Arte e cultura
L'Aleph Rome Hotel, Curio Collection by Hilton, sempre attento alle tematiche del bello, dell’arte e della creatività prosegue il suo programma di mostre personali di arte contemporanea curato da Gabriella Perna.
Sergio Ferroni

Dopo i successi delle mostre precedenti, dedicate a Tommaso Cascella, Giuseppe Modica, Pino Procopio e Simona Tavassi è ora la volta di Massimo Antonelli, con la sua personale “CON – DOMINI”.

Artista concettuale, famoso per le sue “grattugie” in cui materia e colore portano un messaggio contemporaneo: la grattugia da comunissimo utensile presente in tutte le case diventa elemento centrale di una composizione complessa, in cui i colori si alternano, le forme si deformano, si replicano e si scompongono in un racconto sempre nuovo. Ogni opera è metafora della vita umana quotidiana, racconta storie, disagi, emozioni in una sorta di graffiante film della vita.  L’oggetto diventa strumento di riflessione e intraprende nuovi percorsi, in una sorta di trasfigurazione dell’utensile che, da strumento meccanico, diventa elemento primario di una narrazione concettuale.  L'artista ha dichiarato in una intervista che “guardando grattacieli dall'alto, a New York, ha avuto l'impressione di vedere tante grattugie che "grattano dentro", in un contesto urbanistico che nulla lascia alla dimensione umana”. Nella sua opera i fori delle grattugie sono le sofferenze, le alienazioni e "la sua ulcera perforata". “Siamo particolarmente fieri di ospitare questa mostra, il cui contenuto va al di là della bellezza estetica e del prodotto artistico “ha dichiarato Massimiliano Perversi, direttore generale dell’Aleph Rome Hotel” è una narrazione complessa e emblematica, che fa riflettere sul rapporto dell’uomo con l’ambiente, a volte graffiante, in cui vive”. La mostra CON_DOMINI vede la presenza di 38 opere particolarmente significative, in un incisivo e mai banale percorso espositivo sulla metafora degli agglomerati urbani e della vita metropolitana.  metropoli.  Ancora una volta l’Aleph Rome Hotel sa stupire i suoi ospiti con il linguaggio della creatività e dell’innovazione, aprendo i suoi spazi all’arte concettuale, che da pura estetica diventa narrazione e denuncia.  

Massimo Antonelli, nato ad Asmara (Eritrea) nel 1942 si trasferisce a soli due anni nella sua terra di origine, il Molise. Inizia a dipingere da piccolo ma si diploma in agraria. Dal 1967 al 1969 frequenta a Roma il Centro Sperimentale di Cinematografia, e dal 1969 è aiuto regista dei Francesco Maselli. Nel 1972n realizza il suo primo film da regista e sceneggiatore “Tema di Marco”, interpretato da Carla Gravina e Paolo Graziosi, premiato con il Laceno d’Oro al festival Cinema del Sud di Avellino e con la targa Leone d’Argento alla 33a mostra di Venezia. Negli anni 70 è consulente e copywriter pubblicitario e negli anni 80 firma numerosi documentari, film inchiesta e film a soggetto per la RAI.

Dal 1997 ha iniziato ad affiancare all’attività di regista l’arte concettuale che presto diventa la sua principale attività. Scopre la grattugia e la trasforma nel segno che ispira tutto il suo mondo creativo ed artistico. Espone sia in Italia che all’estero con mostre personali e collettive.

News correlate
L’arte del disegno a Via dell’Orso

Roberto Di Costanzo inaugura il suo nuovo atelier all’interno di Palazzo di Antonio Massimo in Via dell’Orso 28 a Roma


Interpretare l’arte a tavola…

Una mostra tra gusto, musica e vip per Marilù S. Manzini.


Dante e le parole dell’arte.

La Settimana della Lingua italiana a Kiev


Intervista a Mauro Russo

Il pittore si racconta a LN INTERNATIONAL


Nel sagrato del Convento Monumentale di San Bernardino ad Amantea  ha avuto luogo la presentazione del secondo libro  di S.A.S. Principe Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice.

“Fiori nel deserto”, editore Mannarino, è la pubblicazione di una raccolta di 12 coinvolgenti racconti ambientati in quattro continenti.


L’artista Ivan Tresoldi presenta a Pomezia “Chiamata alle arti - Fare scuola”

Inaugurata “Chiamata alle arti - Fare scuola” dell’artista Ivan Tresoldi nell’ambito del progetto Sol Indiges. Arte pubblica a Pomezia tra mito e futuro promosso dal Comune di Pomezia in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere.


Rome Art Week 2021

Maria Pacheco Cibils presenta alla Galleria Biblioteca Angelica la sua mostra personale Luminescenza


Grazie a Dostoevskij la Letteratura-Teatro coinvolge le periferie

“A proposito di Dostoevskij e di Delitto e Castigo” Lettura drammatizzata in diretta streaming venerdi 15 ottobre


Proseguono a ritmo serrato gli appuntamenti con l'arte, proposti dalla vulcanica Cinzia Cotellessa alla galleria CiCo di Roma.

Domenica 10 Ottobre, alle ore 12,00, sarà il turno di Annaluna con la sua personale "Follemente volli", un'artista approdata alla pittura dopo i suoi trascorsi in un'altra meravigliosa arte: la danza.


Mostra d'Arte "Pace e Amore 2021" le presentazioni a Roma

Il "messaggio” di concordia verso ogni comunità degli umani