Economia e finanza
L’autore, per ‘Forbes”, è tra i giovani “più potenti” in ambito Business e Marketing
Sergio Ferroni

Federico Lazzerini  è uno dei giovani emergenti più importanti nel campo del business e del marketing. Considerato dalla rivista ‘Forbes’ tra gli under trenta ‘più potenti’ in questo ambito, un innovatore e creativo di altissimo livello.

Tra l’altro è fondatore di “Vatican Media”, agenzia di comunicazione che si occupa di campagne di Marketing e Branding a livello nazionale ed internazionale.  Per il terzo anno consecutivo ha ottenuto l’alto patronato del Parlamento Europeo con Colors For Peace, charity organizations, fondata a Forte Dei Marmi insieme ad Antonio Giannelli, entità riconosciuta in tutto il pianeta con sedi in cinque continenti.

È uscito da tre settimane il nuovo libro di Federico Lazzerini, “Disruption Marketing”, ed è già in ristampa; in esso racconta come ripensare il concetto di brand e farlo evolvere fino alla costruzione di un’identità personale.

Il libro si prefigge come obiettivi: insegnare ad imprenditori, o aspiranti tali, come utilizzare Marketing, Comunicazione e Innovazione nel nuovo mondo post-covid, correggere vecchie abitudini sbagliate e acquisirne di nuove giuste per godere al meglio il privilegio di vivere nell’epoca delle nuove tecnologie, sfruttandone sapientemente tutte le opportunità.

I giovani devono osare – sostiene l’autore - perché il futuro del business sarà sempre più competitivo e digitale e trasformazioni dirompenti si susseguiranno a un ritmo frenetico. Per chi sa pensare fuori dagli schemi, si tratta di una grandiosa opportunità. Nel volume propone ai lettori la sua chiave strategica per prosperare in un ecosistema digitale sconvolto da una disruption dopo l'altra.

Sottolinea ancora Lazzerini:  «Il Digitale ha trasformato radicalmente le nostre relazioni interpersonali, la politica, il business e l'impatto che ha avuto sulle nostre vite è stato così dirompente che, per l’utente finale, l’identità digitale è molto più reale e tangibile di quella fisica».

Disruption Marketing”  è un’originalissima bussola in un mondo che non ha più punti cardinali e vuole dare ‘coraggio’ a chi se sente smarrito: «L’augurio migliore che si possa fare a una persona è quello di vivere in tempi interessanti – conclude – e questi lo sono: il vantaggio che abbiamo noi esseri umani, rispetto a qualsiasi tecnologia, è la flessibilità di pensiero.  A patto di sfruttarla».

News correlate
Morningstar Awards For Investing Excellence 2022

Riconoscimento di “Empowering Investor Success Award” assegnato al Premio Nobel, Richard H. Thaler, per i suoi studi e le sue ricerche nel campo della finanza comportamentale.


Cibus: Cia-Agricoltori Italiani e Unionbirrai, agricoltori e mastri birrai uniti per filiera local 100%

Valorizzare le imprese artigianali (+93% da 2015, +31% occupati), di cui il 21% birrifici agricoli. Si punti su materie prime locali e identità territoriale


Andrea Signini presenta a Roma la sua ultima fatica letteraria

C'era una volta la Compagnia di Bandiera italiana scritto da Andrea Signini – storico contemporaneista, già dipendente di Alitalia


IL 66° CONVEGNO DI STUDI AMMINISTRATIVI

A VILLA MONASTERO DI VARENNA (LC) DAL 16 AL 18 SETTEMBRE


Zootecnia: OICB, settore sia protagonista nel PNRR. Filiera vale 40 miliardi

Serve piano condiviso con le istituzioni per incentivare competitività e sostenibilità


Premio Bandiera Verde Cia: agricoltura supera crisi con hi-tech e sostenibilità

Alla cerimonia in Campidoglio il riconoscimento alle aziende agricole più innovative in ambito tecnologico, ecologico e sociale. Dal casaro “speleologo” ai robot in stalla fino ai vitigni “eroici”


Ortofrutta: Cia, costruire “un’alleanza” con i Paesi del Mediterraneo

Rivedere accordi commerciali bilaterali e costruire nuove partnership di “macroarea” per rispondere a sfide clima e mercati


Arturo Artom e l’azionariato per l’Inter

L'ambizioso progetto imprenditoriale


Prezzi: Florovivaisti Italiani, rivedere listini. Materie prime a +30%

Pandemia pesa su produzione e logistica. Serve coesione tra produttori per fare margini necessari


 Arturo Artom (Confapri): “Banche, trasformiamo tutte le moratorie in prestiti rinegoziati, portando la garanzia al 90%”

Le imprese si potranno rifinanziare senza aiuti di Stato e il credito si libererà di una zavorra da 170 miliardi.