Arte e cultura
L’esposizione, aperta al pubblico da giovedì 25 febbraio, è ospitata a Palazzo Barberini ed è curata da Margherita Guccione, Carlo Birrozzi, Flaminia Gennari Santori.
Sergio Ferroni

Promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e realizzata dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea e dall'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, in collaborazione con le Gallerie Nazionali di Arte Antica, la mostra Italia in-attesa. 12 racconti fotografici presenta le opere commissionate a fotografi italiani di diversa generazione nell’ambito di un progetto dedicato alla creazione di un archivio visivo dell’Italia durante l’emergenza sanitaria.

Le opere fotografiche sono di dodici autori: Olivo Barbieri, Antonio Biasiucci, Silvia Camporesi, Mario Cresci, Paola De Pietri, Ilaria Ferretti, Guido Guidi, Andrea Jemolo, Francesco Jodice, Allegra Martin, Walter Niedermayr, George Tatge.

I fotografi sono stati selezionati da un Comitato Scientifico presieduto da Margherita Guccione (Direttore MAXXI Architettura) e composto da Simona Antonacci (Collezioni fotografia MAXXI), Carlo Birrozzi (Direttore dell’ICCD), Pippo Ciorra (Senior Curator MAXXI Architettura), Fabio De Chirico (Dirigente DGCC), Matteo Piccioni (Storico dell’arte DGCC).

Gli autori selezionati hanno realizzato progetti fotografici che raccontano il vuoto e la sospensione nella vita ordinaria in un momento straordinario come la pandemia, hanno sondato paesaggi urbani ed extra-urbani, siti e luoghi della cultura della Penisola, i loro stessi luoghi e gli spazi prossimi ad essi. Le immagini prodotte spaziano tra diversi generi e generazioni, tra diverse modalità e tecniche, tra tradizione e sperimentazione. Obiettivo del progetto e della mostra, infatti, è quello di proporre un racconto corale e polifonico della situazione attuale, dando allo stesso tempo conto di come il lockdown e l’emergenza sanitaria possano aver influito sullo sguardo di alcuni dei principali narratori visivi italiani.

Più di cento le fotografie esposte lungo un percorso che si snoda tra cinque diversi ambienti di Palazzo Barberini (Sala delle Colonne, Cucine Novecentesche, Sala Ovale, Sala Paesaggi, Serra) – tre dei quali aperti al pubblico per la prima volta in questa occasione – creando un dialogo suggestivo tra presente e passato, storia e attualità, architettura e immagine.

Italia in-attesa rappresenta una delle tre azioni, distinte ma complementari del progetto 2020FermoImmagine - ideato e organizzato dal MiBACT con il coordinamento della Direzione Generale Creatività Contemporanea - insieme alla mostra Città sospese. I siti italiani Unesco nei giorni del lockdown, che sarà presto inaugurata a Palazzo Poli, e REFOCUS, open call per fotografi under 40 lanciate nel 2020 in collaborazione con La Triennale di Milano e il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, per indagare l’Italia durante le misure di contenimento dell’epidemia e che sfoceranno in una mostra.

Le immagini e le fotografie prodotte per Italia in-attesa e Città sospese entreranno a fare parte delle collezioni dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione e saranno destinate a un fondo dedicato alla documentazione del Paese nei mesi difficili dell’emergenza pandemica.

In occasione della mostra sarà pubblicato un libro fotografico (Danilo Montanari Editore) con i testi dei curatori.

www.2020fermoimmagine.beniculturali.it

 

News correlate
La mostra di Fiberart che celebra il potere della conoscenza e i luoghi che la custodiscono, in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore

Un tributo alla cultura, al potere e all'importanza del sapere, alla sua capacità di incidere sulla storia, di formare l’identità ed elevare l'individuo.


Dante e Yunus Emre.  Due poeti universali nel loro 700° anniversario

Istituto Yunus Emre centro Culturale Turco di Roma ha organizzato un evento digitale in occasione del 700° anniversario di due poeti nazionali, dell’Italia e della Turchia, Yunus Emre e Dante ai quali l’UNESCO ha dedicato l’anno 2021.


roma città aperta

"roma città aperta": una mappatura di oltre cento artiste e artisti che vivono e lavorano a Roma | progetto ideato e curato da Raffaella Frascarelli e Sabrina Vedovotto


Andrea Riccardi presenta oggi per Laterza il nuovo volume “La Chiesa brucia”

Romano Prodi e Corrado Augias dialogano in diretta per gli Editori Laterza con lo storico Andrea Riccardi sul suo ultimo libro "La Chiesa brucia. Crisi e futuro del cristianesimo".


"Sol Indiges" -  Arte pubblica a Pomezia tra mito e futuro: Agostino Iacurci e Ivan, progetto del Comune di Pomezia in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere, a cura di Marcello Smarrelli

“E già della casa le cento enormi porte s’aprono da sé, sull’aria recando i responsi della veggente…” Virgilio, Eneide, Libro VI


Magazzino è lieta di presentare Ascolto il tuo cuore, città, una mostra collettiva che riunisce i lavori di Elisabetta Benassi, Jonas Dahlberg, Gianluca Malgeri & Arina Endo, Sze Tsung Nicolàs Leong e Leonardo Magrelli.

Il titolo trae ispirazione dall’omonimo libro di Alberto Savinio, pubblicato nel 1944 e pensato come tributo alla città di Milano in uno dei momenti più drammatici della sua storia, durante la seconda guerra mondiale.


Lunedì 29 marzo 2021, ore 17.30 | Roma, Gallerie Nazionali di Arte Antica | Ciclo di webinar: #dialoghibarberinicorsini

Secondo appuntamento: LE GALLERIE SI RACCONTANO | con Flaminia Gennari Santori e Andrea Penna


Tomas Rajlich e l’arte astratta in Italia

Il percorso espositivo delle opere di Tomas Rajlich, che documentano oltre mezzo secolo di ricerca, parte dagli esordi nella scultura degli ultimi anni Sessanta, per concludersi con i suoi lavori più recenti.


21 marzo: Giornata della Poesia e delle Foreste con I Parchi Letterari

Anche quest’anno il 21 marzo I Parchi Letterari celebrano la Giornata mondiale della Poesia indetta dall’Unesco e la Giornata internazionale delle Foreste promossa dalle Nazioni Unite.


Giulia Crispiani vincitrice del Premio Giovani Collezionisti per Quadriennale d’arte 2020 FUORI

La sua opera "Incontri in luoghi straordinar" entrerà a far parte della Collezione del Museo MAXXI