Architettura e design
Gli antichi romani lo hanno usato per omaggiare con la sua preziosità gesta di imperatori e condottieri.
Sergio Ferroni

Michelangelo ha saputo plasmarlo come fosse materia viva per creare grandi capolavori e proprio  qui venne a cercarlo. Il marmo è la pietra che racchiude in sé delicatezza e forza, lusso, candore e maestosità. In esclusiva su DMAX canale 52 la serie che racconta l'affascinante mondo dei cavatori di marmo: “UOMINI DI PIETRA”, in prima tv assoluta da giovedì 19 novembre alle 21:25 e in anteprima sulla piattaforma Dplay Plus dal 12 novembre.

Protagoniste con i suoi uomini le cave del Monte Altissimo di Henraux nel Comune di Seravezza (LU) sulle Alpi Apuane versiliesi, le stesse cui Michelangelo aprì la strada nel 1517. Per la prima volta nella storia i cavatori del marmo interpretano se stessi e raccontano il proprio lavoro: una storia centenaria fatta di forza, di esperienza, di fatica, di grande passione e di tradizioni tramandate di padre in figlio, in un’unicità socio-culturale che ha reso questo territorio della Toscana uno dei più singolari e conosciuti al mondo.

Paolo Carli, Presidente di Henraux, anche nella doppia veste di protagonista della serie TV che lo vede al fianco dei suoi uomini a fronteggiare le sfide di ogni giorno, si dichiara particolarmente orgoglioso per aver potuto contribuire a omaggiare l’intenso, straordinario e imprescindibile lavoro della cava e dell’unica ed esclusiva filiera del marmo. E’ un omaggio a tutti i cavatori e ai lavoratori del marmo, un omaggio al territorio, un tributo a tutti coloro che attraverso l’imprescindibile e faticoso lavoro hanno contribuito e contribuiscono a costruire la bellezza nel mondo, a mantenere solida un'importante economia locale e nazionale, e a contribuire significativamente alla diffusione e all'immagine di uno dei più prestigiosi prodotti Made in Italy.

“Siamo stati scelti perché rappresentiamo una storia lunga duecento anni, perché le nostre cave sono come un prezioso scrigno, perché rappresentiamo la filiera completa nella lavorazione del marmo, dalla coltivazione ed estrazione fino al prodotto finito nei tre ambiti cui da sempre lavora l'azienda: Architettura, Design e Arte, un’economia verticale che rappresenta l'eccellenza e l'unicità nel settore del marmo. La Produzione ha voluto girare nella nostra realtà perché qui ha trovato una significativa coesione di tutti i reparti produttivi e, ancora, ha trovato l'eccellenza e l’umanità, la collaborazione e le capacità professionali. Sono tutti elementi di cui sono orgoglioso, così come sono fiero di tutta la squadra che compone l'azienda, uomini, donne e collaboratori. Ringrazio particolarmente Ugo Pozzi, il Produttore, Andrea Rizzoli, l'autore, tutti i tecnici che hanno realizzato la serie TV, Discovery e DMax”, dichiara Paolo Carli “ma, soprattutto, sono curioso di vedere il nostro lavoro che diventa un racconto televisivo. Ringrazio tutti i miei uomini che sono andati in scena e tutti coloro che sono rimasti dietro le quinte ma hanno contribuito alla produzione delle sei puntate che portano alle luci della ribalta un lavoro normalmente non visibile”.

Anche la Città di Seravezza, Terra Medicea e Città del Marmo, attraverso il Sindaco e il Vice Sindaco si dichiara soddisfatta di questo nuovo importante contributo alla tradizione e alla cultura del territorio. “Attendiamo di vedere in tv questa nuova serie ambientata alle nostre cave di marmo”, dichiara il sindaco di Seravezza Riccardo Tarabella. “Dai trailer che circolano sul web intuiamo che gli autori e i produttori puntano sugli aspetti spettacolari dell'attività estrattiva, sulla grandiosità dei luoghi e sulla difficoltà di un mestiere che per Seravezza e la Versilia è stato per decenni una fonte quasi esclusiva d'impiego e di reddito e che tutt'oggi è fondamentale per la moderna industria lapidea. Siamo curiosi di vedere come la tradizione viene letta in chiave moderna e televisiva, come la serie racconta i cavatori d'oggi, il loro mondo, le loro difficoltà quotidiane, l'impegno e, perché no, l'orgoglio che mettono nel fare un mestiere così antico e radicato nel nostro territorio.”

“Per il futuro di questo comparto, per la sicurezza dei lavoratori e per il mantenimento di un corretto equilibrio fra attività imprenditoriali e tutela del paesaggio il Comune e le altre istituzioni lavorano fianco a fianco con le aziende e con le organizzazioni sindacali, in ascolto e aperti alle istanze dei cittadini, delle realtà associative e di categoria”, aggiunge la vicesindaco e assessore alle attività produttive Valentina Salvatori. “È un comparto complesso e fragile, al quale cerchiamo di dare risposte e garantire prospettive lavorando sui temi delle tutele, della sicurezza – tanto dei lavoratori quanto dell'ambiente –, della formazione delle nuove generazioni di operatori, della valorizzazione dei materiali e della loro lavorazione in loco. L'attenzione che le cave dell'Altissimo e il nostro territorio ricevono oggi è anche il frutto di un impegno di anni e di una visione complessa e lungimirante che evidentemente sta ripagando”.

“Bisogna in ogni caso riconoscere alla società Henraux un grande merito nell'attività di promozione a livello internazionale”, concludono i due amministratori. “Attraverso una serie di molteplici iniziative – il supporto dato al film di Konchalovsky su Michelangelo e a questa nuova produzione televisiva, ma anche le mostre in Italia e all'estero, il Premio Cidonio, le grandi collaborazioni nel settore del design e dell'architettura – l'azienda si è dimostrata efficace in questi anni nel promuovere non solo il proprio lavoro, ma lo stesso territorio in cui opera, assieme a tutte le competenze e le risorse che lo caratterizzano”.

UOMINI DI PIETRA – Presentazione della Serie TV

Alpi Apuane, Toscana, il più grande bacino marmifero del mondo. Qui da oltre 2000 anni si “coltiva” il marmo: così amano dire le centinaia di cavatori che, aiutati dalle più sofisticate macchine, con passione e fatica lavorano per estrarre la materia perfetta, alimentando l'industria che storicamente contribuisce al benessere economico del territorio e del territorio è cultura sociale e identitaria.

Tra questi, i protagonisti di Uomini di pietra, uomini chiave della Henraux di Paolo Carli che sul Monte Altissimo (1.200 metri di altezza sulle Alpi Apuane a Seravezza), grazie al proprio amore per la pietra unito ad una brillante mente imprenditoriale, gestisce quattro diverse cave - la cava Russia, la Catino Alto, la Piastrone e la Buca - dando lavoro a oltre 150 persone. Dal preziosissimo Statuario dell'Altissimo, ai pregiati Arabescato e Versilia, ai Bianco Piastrone e bianco Buca, ogni varietà ha la sua storia. I team di Paolo sanno che ogni giorno bisogna dare il massimo, perchè l'incognita è dietro l'angolo: nessuno all'inizio di un taglio può sapere se la vena scelta darà il blocco perfetto oppure si spezzerà non appena staccata dal monte. Una sfida quotidiana contro gli imprevisti, con clienti esigenti, consegne da rispettare e soprattutto, la salvaguardia della montagna, il più prezioso dei tesori.

Seguendo l'attività di Paolo e dei suoi uomini, dai capi cava ai responsabili delle attività produttive e commerciali, impareremo a conoscere il mondo che ruota intorno all'intera filiera del marmo, dall'estrazione del blocco al prodotto finito: un racconto moderno dal sapore epico, che pone al centro uomini che con istinto e competenza mandano avanti un processo che si tramanda di generazione in generazione, ma che è al tempo stesso una sfida sempre nuova, immersa in scenari lunari e panorami mozzafiato.

 

 

News correlate
Polonia: Lodz, metamorfosi di una città

Da polo industriale a capitale della creatività e dell’innovazione. Un museo a cielo aperto che si rinnova grazie ad opere d’arte contemporanea, ad iniziative culturali, alla moda e al design.


Anche Henraux è protagonista della Milano Design Week 2021.

Giovedì 9 settembre alle ore 17:30 all'ADI Design Museum si presenta il numero 10 di MARMO, unica rivista al mondo che tratta esclusivamente di questo straordinario materiale declinato in architettura, design e arte


Intervista a Jean Nouvel

Incontro a Roma con l’archistar di fama internazionale che ha realizzato edifici memorabili in ogni parte del mondo e vinto i più prestigiosi premi come il Leone d’oro alla Biennale di Venezia, il Premio Pritzker e, per due volte, il Gran Prix National de


Clamorosa gaffe di uno dei più celebrati artisti del '900, SALVADOR DALI'

Grande mostra di Dalì al Vittoriano di Roma, dove però il grande Maestro del novecento dimostra di essere un po' scarso nella conoscenza della storia dell'arte!


Marco Milia, Molecula

Inaugurazione della scultura permanente di Marco Milia, Molecula, al CoscioniLAB (Roma) il 26 marzo ore 19. Per l’occasione, e fino al 15 maggio, saranno esposti anche una serie di progetti dell’artista, modelli in scala delle installazioni ambientali rea


GENOVA, UN CONCORSO INTERNAZIONALE DI GRAFICA E DESIGN  PER LA MASCOTTE DEL PESTO

L’8 febbraio il termine per presentare i progetti in vista dell’8a edizione del Campionato Mondiale


Ied Roma Design Awards 2020: I Vincitori, premiati i migliori progetti sviluppati nella sede IED Roma nell’anno della pandemia

Sono stati premiati gli otto progetti vincitori di IED ROMA DESIGN AWARDS, il riconoscimento giunto alla sua seconda edizione conferito dall’Istituto Europeo di Design ai migliori progetti sviluppati all’interno dell’istituto.


Le Gallerie Nazionali Barberini Corsini e Associazione Civita insieme per il restauro delle consoles rococò di Galleria Corsini.

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica avvieranno il restauro delle straordinarie consoles, grazie ai proventi raccolti con la vendita del Vino Civitas che, anche quest’anno, rinnova l’impegno dell’Associazione Civita.


Valletta Now&Then

Viaggio attraverso il tempo per scoprire come la capitale maltese ha saputo adattarsi attraverso il cambiamento storico.


Hospice di Renzo Piano per Seragnoli

Progetto dell’Arch. Renzo Piano e finanziamento della Fondazione Hospice MT. C. Seragnoli