Arte e cultura
Lunedì 6 Settembre alle ore 19, si aprirà presso lo StudioCico di via Gallesa 8 Roma, una mostra dedicata a "I Di Stefano".
Sergio Ferroni

Si tratta di due artisti, padre e figlio, i cui stili, ovviamente diversi nel modo d'interpretare l'arte, si fondono su un altro piano: quello dei sentimenti. Sono ben più di 50 opere realizzate in acquerello, china ed olio. La differenza tra le opere di Giovanni (che ci ha lasciato nel 1990) e quelle del figlio è avvertibile nella forza dirompente delle immagini che, avvalendosi di una intensa cromaticità, esprimono una forte tensione dinamica: i soggetti sembrano vivere di vita propria, balzare fuori da una tela che fatica a contenerli,tenerli fissati e che si piega a trasmetterli alla visione dello spettatore come lo schermo di una sala cinematografica.

Un paragone tutt'altro che azzardato se si considera che Giovanni di Stefano ha lavorato, per lungo tempo, come illustratore per il cinema. Persino alcune immagini statiche, come il Cristo, esprimono una tensione interiore dovuta al colore, che fa vibrare il soggetto, rendendolo talmente tanto vivo da farne quasi avvertire il respiro...

Molto differente lo stile del figlio Stefano, il cui percorso artistico è fortemente influenzato dalla sua professione d'architetto.

Le sue sono opere di piccola o media dimensione, realizzate a china o acquerello.

Il segno, il dettaglio meticoloso, la precisione nella linea, sono i capisaldi della sua produzione come nei sorprendenti scorci di paesini, testimoni di un'acutezza di visione fuori dal comune, veri ricami di una punta sottile e nera, frutto di un senso innato, più che costruito, della prospettiva e della profondità. A sorpresa l'opera che unisce i due artisti, al di là del tempo, è il volto del Cristo che Stefano di Stefano ha realizzato nel 2021 ad acquerello. Un chiaro tributo che il figlio ha voluto dedicare al padre, alla sua carriera, la sua storia, per non dimenticarlo e non farlo dimenticare. Nel Cristo, ad olio, di Giovanni di Stefano il viso non è in primo piano, nella posizione emerge una certa rassegnazione... Il figlio, con il suo acquerello, si è invece concentrato sull'espressione sofferente del volto, quasi incredula, nel suo smarrimento, per la cattiveria gratuita dei suoi persecutori, che s'intuiscono fuori dal campo di visione: un significato profondo che travalica l'Arte di per sé stessa ed arriva direttamente al cuore. Una famiglia di artisti che potrà lasciare il segno nella storia dell'Arte e testimonia la competenza di Cinzia Cotellessa nel proporre solo il meglio nella sua galleria. Presenterà la mostra la nota critica d'arte, dott.ssa Mara Ferloni.

Autore dei testi: Domenico Briguglio

 

News correlate
L’arte del disegno a Via dell’Orso

Roberto Di Costanzo inaugura il suo nuovo atelier all’interno di Palazzo di Antonio Massimo in Via dell’Orso 28 a Roma


Interpretare l’arte a tavola…

Una mostra tra gusto, musica e vip per Marilù S. Manzini.


Dante e le parole dell’arte.

La Settimana della Lingua italiana a Kiev


Intervista a Mauro Russo

Il pittore si racconta a LN INTERNATIONAL


L’artista Ivan Tresoldi presenta a Pomezia “Chiamata alle arti - Fare scuola”

Inaugurata “Chiamata alle arti - Fare scuola” dell’artista Ivan Tresoldi nell’ambito del progetto Sol Indiges. Arte pubblica a Pomezia tra mito e futuro promosso dal Comune di Pomezia in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere.


Nel sagrato del Convento Monumentale di San Bernardino ad Amantea  ha avuto luogo la presentazione del secondo libro  di S.A.S. Principe Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice.

“Fiori nel deserto”, editore Mannarino, è la pubblicazione di una raccolta di 12 coinvolgenti racconti ambientati in quattro continenti.


Rome Art Week 2021

Maria Pacheco Cibils presenta alla Galleria Biblioteca Angelica la sua mostra personale Luminescenza


Grazie a Dostoevskij la Letteratura-Teatro coinvolge le periferie

“A proposito di Dostoevskij e di Delitto e Castigo” Lettura drammatizzata in diretta streaming venerdi 15 ottobre


Proseguono a ritmo serrato gli appuntamenti con l'arte, proposti dalla vulcanica Cinzia Cotellessa alla galleria CiCo di Roma.

Domenica 10 Ottobre, alle ore 12,00, sarà il turno di Annaluna con la sua personale "Follemente volli", un'artista approdata alla pittura dopo i suoi trascorsi in un'altra meravigliosa arte: la danza.


Mostra d'Arte "Pace e Amore 2021" le presentazioni a Roma

Il "messaggio” di concordia verso ogni comunità degli umani