Architettura e design
Progetto dell’Arch. Renzo Piano e finanziamento della Fondazione Hospice MT. C. Seragnoli
Nicoletta Gandolfi

L’Hospice Pediatrico diBologna, progettato dall’Arch. Renzo Piano e finanziato dalla FondazioneHospice MT. C. Seràgnoli, è stato presentato il 27 giugno 2017. Sarà realizzatonell’area adiacente l’Ospedale Bellaria in un’area di 8 mila metri quadri e verràcompletato nel 2020.

La Fondazione Seràgnoli,di cui è noto l’intenso impegno filantropico, si occupa anche di dare adeguataassistenza ai malati inguaribili e alle loro famiglie.

L’edificio sarà immersoin un bosco a foglie caduche per fornire l’ombra d’estate e lasciar filtrare ilsole d’inverno con aree più folte e altre più rade per consentire zone digioco. Sarà rialzato di sei metri rispetto al piano di campagna con spazileggeri e luminosi sospesi. All’interno, ci saranno anche una palestra e unapiscina per idroterapia. I lavori di realizzazione inizierannonell’autunno 2017.

Saranno 4500 mq distruttura in acciaio, vetro e calcestruzzo: un corpo principale, dove sarannocollocate le stanze dei giovani malati, i locali per le terapie e i servizi, etre corpi minori, di cui uno destinato alle residenze dei genitori. Tutti ivolumi sono collegati tra loro da ponti aerei. Nello specifico l’edificio saràcostituito da un corpo principale, a pianta quadrata (di 50 x 50 metri), cheospiterà tutti i servizi ospedalieri e 14 camere singole per i pazienti. Aquesto saranno poi connesse, con leggeri collegamenti aerei tra glialberi, delle strutture satellite: due di queste, sul lato sud, ospiterannootto mini alloggi destinati ad accogliere le famiglie dei piccoli pazienti,mentre sul lato opposto sono state previste due polarità di caratteremaggiormente intimo e meditativo.

L’obiettivo di questohospice, come degli altri tre realizzati dalla Onlus nell’area (Bentivoglio,Bellaria e Casalecchio), è quello di ospitare e aiutare i pazienti con malattieinguaribili e le loro famiglie.

La primissima ideaprogettuale è stata quella di un edificio che si sollevasse dal terrenoper abitare, idealmente, uno spazio leggero e luminoso, con gli occhi deipiccoli residenti all’altezza della chioma degli alberi. L’idea è quella di toglierepeso al dolore; in fondo è proprio questa la ragione e la forza di umanità chesta dentro l’idea di un hospice: alleviare il dolore di chi vi abita.E vivere tra gli alberi rimanda ai giochi e ai sogni dei bambini, allecase sugli alberi e alla loro potente idea di libertà creativa e profondamentelegata al mondo naturale.

La composizione del corpoprincipale è quella di uno spazio sviluppato attorno ad un giardino-patiocentrale. Tutti i volumi appaiono come sospesi da terra mediante l’utilizzo diesili colonne a sezione circolare e i fronti degli edifici saranno ritmatidalla presenza di trasparenze vetrate a parti opache rivestite in legno. L’areadel piano terra costituisce un grande disimpegno di ingresso open space dovetrovano sede diverse attività tra cui la reception e la segreteria. Qui avverràsia l’accreditamento dei visitatori che dei pazienti alla struttura e da qui siaccederà agli ambulatori. La copertura dei volumi principali sarà rivestitada pannelli fotovoltaici che assicureranno una produzione energeticadell’ordine di circa 500.000KWh/annui, quindi circa un terzo del consumo annuostimato per l’intero complesso.

Sarà l’hospice pediatricopiù grande d’Italia.

L’hospice pediatricoverrà inserito in percorsi di accreditamento istituzionale. Il serviziosanitario nazionale si occuperà degli accessi, che saranno gratuiti.

Si tratta di un’ottimainiziativa, di aiuto pratico e concreto per alleviare il dolore e dare le curecomunque necessarie a pazienti con malattie purtroppo anche inguaribili in unambiente immerso nella natura e nella bellezza.

 

http://www.lastampa.it/2017/06/28/cultura/lhospice-pediatrico-firmato-renzo-piano-unoasi-di-alberi-per-i-bambini-incurabili-bkriVbnUw2qJHhmuHhaNIJ/pagina.html

https://www.greenme.it/abitare/bioedilizia-e-bioarchitettura/24385-hospice-pediatrico-renzo-piano-bologna#accept

 

Nicoletta Gandolfi

Architetto e Giornalista. Ordine degli Architetti n. 2610 - Ordine dei Giornalisti n.156485 L’ Arch. Nicoletta Gandolfi si è laureata in corso in Architettura presso l’Università di Firenze nel '94 con votazione 100/100, in indirizzo storia e restauro. Successivamente ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della libera professione presso l’Università degli studi di Firenze e da allora svolge la libera professione. E' iscritta all'Ordine degli Architetti, pianificatori e paesaggisti di Bologna dal 1995. www.nicolettagandolfi.com

News correlate
Polonia: Lodz, metamorfosi di una città

Da polo industriale a capitale della creatività e dell’innovazione. Un museo a cielo aperto che si rinnova grazie ad opere d’arte contemporanea, ad iniziative culturali, alla moda e al design.


Anche Henraux è protagonista della Milano Design Week 2021.

Giovedì 9 settembre alle ore 17:30 all'ADI Design Museum si presenta il numero 10 di MARMO, unica rivista al mondo che tratta esclusivamente di questo straordinario materiale declinato in architettura, design e arte


Intervista a Jean Nouvel

Incontro a Roma con l’archistar di fama internazionale che ha realizzato edifici memorabili in ogni parte del mondo e vinto i più prestigiosi premi come il Leone d’oro alla Biennale di Venezia, il Premio Pritzker e, per due volte, il Gran Prix National de


Clamorosa gaffe di uno dei più celebrati artisti del '900, SALVADOR DALI'

Grande mostra di Dalì al Vittoriano di Roma, dove però il grande Maestro del novecento dimostra di essere un po' scarso nella conoscenza della storia dell'arte!


Marco Milia, Molecula

Inaugurazione della scultura permanente di Marco Milia, Molecula, al CoscioniLAB (Roma) il 26 marzo ore 19. Per l’occasione, e fino al 15 maggio, saranno esposti anche una serie di progetti dell’artista, modelli in scala delle installazioni ambientali rea


GENOVA, UN CONCORSO INTERNAZIONALE DI GRAFICA E DESIGN  PER LA MASCOTTE DEL PESTO

L’8 febbraio il termine per presentare i progetti in vista dell’8a edizione del Campionato Mondiale


Ied Roma Design Awards 2020: I Vincitori, premiati i migliori progetti sviluppati nella sede IED Roma nell’anno della pandemia

Sono stati premiati gli otto progetti vincitori di IED ROMA DESIGN AWARDS, il riconoscimento giunto alla sua seconda edizione conferito dall’Istituto Europeo di Design ai migliori progetti sviluppati all’interno dell’istituto.


Le Gallerie Nazionali Barberini Corsini e Associazione Civita insieme per il restauro delle consoles rococò di Galleria Corsini.

Le Gallerie Nazionali di Arte Antica avvieranno il restauro delle straordinarie consoles, grazie ai proventi raccolti con la vendita del Vino Civitas che, anche quest’anno, rinnova l’impegno dell’Associazione Civita.


Valletta Now&Then

Viaggio attraverso il tempo per scoprire come la capitale maltese ha saputo adattarsi attraverso il cambiamento storico.


"UOMINI DI PIETRA" in TV la storia del marmo come non si era mai vista.

Gli antichi romani lo hanno usato per omaggiare con la sua preziosità gesta di imperatori e condottieri.