Cinema e teatro
19 attori si “autoriprendono” sotto lockdown per dimostrare la voglia di tornare presto sul set
Sergio Ferroni

E’ disponibile sui social e sul web lo speciale ironico e divertente cortometraggio “Distanziamento Sociale” ideato dallo sceneggiatore e regista Francesco Malavenda con un cast di 19 interpreti di alto livello, Maurizio Mattioli, Francesco Testi, Stefano Masciarelli, Gigi Miseferi, Carmen Russo ed Enzo Paolo Turchi, Antonio Giuliani, Emy Bergamo, Alvaro Vitali, Carmine Faraco, Antonio Lo Cascio, Anna Rita Del Piano, Stefania Corona, Claudia Conte, Paola Lavini, Andrea Paris, Gegia, Franco Neri, Gianluca Fubelli.

Prendendo spunto da quello che hanno fatto le orchestre in fase di lockdown il film è stato realizzato con il coinvolgimento degli attori che hanno interpretato la propria parteautoriprendendosi” o facendosi riprendere con il proprio telefono cellulare ed inviandola poi al regista.

La trama è leggera per regalare momenti “spensierati” allo spettatore e tocca diversi argomenti un pò stravolti dalla condizione di “reclusione forzata” si va dal calcio all’amore, dagli esercizi fisici all’arte culinaria, dal giardinaggio ai tradimenti, ma il fil rouge che lega il tutto è l’amicizia (vera) tra gli attori che hanno saputo recitare un copione “simulando” di avere di fronte chi dava la controbattuta.

Ho voluto scrivere e realizzare questo film corto per dare un piccolo “segnale”, per far capire che “ci siamo anche noi”, quelli del cinema, non per far polemica, ma per dimostrare la voglia di tornare al più presto ad “aprire” un set!”, spiega Malavenda che tecnicamente si è avvalso della collaborazione “soltanto” di tre persone: Emiliano del Frate, montatore, Davide Granelli, dronista, e Tony De Simone per le musiche originali (Lebrel).

 

Distanziamento Sociale trailer:   https://youtu.be/UAso3VilRGU

Distanziamento Sociale corto:    https://youtu.be/2iU6WrpVFJo

News correlate
Nasce HODTV, la prima grande piattaforma streaming interamente dedicata all'horror

HODTV: non solo lungometraggi, ma anche short, mediometraggi e serie provenienti da produttori indipendenti internazionali.


Vincitore del XXXVII Fantafestival, Almost Dead approda su Amazon Prime Video

Zombie movie diretto da Giorgio Bruno


TULIPANI DI SETA NERA: anche Whoopi Goldberg in collegamento per la cerimonia finale di premiazione.

Tra corti in gara, anteprime e fuori concorso si avvia alla conclusione il Festival Internazionale del Film Corto “Tulipani di Seta Nera”.


Premio Volonté 2020 a Pierfrancesco Favino - Confermato il festival "La Valigia dell'Attore"

Confermata la diciassettesima edizione de La Valigia dell'Attore in programma dal 27 luglio al 1 agosto a La Maddalena, in Sardegna.


PANDEMIC TALES

Reazioni Artistiche di Allievi in trincea


Il Teatro Brancaccio presenta Debora Villa "Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere".

"Tanto tempo fa, i Marziani e le Venusiane si incontrarono, si innamorarono e vissero felici insieme. Poi arrivarono sulla terra e furono colti da amnesia: si dimenticarono di provenire da pianeti diversi."


Teatro Brancaccio e MDM Academy  presentano le Master Class internazionali dedicate ai professionisti del musical.

Stap Brancaccio di Roma e la MDM Academy di Milano presentano Masters of Musical un progetto formativo rivolto ai professionisti del musical.


Il Teatro Sala Umberto di Roma presenta "SHERLOCK HOLMES e i delitti di Jack lo squartatore "

Non tutti forse sanno che nel 1888 Sir Arthur Conan Doyle, il creatore di Sherlock Holmes, fu chiamato più volte da Scotland Yard ad offrire la sua consulenza a proposito degli efferati delitti che in quegli stessi anni coinvolgevano la Londra Vittoriana.


GLI ANNI PIÙ BELLI

Il tempo è il vero protagonista del film "Gli anni più belli" di Gabriele Muccino. Importante è anche il valore dell'amicizia tra sogni, delusioni, amori, tradimenti, speranze e fallimenti di un'intera generazione.


 Il Teatro Sala Umberto di Roma presenta "L'Uomo, La Bestia, la Virtù" di Pirandello.

Il David di Donatello Giorgio Colangeli veste i panni del “trasparente” professor Paolino nella rilettura registica di Giancarlo Nicoletti di uno dei classici pirandelliani, “L’uomo, la bestia e la virtù”.