Arte e cultura
Mostra personale di fotografia di Aurora Maletik a Roma. A cura Takeawaygallery, con un testo critico di Massimo Bignardi e la presentazione di Barbara Martusciello
Ludovica Linari

Una ricerca fotografica orientata a favorire “l’idea del vedere fine a se stesso”, persiste nelle esperienza in corso o, almeno, si dà come linea preminente. È quanto segnalava, già dagli anni settanta, Susan Sontang riflettendo sulla fotografia, estendendo l’analisi al rapporto tra realtà e immagine nella società contemporanea, come chiarisce il sottotitolo, del suo ben noto saggio Sulla fotografia. Tale rilievo investe un concetto più ampio, toccando aspetti che chiamano in causa l’esercizio del vedere, alla luce oggi del ruolo che le immagini hanno nei sistemi della comunicazione, alla capacità che esse mostrano nel rapido e perentorio rinnovarsi delle tecnologie digitali. Eppure quella che genericamente è indicata come fotografia ‘artistica’ ha fatto maggiore presa da quando si è passati dall’analogico al digitale, aprendo lo sguardo ad un ventaglio di esperienze che hanno risposto a quanto affermava Alfred Stieglitz: “La fotografia è la mia passione, la ricerca della verità la mia ossessione”.
Tale esercizio della fotografia connota il registro che tiene insieme i diversi momenti, dettati dalle esperienze condotte in questi anni da Aurora Maletik. Esse seguono un fil rouge narrativo, teso tra il paesaggio, dalla Maletik non riconosciuto come scena, bensì luogo di un dialogo corale con la natura che incornicia Matera con le sue tufacee architetture, fatte affiorate dalla Gravina e la costruzione di un’immagine che si presta a varcare la soglia della visione percettiva del reale e spingersi oltre, in un reale che non può essere condiviso. Uno specchio messo su da Aurora Maletik con cura, disposto, come lei stessa fa intendere dal titolo dato a questa mostra, ove le strade si separano, ossia al bivio. La fotografia si fa specchio e le sovrapposizioni, i costruiti giochi di riflessi intrecciati tra loro, gli sguardi che si allungano sul paesaggio, dichiarano la necessità di Aurora di riconoscere una dimensione interiore, obbligando, avrebbe detto Barthes, lo spettatore a domandarsi chi è effettivamente la figura messa lì in posa, se non è essa il riflesso (direi metafora?) dell’identità dell’artista.
È questo, infatti, un dato evidente che balza all’occhio, seguendo il percorso di immagini qui proposto, dal quale appare chiaro il desiderio dell’artista di tenere insieme la duplicità di uno sguardo che spazia tra interni ed esterni. Il mirino della macchina si muove, cioè, tra una dimensione intimista, ove mette a fuoco una sorta di narrazione che coglie, senza nascondere un certo voyeurismo, figure femminili in interni sfumati, celati da effetti tecnici, da vere e proprie messe in posa e inquadrature che spaziano sul paesaggio. Più che la visione dello skyline della Matera dei nostri giorni, l’attenzione è rivolta ad un luogo direi metafisico, ove i gesti, le figure spostano la loro presenza dalla realtà dello spazio a quella di un luogo mentale, appunto metafisico.
Le sue ‘donne’ conservano, appena accennati, sia i tratti delle menadi, le baccanti dei riti dionisiaci, sia, paradossalmente, quelli delle donne che accompagnano il lamento funebre. Un fotogramma segna il bivio effettivo: ritrae una giovane donna vestita di nero, con gli occhiali scuri e il velo anch’esso nero che sale le scale; in secondo piano la Matera che ascende dai sassi.
 

Info:
Aurora Maletik
Uno si distrae al bivio...

A cura Takeawaygallery
Testo critico di Massimo Bignardi
Presentazione Barbara Martusciello

Le Tartarughe Eat & Drink
Piazza Mattei 7/8 Roma

Patrocinata da:
Municipio Roma I Centro
Matera Capitale Europea della Cultura 2019
Matera 2019 Open Future

Sponsor:  Diplomatico, Aliani Cantine, Castello di Ramazzano, Basepizza

Contatti
tel: 06 64760520
email: takeawaygallery@gmail.com
https://www.facebook.com/events/851157948562811/

Ingresso gratuito

News correlate
L’arte del disegno a Via dell’Orso

Roberto Di Costanzo inaugura il suo nuovo atelier all’interno di Palazzo di Antonio Massimo in Via dell’Orso 28 a Roma


Interpretare l’arte a tavola…

Una mostra tra gusto, musica e vip per Marilù S. Manzini.


Dante e le parole dell’arte.

La Settimana della Lingua italiana a Kiev


Intervista a Mauro Russo

Il pittore si racconta a LN INTERNATIONAL


L’artista Ivan Tresoldi presenta a Pomezia “Chiamata alle arti - Fare scuola”

Inaugurata “Chiamata alle arti - Fare scuola” dell’artista Ivan Tresoldi nell’ambito del progetto Sol Indiges. Arte pubblica a Pomezia tra mito e futuro promosso dal Comune di Pomezia in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere.


Nel sagrato del Convento Monumentale di San Bernardino ad Amantea  ha avuto luogo la presentazione del secondo libro  di S.A.S. Principe Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice.

“Fiori nel deserto”, editore Mannarino, è la pubblicazione di una raccolta di 12 coinvolgenti racconti ambientati in quattro continenti.


Rome Art Week 2021

Maria Pacheco Cibils presenta alla Galleria Biblioteca Angelica la sua mostra personale Luminescenza


Grazie a Dostoevskij la Letteratura-Teatro coinvolge le periferie

“A proposito di Dostoevskij e di Delitto e Castigo” Lettura drammatizzata in diretta streaming venerdi 15 ottobre


Proseguono a ritmo serrato gli appuntamenti con l'arte, proposti dalla vulcanica Cinzia Cotellessa alla galleria CiCo di Roma.

Domenica 10 Ottobre, alle ore 12,00, sarà il turno di Annaluna con la sua personale "Follemente volli", un'artista approdata alla pittura dopo i suoi trascorsi in un'altra meravigliosa arte: la danza.


Mostra d'Arte "Pace e Amore 2021" le presentazioni a Roma

Il "messaggio” di concordia verso ogni comunità degli umani