Arte e cultura
L’artista Marilù S. Manzini interpreta le difficoltà dei sentimenti e degli affetti.
Deborah Bettega

 

Gli artisti sono persone sensibili, spesso captano prima degli altri ciò che accade o potrebbe succedere realmente. La Manzini, nota scrittrice, pittrice e prossimamente in veste di regista e sceneggiatrice per l’uscita del film “Il Quaderno nero dell’amore” aveva scattato queste fotografie nel 2019 e ora ha immortalato “la donna gravida in quarantena”.

La foto della donna incinta ha diverse interpretazioni: la necessità della donna di custodire ciò che ha di più prezioso nel suo ventre, l’imposizione esterna che costringe a isolarsi da tutto, la paura che il futuro nascituro debba essere isolato, il diniego dell’amore materno ma anche la vita che nel continuare a nascere è più forte di qualsiasi virus.

Le altre immagini, scattate nel 2019 prima della diffusione del virus, evidenziano l’impossibilità di un bacio tra chi si ama e le difficoltà che l’uomo può incontrare nel voler avvicinarsi a chi vuole bene.

I motivi possono essere molti: inquinamento, contagio, tuttavia, c’è un imperativo che in questo caso non è la distanza, ma l’impossibilità di poter parlare, di osservarsi a occhi nudi per leggere le espressioni e le reazioni di chi ci sta di fronte.

Le circostanze imprigionano i sentimenti, bloccano le emozioni deflettendo le nostre azioni. Sono immagini che non lasciano indifferente nessun osservatore, sono forse inquietanti, ma fanno capire quanto gesti semplici e abituali possano essere inaspettatamente interdetti.

In questo periodo, più che in altri, comprendiamo l’importanza del rapporto con l’altro e quanto non sempre sia concesso ciò che desideriamo.

Marilù S. Manzini nel mostrare un impedimento, pone l’accento su ciò che è l’essenza della vita e le difficoltà che ci possono essere nell’amore tra un uomo e una donna determinate in questo caso non da loro, ma da circostanze esterne e ineluttabili.

News correlate
Mo.C.A Studio Gallery di Roma presenta “AMABIE” di Yuriko Damiani e Giusy Lauriola

Mo.C.A Studio Gallery in collaborazione con la Fondazione Italia Giappone e con il patrocinio dell’Istituto Giapponese di Cultura è lieta di presentare la bipersonale di Yuriko Damiani e Giusy Lauriola | AMABIE .


I musei riaprono, tra mostre 'scongelate' e nuovi eventi

Finalmente mostre, musei e meraviglie riaprono: ecco i nostri consigli, perché l'arte, la bellezza, fa bene.


La galleria Roma Smistamento presenta la mostra, curata da Erika Venanzetti, dell’artista Fabio Martinelli

Una mostra che offre una sperimentazione e una riflessione sulle variazioni e gli effetti temporali attraverso delle video installazioni.


La Galleria Cico presenta la personale di Silvia Troiani: "Sensazioni policrome"

La mostra, dal titolo "Sensazioni Policrome", propone circa 50 opere di varie dimensioni e tecnica che abbiamo avuto modo d'ammirare in anteprima.


La programmazione espositiva di SPAZIOMENSA prosegue con la mostra Looper di Sonia Andresano e Sebastiano Bottaro

L’esposizione, visitabile esclusivamente su prenotazione, inaugurerà in data 8 maggio e durerà fino al 29 maggio 2021. La mostra sarà corredata dai contributi critici di Giuseppe Armogida e Gaia Bobò.


Intervista al pianista Leonardo Pierdomenico

Conoscere il pianista Leonardo Pierdomenico


Simone D'Auria parte con i suoi multipli

Le opere di Simone D’Auria sono sempre più richieste e ricercate, anche Charles LeClerc, pilota di Formula 1 Ferrari


Roma, Fondazione Memmo - riapre la mostra Conversation Piece. Part VII. Verso Narragonia

Da lunedì 26 aprile 2021 riapre la mostra Conversation Piece - Part VII, a cura di Marcello Smarrelli, alla Fondazione Memmo


Una finestra sull’arte: La Pop Art di Massimo Paravani.

La Pop Art è una delle correnti artistiche che hanno rivoluzionato il mondo dell'Arte, appare in Gran Bretagna negli anni 50/60, ma attecchisce e si sviluppa prima negli USA rimbalzando poi con la sua influenza in Europa.


FABIO MARIANI intervista d'artista

Mariani trova se stesso attraverso lo studio della natura