramente strategico per servizi eco-sistemici, economia circolare e benessere della collettività. LItalia faccia la sua parte con una puntuale pianificazione della forestazione, supporto allinnovazione e alla sostenibilità delle imprese e approvazione del Disegno di legge sul florovivaismo. Queste le urgenze secondo lAssociazione Florovivaisti Italiani che a Roma, nel primo incontro di nuovo in presenza, torna a sollecitare le istituzioni per più coinvolgimento, valore e riconoscimento del comparto per vincere la sfida del Green Deal. 

Il florovivaismo italiano al pari dellintera agricoltura, sono la chiave di volta della transizione ecologica europea, ha sottolineato lAssociazione nella tavola rotonda con il Sottosegretario delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio e il Presidente della Commissione Agricoltura al Senato, Gianpaolo Vallardi. Ecco perché, ancor più dopo lesperienza della pandemia che ha tolto al settore miliardi di fatturato, occorre stringere a livello istituzionale per la promozione del florovivaismo Made in Italy e del suo ruolo anche su temi ambientali, e che riguardano il verde, gestiti dal Ministero della Transizione ecologica, per essere chiamati in causa in discussioni e processi decisionali. 

Per i Florovivaisti Italiani è, infatti, cruciale linquadramento del settore tra quelli implicati nel Green Deal Ue e più nel dettaglio, è necessario dotarsi di una serie di pilastri fondamentali come una programmazione e pianificazione di materiali utili, accordi e contratti per la forestazione e il verde; un piano di azioni a supporto delle imprese, soprattutto quelle medio-piccole, nel processo di ammodernamento in chiave sostenibile per cogliere le opportunità offerte dagli incentivi a disposizione (certificati bianchi, conto termico e superbonus) e specifici del PNRR (Parchi Agrisolari. Agrivoltaico, Comunità energetiche Teleriscaldamento da biomasse), tenendo sottocchio anche il tema dei rincari delle materie prime necessarie al settore e motivo di criticità imprenditoriale. Di oggi, infatti, anche la notizia degli aumenti in bolletta per luce e gas del 40%.

Inoltre, ha ricordato lAssociazione, il settore potrà essere allaltezza degli obiettivi Ue e della competitività internazionale, se potrà superare lo scoglio del riconoscimento giuridico, grazie anche al Disegno di legge sul florovivaismo, ora in esame al Senato. Dota il comparto di un Piano nazionale con anche investimenti importanti in ricerca e promozione.

“ Molto c’è ancora da fare al Tavolo tecnico per rendere il settore più robusto e allaltezza della sfida green europea, ma anche competitivo, facendo valere il peso dellItalia, come secondo produttore continentale -ha dichiarato Aldo Alberto, presidente Florovivaisti Italiani-. Dobbiamo però, anche lavorare per una rappresentanza più forte in Europa e una maggiore coesione associativa. Raggiungere i mercati esteri con una maggiore coesione e cooperazione tra le aziende può fare la differenza per un settore che già vanta varietà e specializzazione che sono eccellenze del Made in Italy. In gioco -ha concluso- ci sono davvero i prossimi anni di unimportante componente socioeconomica del Paese, che esporta in tutta Europa e che, grazie alle 24 mila aziende sul territorio con 2,5 miliardi di fatturato complessivo, realizza il 5% del Pil agricolo nazionale e offre lavoro e marginalità anche a valle del settore produttivo con un indotto di

News correlate
Bahamas, nel segno dell'avventura

Immersioni sottomarine con gli squali, battute di pesca, tour in 4x4 o a cavallo: sono solo alcune delle proposte per una vacanza all’insegna dell’avventura alle Bahamas. Ad ogni desiderata risponde un’isola con la sua proposta unica.


 Da Montesecco a Montefino. Ricostruita la storia del borgo abruzzese.

Passione e rigore storico in una pregevole pubblicazione che ricostruisce le origini e la storia dell’attuale Montefino.


Giornata della Terra: Cia, agricoltori in prima linea per sfida green e produttività

Occasione per sottoscrivere nostro “Manifesto delle donne per la terra”


22 aprile: Giornata Mondiale della Terra. Diciamo no al littering!

L’associazione Road to green 2020 celebra la ricorrenza, invitando ad avere maggior rispetto per l’ambiente, e fornendo alcuni semplici consigli per la vita di tutti i giorni


Presentata a Roma la 53esima edizione di “Agriumbria”

Si è tenuto presso il Centro Congressi di Palazzo Rospigliosi di Roma l’edizione numero 53 della manifestazione “Agriumbria” in programma a Bastia Umbra da venerdì 1° a domenica 3 aprile 2022


Presentata a Roma la 53esima edizione di “Agriumbria”

Si è tenuto presso il Centro Congressi di Palazzo Rospigliosi di Roma l’edizione numero 53 della manifestazione “Agriumbria” in programma a Bastia Umbra da venerdì 1° a domenica 3 aprile 2022


Caro energia: Cia, ok bando da 1,5 mld per fotovoltaico sui tetti agricoli

Da settore contributo fondamentale. Avanti anche su incentivi a biogas e biomasse e stoccaggio al suolo di carbonio


School01, la scuolamuseo di Monteverde a Roma apre al pubblico un sabato al mese

A tre anni dall’avvio del progetto, la scuolamuseo di Monteverde nell’Istituto Comprensivo De André apre le proprie porte al pubblico dalle 10.00 alle 14.00: i visitatori saranno guidati tra le aule e i corridoi del labirintico ple


Macfrut: Cia, finanziare ricerca e investimenti su “difesa attiva” ortofrutta.  Ridurre del 40% effetti calamità

Serve gestione integrata per mettere in sicurezza settore da 15 miliardi. Dalla fiera internazionale di Rimini, la sfida lanciata a università, istituzioni e produttori


Fauna selvatica, Agrinsieme alla Camera: urgente il contenimento

I danni alle attività agricole e all'ambiente hanno raggiunto livelli insostenibili. Soltanto i cinghiali, in Italia, sono passati da 900.000 capi nel 2010 a quasi 2 milioni del 2020 (+111%), con un trend in continuo aumento.