Cinema e teatro
Seconda edizione del Festival dal 5 al 26 luglio 2021 ore 21,00
Deborah Bettega

Sui  palchi della rassegna , si alterneranno alcuni dei più interessanti comici del panorama italiano.

Ha aperto lunedi  5 luglio a Pietralata, Geppo, giovedi 8 luglio al Tufello è stata la volta di Stefano Vigilante, mentre venerdi 9 luglio a Tor Bella Monaca  sul palco, Oscar Biglia. “Affacciati alla finestra” ha continuato lunedi 12 luglio al Lamaro con Sergio Viglianese, martedi 13 luglio al Laurentino con i Sequestrattori e mercoledi 14 luglio a La Rustica con i  Carta Bianca, mentre giovedi 15 luglio a Torpignattara è la volta di Dani Bra. Venerdi 16 luglio appuntamento al Villaggio Breda con Marco Passiglia, domenica 18 luglio al Labaro Prima Porta con Marco e Mattia e lunedi 19 luglio a Garbatella ritornano i Sequestrattori mentre martedi 20 luglio a Torre Gaia, i Figli Unici.

Ultimi appuntamenti, mercoledi 21 luglio a Torrevecchia con Fabrizio Gaetani, giovedi  22 luglio a Villa Gordiani  con Marko Tana, venerdi 23 luglio al Trullo con Sergio Giuffrida. Infine a chiudere la seconda edizione di “Affacciati alla finestra”, lunedi 26 luglio a Vigne Nuove, Claudio Sciara. 

“Questa iniziativa rappresenta un ulteriore passo per la valorizzazione dei complessi di edilizia residenziale, che possono tornare ad essere luoghi di socialita` e condivisione nel pieno rispetto delle prescrizioni Covid-19. Portiamo l’Estate romana tra le palazzine dell’Ater per rafforzare il senso di comunità con serate di divertimento in una stagione avara di manifestazioni. Insieme a tutti gli interventi realizzati e ai progetti avviati per riqualificare molti lotti di edilizia popolare, è anche attraverso queste rassegne culturali che passa il recupero e la promozione di molti quadranti della città.

Abbiamo infatti investito oltre 200 milioni di euro per dare risposte adeguate al diritto alla casa e per favorire il risanamento delle periferie di Roma. Un vasto programma di interventi, che sta contribuendo a migliorare la qualità della vita per migliaia di persone. Dal Corviale al Prenestino, da Pietralata a Tor Bella Monaca, dal Tufello al Tiburtino III,  dal Quarticciolo al Casilino, fino a Primavalle, Torre Maura, Quadraro, Tor Sapienza, Garbatella, Torre Gaia e Laurentino. Le periferie della città sono al centro dell’attività della Regione: risorse e progetti per restituire decoro e dignità al patrimonio immobiliare di edilizia popolare presente nei diversi quadranti della Capitale.

Nuove costruzioni senza alcun consumo di suolo, interventi di riqualificazione urbana, ristrutturazione e completamento degli edifici, manutenzioni straordinarie, risanamento di aree verdi e parchi gioco, bandi pubblici per affitti agevolati e per assegnare locali commerciali a botteghe artigiane, start-up di giovani e associazioni di quartiere: il più grande piano di investimento degli ultimi 30 anni, che verrà integrato con il nuovo progetto per l’installazione della fibra ottica in molti alloggi popolari, insieme all’utilizzo del Sismabonus e dell’Ecobonus per arricchire il programma di recupero e valorizzazione degli edifici Erp.

Ma non solo complessi Ater: la rinascita delle periferie passa anche attraverso il completamento dei piani di zona in cinque municipi di Roma. Oltre 56 milioni di euro per realizzare infrastrutture e servizi attesi da venti anni.

Continueremo su questa strada con il massimo rigore e la massima velocità: un impegno concreto verso migliaia di famiglie per intervenire sul degrado, promuovere qualità urbana e abitativa nelle periferie di Roma e ridare speranza e fiducia alle persone. Vogliamo accendere una luce e restituire attenzione e dignità a queste importanti zone della città ha evidenziato Massimiliano Valeriani Assessore all’urbanistica e alle Politiche abitative della Regione Lazio.

Tutti gli spettacoli sono ad ingresso gratuito nel pieno rispetto delle disposizioni anti Covid 19.

News correlate
A Fiuggi la prima edizione del Ciak Film Festival

La cerimonia di premiazione si terrà Domenica 12 Settembre 2021


Il Teatro Brancaccio ha presentato la prima edizione di “Futuro Festival” Festival Internazionale di Danza e Cultura Contemporanea

Si è conclusa il 30 luglio la prima edizione di Futuro Festival che con il Teatro Brancaccio ha sfidato con positività questo difficile periodo storico dopo il lungo letargo in cui il Covid-19 ha costretto il mondo dello spettacolo dal vivo.


Il Teatro Brancaccino presenta: MONOLOCALE OpenAir

Una carovana di storie fatte in case in casa da un’idea di Daniele Coscarella


Il Teatro Sala Umberto presenta Monica Nappo in “L’Esperimento”

C’è questa donna che parla, parla tanto. Non si capisce se parla da sola o se c’è qualcuno che la sta ascoltando. E fin qui, nulla di nuovo.


Il film “Resilienza” finalista al Ciak Film Festival

Nuovo set per la Lupa Film di Maria Guerriero con la pellicola “La mia storia con te”


Svelata a Cannes la nuova location del Festival Cinecibo: sarà Cinecittà

Svelata a Cannes, in occasione della 74a edizione del Festival del Cinema, presso l’Italian Pavillion all’Hotel Majestic sul boulevard della Croisette, la location dell’ottava edizione di Cinecibo Festival.


Debutta in prima nazionale al Teatro Brancaccio, all’interno della rassegna Futuro Festival, lo spettacolo di natura multidisciplinare “Crolli”

Nato da un’idea della coreografa Alessia Gatta della [Ritmi Sotterranei] contemporary dance company. Tratto dall’omonimo libro di Marco Belpoliti.


Nella splendida Galleria Sciarra continuano gli spettacoli di sabato 17 e domenica 18

"Sonorità argentine tra tango e folklore" e Pino Strabioli che dialoga con Mariangela D'Abbraccio su "Le donne e il Teatro".


Lorella Cuccarini, l’artista italiana nel video di lancio del Festival Internazionale del Musical Milano

Una celebrazione globale che mette in mostra la creatività di talentuosi artisti e produzioni del Teatro Musicale contemporaneo da tutto il mondo, in Italia, a Milano, e nelle principali città della Regione Lombardia.


All’interno della rassegna “Teatro 7 A Villa Massimo” va in scena Massimo Wertmuller con lo spettacolo “A cuore aperto”, scritto e diretto da Gianni Clementi.

Carl Gustav Jung diceva: “I drammi più commoventi e più strani non si svolgono nei teatri, ma nel cuore degli uomini”.