Architettura e design
Da polo industriale a capitale della creatività e dell’innovazione. Un museo a cielo aperto che si rinnova grazie ad opere d’arte contemporanea, ad iniziative culturali, alla moda e al design.
Sergio Ferroni

La si potrebbe definire capitale della creatività, delle atmosfere liberty, del cinema, della moda e dei locali di tendenza. Lodz è una città polacca in totale fermento, dove il passato industriale ha lasciato interi quartieri di fabbriche manifatturiere, edifici in mattoni rossi immersi nel verde che sono stati riqualificati per dare vita all’arte contemporanea, alle iniziative culturali, alla moda e al design. Un vero e proprio fenomeno culturale che, da “terra promessa” degli industriali (titolo del celebre film di Andrzej Wajda, che racconta la Lodz di fine Ottocento), oggi si re-inventa città giovane ed eclettica, uno scrigno pieno di sorprese, lontana dai sentieri battuti dal turismo di massa, ma che ha molto da offrire ai viaggiatori.

Situata nel cuore della Polonia, a pochi chilometri dalla capitale Varsavia, Lodz è la meta ideale per chi desidera scoprire realtà nuove. Concedetevi un city break nella capitale dell’innovazione e della creatività, facilmente raggiungibile dall’Italia con voli diretti: rimarrete incantati dalla sua bellezza, dai mille contrasti culturali e architettonici e scoprirete che la Lodz odierna è molto più di una città dal celebre passato industriale.  Consigliamo di cominciare ad esplorare Lodz da via Piotrkowska – la più lunga via pedonale in Europa – passeggiando con il naso all’insù per non perdersi i magnifici edifici di varie epoche (dal liberty, al rinascimentale, al neobarocco o all’eclettismo più elegante) e, abbassando lo sguardo, incontrerete sculture in bronzo raffiguranti personaggi celebri nati a Lodz, dal pianoforte in onore di Artur Rubinstein, alla panchina che commemora il pittore Julian Tuwim, alla statua del premio Nobel per la letteratura Wladyslaw Reymont seduto su un grande baule.

Date anche un’occhiata ad un vicolo nascosto ma veramente particolare, il Passaggio di Rosa, i cui edifici sono interamente rivestiti da frammenti di specchio che creano incredibili giochi di luce. Quando sarete a circa metà della via principale, vi troverete a camminare sulla ‘Walk of Fame’ di Lodz (Aleja Gwiazd) formata da due file di stelle in bronzo, incastonate nel passaggio pedonale, con impressi i nomi di celebri personaggi del cinema polacco, proprio a ricordare la fama di città cinematografica.

Lungo via Piotrkowska si trova anche uno dei più grandi murales d’Europa, diventati parte integrante di questa città, raffigurante Lodz con i suoi simboli, tra cui una grande barca a vela (Lodz in polacco significa appunto ‘barca’).  Scoprite l’anima più culturale e soffermatevi ad ammirare le vaste aree piene di fabbriche abbandonate in mattone rosso, molte delle quali sono state rivalutate e restaurate negli ultimi anni, come Ksiezy Mlyn (Il Mulino del Prete), vasto quartiere di ex fabbriche e abitazioni operaie che oggi, per il suo fascino particolare, attrae artisti, registi, fotografi e turisti.  Uno dei più grandi progetti europei di riqualificazione di antiche fabbriche tessili è rappresentato da Manufaktura, un tempo una delle fabbriche più imponenti di Lodz, oggi moderna struttura commerciale che si sviluppa su una superficie di 27 ettari, una vera e propria ‘città nella città’, animata da negozi, luoghi di intrattenimento e di cultura, come il nuovo Museo d’Arte Contemporanea (MS2) che raccoglie importanti collezioni del XX e XXI secolo.  Non lontano da qui, potrete anche visitare il Museo della Città di Lodz, che occupa la lussuosa residenza in stile neorinascimentale e barocco del magnate dell’industria tessile Izrael Poznanski. La Centrale Energetica di Lodz EC1 è oggi invece un grande centro di cultura e scienza, dove si trova il Planetario più moderno della Polonia, con una cupola di 18 metri e uno schermo di 14 metri in 8K, mentre l’ex fabbrica di cotone di Franciszek Ramisch – il complesso OFF Piotrkowska – è il vero cuore pulsante di Lodz, dove cultura, arte e gli amanti della buona cucina insieme ai rappresentanti delle industrie creative si incontrano. Lodz però, come abbiamo accennato, ha anche la fama di essere la “capitale del cinema polacco” tanto da essere soprannominata “HollyLódz” (che si pronuncia quasi come Hollywood). Qui si trova la celebre Scuola Statale di Cinema, Televisione e Teatro, dove si sono formati registi e attori conosciuti in tutto il mondo, come Roman Polanski, Krzysztof Kieslowski, Andrzej Wajda, Kazimierz Kutz, Krzysztof Zanussi o Jerzy Skolimowski. A rendere questa città location ideale per molti registri sono i suoi vicoli che creano un’atmosfera unica e affascinante, una sorta di set a cielo aperto. Vicino alla Scuola sorge anche il Museo della Cinematografia, nel Palazzo Scheibler, che fu la dimora del ‘re del cotone’ Karl Scheibler, proprietario di un grande stabilimento tessile.

Non ultimo, Lodz è la città della moda e dello shopping, eredità del suo passato manifatturiero. Non a caso oggi è riconosciuta come la capitale della moda della Polonia. L’evento più importante nel settore è senza dubbio la Fashion Week – che si svolge ad ottobre – che attira giovani stilisti, look makers, manager della moda. Per chi ama fare shopping, sono diversi i poli dove poter fare i propri acquisti, da via Piotrkowska alla Galeria Lódzka e ovviamente la Manufaktura con i suoi oltre 300 negozi. 

Lasciatevi conquistare dai sapori e dai profumi della gastronomia di Lodz e dell’omonima regione di cui è capoluogo; tradizioni culinarie che rivelano le influenze multiculturali ma anche il suo passato industriale.  Tra le principali pietanze tipiche di Lodz vi sono le zuppe, realizzate come piatto unico e quelle che vi consigliamo di assaggiare sono la zalewajka, una zuppa a base di zur (zuppa acida di farina di segale) e patate a cui spesso si aggiunge la cipolla, l’aglio e a volta anche i funghi, la wodzianka, una semplicissima e povera zuppa a base di pane raffermo condito con aglio e grasso, la kapusniak (zuppa di crauti), ma anche la zuppa di rafano consumata soprattutto nel periodo di Pasqua e la pierdziolki, ovvero una zuppa di pere, con l’aggiunta di farina e panna acida, servita con patate lesse e lardo. Da provare anche i plendze, frittelle di patate, farina e uovo che possono essere servite in versione dolce o salata.  La cultura che ha maggiormente influenzato la gastronomia locale è quella ebrea e infatti potrete trovate piatti di tradizione ebraica come gesie pipki (stufato di stomaci di oca con cipolla e aglio), kugel (sformato di patate) o golabki (involtini di verza farciti con la carne, un piatto conosciuto e apprezzato anche in altre parti della Polonia). Per quanto riguarda i dessert, provate il challah, pane a forma di treccia (anch’esso di origine ebraica) in versione dolce con il burro spalmato sopra, delizioso nella sua semplicità, e piernik z marchwi, il biscotto di pan di zenzero conosciuto in tutta la Polonia, ma che a Lodz viene preparato con carote al posto del miele, prodotto più costoso e non facilmente reperibile in passato.

News correlate
Supersalone, edizione speciale

Salone del Mobile di Milano 2021 recuperato a settembre


Materia Independent Design Festival 2021 - Giunta alla sesta edizione, torna la manifestazione che racconta il design mediterraneo per parlare al mondo

Materia Independent Design Festival, tra i più importanti eventi sul design a livello nazionale, torna per l’edizione 2021 con un allestimento fisico.


Nella sfida alla sostenibilità, vince la creatività. A Roma i finalisti del contest #roadtogreen

Il 23 settembre creativi, innovatori e designer si danno appuntamento per l’evento annuale di Road to green 2020, per promuovere un futuro più sostenibile e rispettoso


Anche Henraux è protagonista della Milano Design Week 2021.

Giovedì 9 settembre alle ore 17:30 all'ADI Design Museum si presenta il numero 10 di MARMO, unica rivista al mondo che tratta esclusivamente di questo straordinario materiale declinato in architettura, design e arte


Intervista a Jean Nouvel

Incontro a Roma con l’archistar di fama internazionale che ha realizzato edifici memorabili in ogni parte del mondo e vinto i più prestigiosi premi come il Leone d’oro alla Biennale di Venezia, il Premio Pritzker e, per due volte, il Gran Prix National de


Clamorosa gaffe di uno dei più celebrati artisti del '900, SALVADOR DALI'

Grande mostra di Dalì al Vittoriano di Roma, dove però il grande Maestro del novecento dimostra di essere un po' scarso nella conoscenza della storia dell'arte!


Marco Milia, Molecula

Inaugurazione della scultura permanente di Marco Milia, Molecula, al CoscioniLAB (Roma) il 26 marzo ore 19. Per l’occasione, e fino al 15 maggio, saranno esposti anche una serie di progetti dell’artista, modelli in scala delle installazioni ambientali rea


GENOVA, UN CONCORSO INTERNAZIONALE DI GRAFICA E DESIGN  PER LA MASCOTTE DEL PESTO

L’8 febbraio il termine per presentare i progetti in vista dell’8a edizione del Campionato Mondiale


Ied Roma Design Awards 2020: I Vincitori, premiati i migliori progetti sviluppati nella sede IED Roma nell’anno della pandemia

Sono stati premiati gli otto progetti vincitori di IED ROMA DESIGN AWARDS, il riconoscimento giunto alla sua seconda edizione conferito dall’Istituto Europeo di Design ai migliori progetti sviluppati all’interno dell’istituto.


Le Gallerie Nazionali Barberini Corsini e Associazione Civita insieme per il restauro delle consoles rococò di Galleria Corsini.

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica avvieranno il restauro delle straordinarie consoles, grazie ai proventi raccolti con la vendita del Vino Civitas che, anche quest’anno, rinnova l’impegno dell’Associazione Civita.