Territorio
Da settembre inizia la stagione ideale per gli amanti delle lunghe camminate, per vivere appieno l’isola attraverso sette sentieri di natura
Elena Parmegiani

Con il suo microclima e un territorio variopinto e mai uguale a sé stesso, da settembre l’Elba si trasforma in una meta imperdibile per gli appassionati di trekking. Dalle spiagge e scogliere, risalendo attraverso la macchia mediterranea e i piccoli borghi, fino a toccare le sue granitiche cime, l’isola propone sette nuovi percorsi da esplorare, per tutti i tipi di esigenze, con tante curiosità storiche e culturali da scoprire.Per celebrare la giornata senza auto l’isola propone Il Cammino della Rada, un itinerario che collega due punti simbolicamente importanti a Portoferraio: la Torre del Martello della città fortificata di Cosmopoli con la Fortezza del Volterraio, emblema del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. Il percorso collega una straordinaria articolazione di punti di interesse distribuiti lungo il Cammino: aspetti naturali, culturali e storici, tra cui l’intera città fortificata rinascimentale, una zona termale, aree umide costiere, un giardino botanico, resti archeologici di ville marittime romane, l’ultima traccia di antiche saline con la Torre del Sale e il molo di attracco etrusco per imbarcare i carichi di vino per il continente. A questi, si aggiunge una rocca medievale e una chiesa, quella di S. Stefano alle Trane, che può considerarsi la massima realizzazione del romanico pisano all’Elba, entrambi di origine etrusca.Occorre una bella dose di fiato per sfidare le dritte e lunghe scalinate di pietra calcarea rosa che congiungono la parte bassa del centro storico con gli impressionanti bastioni in alto. Nate per agevolare la corsa dei soldati a cavallo verso i bastioni in caso di attacco, sono numerose e si diramano quasi a raggiera simmetrica. Arrivare in vetta al Forte Falcone è il premio per un’esplorazione di quella che è considerata la prima città rinascimentale ideale, progettata dai migliori architetti di Cosimo de’ Medici nel 1548. Ci si trova così in uno dei tre punti chiave del Cammino della Rada: altissimo sulla città, a filo di gabbiano di fronte alla collina della Villa romana delle Grotte e davanti alla Fortezza del Volterraio.Per gli amanti, invece, dei percorsi più impegnativi, il trekking tra le vie del granito è d’obbligo: un anello che si sviluppa nel versante sud del Monte Capanne e tocca le principali aree archeologiche diffuse in quest’area: dai resti degli antichi capanni di età villanoviana alle sepolture a cassetto di analoga epoca, fino alle maestose colonne in granito realizzate dai romani. La partenza è a quota 230 metri dal piccolo borgo di San Piero, frazione del comune di Campo nell’Elba. Da non perdere la piccola chiesa di San Piero e Paolo, inglobata nel bastione difensivo che domina la piana di Marina di Campo. Dopo aver imboccato le scalinate in granito al centro del paese, si cammina fino ad intersecare il sentiero che dalla Torre di San Giovanni porta alle Piane del Canale, che da l’opportunità di visitare il punto panoramico di Pietra Murata. Da qui si vedono bene Pianosa, Montecristo ed anche la Corsica. Dopo aver ripreso il sentiero, si scende lungo il Fosso del Malocci fino ad incrociare il sentiero che porta alle cave di granito di San Piero. Durante quest'ultima parte di percorso, guardandosi intorno, non sarà difficile scorgere massi di granito semilavorati: le colonne sono ciò che ne rimane dell'antica lavorazione.Uno degli itinerari più suggestivi dell'isola è l'itinerario di Punta Enfola, il promontorio di Capo Enfola unito al resto dell'isola da uno stretto istmo di terra. Il sentiero è lungo circa 5 Km, ricco di elementi naturalistici e testimonianze storiche risalenti all’ultimo conflitto mondiale. Per raggiungere l'Enfola da Portoferraio bisogna seguire le indicazioni Enfola-Viticcio. Si inizia a salire per una strada fiancheggiata da roccia viva, macchia mediterranea e da muretti a secco. Qui, si imbocca il sentiero lungo il quale sarà possibile scorgere alcuni ruderi bellici, resti di un imponente sistema difensivo, alternati a sorprendenti scorci panoramici: a ovest sul Golfo del Viticcio e Sant'Andrea, a est sulle spiagge bianche di Portoferraio. Sotto, alla base del promontorio, lo scoglio dello Schiappino, uno dei due isolotti intorno all'Enfola. Ci si accorge da subito che si tratta di un percorso unico per scenario e profumi. Dalla spiaggia della Biodola fino alla spiaggia del Procchio si sviluppa invece un sentiero tra mare e spiagge dorate. Si percorre un bel tratto pianeggiante, a picco sugli scogli, per giungere ad una galleria scavata nella roccia, molto suggestiva da attraversare, illuminata e con delle belle aperture. La prima spiaggia isolata che si incontra lungo il sentiero è Lamaia. Vi sono poi le cale di Porticciolo e Guardiola. Percorrendo quest’ultima si sale sulla scalinata che si trova al termine e che permette di attraversare la scogliera. Ha inizio poi la lunga passerella di legno sopraelevata che costeggia per tutta la sua lunghezza la spiaggia di Procchio, una delle più grandi dell’isola. La passeggiata può essere considerata il proseguimento del trekking che parte da Viticcio ed arriva alla spiaggia del Forno a Portoferraio. É un sentiero da fare assolutamente con macchina fotografica al seguito, sostando per un bagno in uno dei due piccoli golfi che solitamente sono semideserti.Il sentiero che ha invece inizio dalla Piazza di Rio nell’Elba e giunge fino al Castello di Giove alle Panche è un percorso che tocca alcuni dei luoghi unici dell’isola, come l’Eremo di Santa Caterina e i “vecchi ?lavatoi” con le bocche in ottone. Da qui, immergendosi nella macchia mediterranea, si può raggiungere anche il maestoso Castello del Volterraio. Fiancheggiando le antiche fornaci della calce, si sale fino al sentiero principale a nord arrivando fino al Monte Castello che domina la silenziosa valle del Monserrato e l'omonimo suggestivo santuario dedicato alla Madonna Spagnola. I più allenati possono proseguire fino alla cima del monte per godersi la vista a 360° su Rio Elba, le miniere, la Torre del Giogo, l'imponente Volterraio, la spiaggia di Barbarossa e Porto Azzurro. La discesa riporta velocemente a Le Panche e alla quiete del Rio nell'Elba.Poco conosciuto e tutto da esplorare è il percorso Capo di Stella: anello sulla penisola del golfo omonimo fra Capoliveri e Lacona. Il sentiero si sviluppa interamente sulla lunga e stretta punta che separa le due ampie baie della Stella e di Lacona. Si tratta di uno dei promontori più interessanti dell'Elba. La partenza è dalla strada provinciale di Lacona, all'altezza del bivio per la spiaggia di Margidore, dove si segue una strada asfaltata con l'indicazione per Capo di Stella. Lungo il sentiero si ha un bel colpo d'occhio sullo scoglio dei Corbelli, regno incontrastato dei gabbiani che non mancheranno di segnalare il percorso. Arrivati in cima, la vista consente anche di sporgere lo sguardo verso est, al golfo Stella, con il lungo tratto di costa fino all'Innamorata, e verso ovest sul golfo di Lacona con la spiaggia omonima. La curiosità storica di Capo Stella ha come protagonista Napoleone. Si narra che l’imperatore fosse innamorato di questo tratto di terra, fino al punto di voler recintare la base del promontorio per poter utilizzare la zona come riserva di caccia personale.Il sentiero della Vecchia Ferrovia è invece un vero e proprio regno dei minerali, che ripercorre la vecchia strada ferrata e la sua lunga storia.

Si parte dalla spiaggia dell'Innamorata, una delle più belle e famose di Capoliveri. Un tempo era ricoperta da una sottile sabbia nera di ferro. Dopo pochi minuti di cammino, ci si trova già sopra le tramogge. Da qua, punto di carico e scarico dei vagoni dove il minerale veniva selezionato e poi imbarcato sulle navi mercantili, si gode un bellissimo panorama sulle Isole Gemini, sul Golfo Stella, Pianosa e Montecristo. Il sentiero riprende senza difficoltà e si prosegue per il "percorso del ferro". Osservando le piante tipiche della macchia mediterranea, il panorama sulla miniera e le altre isole dell’arcipelago, si giunge nel cuore del Vallone, zona ricchissima di minerali; oltre al ferro, si possono trovare piccoli campioni di Azzurrite, Malachite e Crisocolla e i minerali del rame. Il percorso passa attraverso una strada tagliata nella roccia, che da la possibilità di avere una vista panoramica sulla spiaggia di Punta Rossa e che prosegue fino a raggiungere la strada principale del promontorio di Calamita. Si può anche scendere verso la spiaggia raggiungibile solo a piedi o via mare. L’acqua è trasparente e i piccoli minerali presenti a riva ripagano la camminata.

 

--------------------------

Organizza il tuo viaggio all’Isola d’Elba partendo da questa idea e visita la pagina http://www.visitelba.info

 

Per sapere di più sul Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e le riserve Unesco:

http://www.islepark.it/

http://www.unesco.org/new/en/natural-sciences/environment/ecological-sciences/biosphere-reserves/europe-north-america/italy/tuscan-islands/

http://www.minambiente.it/pagina/le-aree-mab-italia

--------------------------

Scopri di più su Visit Elba al sito www.visitelba.info e nel blog blog.visitelba.info

Segui Visit Elba su Facebook, Instagram e Twitter @visitelbait

--------------------------

 

 

 

 

News correlate
L’italiano lingua di pace in Libano con il progetto LIMES 2.0

La Società Dante Alighieri comunica l’avvio ufficiale per il secondo anno consecutivo dei corsi di lingua italiana del progetto LIMES 2.0 dedicato ai bambini e agli educatori dei campi profughi di Beddawi e Nahr El Bared in Libano.


Dalla scoperta dell’alfabeto del pinguino africano alla tutela delle specie animali fortemente minacciate. Zoomarine ancora tra i protagonisti della ricerca.

Non solo divertimento, ma anche ricerca scientifica: presso il Parco un team di esperti osserva quotidianamente il comportamento degli animali in ambiente controllato, per comprenderne le dinamiche più profonde e tutelarne il benessere.


Dopo il sold out, nuova proiezione straordinaria di STORIE D'AFRICA.

Un viaggio tra Senegal, Costa D’Avorio, Guinea durato circa tre mesi, seguendo l’itinerario di CinemArena, uno schermo itinerante della Cooperazione Italiana che realizza campagne di informazione ed educazione su diverse tematiche sociali in varie parti d


Domenica 23 giugno, Zoomarine celebra la Giornata mondiale dei fenicotteri.

Attività educative e di sensibilizzazioni per grandi e bambini, e una raccolta fondi in favore di Zoomarine Trust Onlus, che opera per salvaguardare la biodiversità.


Sabato 8 giugno Zoomarine contribuisce alla pulizia della spiaggia di Torvaianica per la Giornata Mondiale degli Oceani.

Sabato 8 giugno è la Giornata Mondiale degli Oceani, un evento celebrato in tutto il mondo per promuovere la salvaguardia di un patrimonio fondamentale per la vita dell’uomo: l’oceano.


La Città di Fano si proietta nel futuro con il suo nuovo City Branding

Il Sindaco di Fano, Massimo Seri, e l’Assessore alla Cultura e Turismo di Fano, Stefano Marchegiani, hanno presieduto l’evento di presentazione alla Città del proprio City Brand.


Un  PARCO DELLA MEMORIA  sulle macerie di PESCARA DEL TRONTO

Per dare un futuro alla memoria del paese "martire" del terremoto del Centro Italia, l'unico paese che non potrà essere ricostruito dov'era, potrebbe sorgere un "Parco della Memoria" sui resti delle sue rovine.


 Fano, Città di Vitruvio, invita alla scoperta del suo patrimonio.

Oggi il percorso è nell’ex Chiesa di San Francesco, uno dei complessi monumentali più belli e suggestivi della città, da visitare in uno dei prossimi weekend di primavera, magari ospiti di una fra le belle strutture della città e degustando il famoso brod


Il 12 aprile 1849, la Repubblica Romana, proclamava il Po fiume nazionale.

Abbiamo chiesto allo storico e scrittore portotollese Claudio Modena, studioso del periodo risorgimentale, autore di riferimento di Ciceruacchio, fucilato dagli austriaci con i due figli a Porto Tolle il 10 agosto 1849, nonché presidente dell'associazione


ESTATE 2019 – CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE PER LA SICUREZZA IN ACQUA

Quest’estate metti la sicurezza in valigia, segui il #BagninoSalvamento