Turismo
Noi ti diamo nove ragioni, la decima la conosci già…
Roberto Dionisi

Perché Natale o Capodanno sul Monte Rosa?

Ovvero, sciare e surfare in uno dei comprensori sciistici dai dislivelli più vertiginosi dell’arco alpino, innevato per tutta la stagione. Di cosa stiamo parlando? Di 52 piste e 29 impianti di risalita che partono da una quota minima di 1212 m s.l.m. (Alagna Valsesia) e arrivano fino ai 3275 m s.l.m. di Punta Indren (AO): decine e decine di chilometri di piste per ogni livello di adrenalina che si vuole vivere!

Nelle valli del Rosa l’aria invernale è arrivata, pungente e attesa.  Quell’aria che annuncia la neve, che a queste altezze non è solo portatrice di bellezza paesaggistica ma anche elemento fondamentale per l’economia della montagna.  E con la neve arriveranno le luci delle luminarie e gli alberi di Natale a rallegrare i paesini delle Valli del Rosa, i mercatini carichi di profumi, sapori e artigianato locali, l’allegria dei rifugi in quota e le feste nelle piazze. L’ospitalità made in Monterosa si prepara a mostrarsi al suo meglio, là dove, nonostante il bianco freddo della neve, non manca mai il calore delle feste.  Il Natale si avvicina sempre con piccoli passi, quasi di soppiatto. Eppure, i sentori sono chiari. Prima arriva il profumo di caldarroste agli angoli delle strade, poi quello di legna arsa dai comignoli delle case. Il tempo di voltarsi un attimo e appariranno, come funghi in autunno, anche i primi maglioni con le renne, amichevole promemoria che è arrivato il tempo di iniziare a pensare a regali e piani per le feste.

E a una risposta convincente alla domanda “Cosa fai a Natale e a Capodanno?”.

Nel grande comprensorio Monterosa Ski di risposte, ce ne sono! Eccome. 52 piste e 29 impianti di risalita nelle 3 valli di Champoluc-Frachey, Gressoney-La-Trinité e Alagna, centinaia di km di piste, un variegato scenario culturale, che ha antiche radici e che si traduce in una ricca gastronomia e un’accoglienza di altissimo livello, e sullo sfondo le oltre 15 vette oltre i 4.000 metri E se tutto questo non bastasse, vi diamo altri nove motivi per vivere le feste che accompagnano la fine del 2023 nel grande comprensorio di Monterosa Ski.

La cena in quota sul gatto delle nevi

Cosa c’è di meglio, a Natale, di una cena in cui il gourmet incontra la migliore tradizione locale? La stessa cena, ma in un rifugio d’alta quota, da raggiungere a bordo di un gatto delle nevi, come una carrozza di Cenerentola nel candore delle piste deserte! Lontane dal clamore del giorno, che le popola di sciatori più o meno esperti, è quasi magico il suono che fanno gli stivali sulla neve fresca, a squarciare un silenzio pacifico che diventa calore natalizio, una volta varcata la soglia del rifugio.

Pattinare sul lago ghiacciato Gover (Gressoney-Saint-Jean)

Pronti ad allacciare i pattini e a mostrare i vostri migliori numeri sul ghiaccio? Oppure vi sentite più a vostro agio a pattinare accanto al corrimano, con passi da formica finché non prendete confidenza? In ogni caso, il lago Gover, rigogliosa oasi di relax a due passi dal centro storico di Gressoney-Saint-Jean nei mesi più caldi, si trasforma, con l’inverno, in un patinoire d’eccezione con vista sul ghiacciaio del Monte Rosa, dove l’illuminazione permette di continuare a pattinare anche nelle ore in cui il sole va a nascondersi dietro le vette innevate. Pausa per scaldarsi con un buon vin brulé e poi via, di nuovo in pista!

Per info contattare il Bar Lago Gover - Telefono: (+39) 0125 355402 -  E-mail:   maxcinzia@libero.it

Gustare la fantastica Raclette di Alagna Valsesia

Specialità originaria del Canton Vallese, la Raclette prende il nome dall’omonimo formaggio svizzero, servito in fonduta a centro tavola. Ad Alagna Valsesia, nel versante piemontese del Rosa, e a due passi dalle piste, il Ristorante Unione ha fatto della Raclette la vera regina della tavola, accanto a un ricco menù che annovera, accanto alla polenta concia e alla cucina valligiana, anche specialità piemontesi.

Per info e prenotazioni:  Bar Ristorante Unione - Telefono: (+39) 0163 922930 - E-mail: barristoranteunione@gmail.com

Il White Christmas di Hotellerie Mascognaz

Hotellerie Mascognaz, a 1850 m s.l.m., è un complesso di nove caratteristici chalet posti nell'omonimo villaggio fondato dai Walser circa 700 anni fa. Quello che oggi è un vero e proprio hotel diffuso a quattro stelle, con centro benessere e uno dei ristoranti collocati più in quota di tutto l'arco alpino, conserva tuttavia il fascino delle case Stadel tipiche dell'architettura Walser, affacciate su stretti vicoli e fatte per durare anche ai rigidi inverni del Monte Rosa.   Sia la vista sul massiccio, che quella sull'alta valle d'Ayas, sono tra i doni di Natale più belli che possono fare queste valli.

Per info e prenotazioni: hotelleriedemascognaz.com

 L’adrenalina sugli Ice Kart a Champoluc

Esatto: sui gokart, ma sul ghiaccio. Succede a Champoluc, nel cuore della Val d’Ayas, dove lo Champoluc Driving Park propone per la stagione invernale questa esperienza alternativa, adatta anche a famiglie con ragazzi di età superiore ai 14 anni.

Per info e prenotazioni:Telefono: +39 328 942 7197 - E-mail: info@frsportdriving.com

Visitare il Castello Savoia sotto la neve

Dal manto bianco che avvolge l’abitato di Gressoney-Saint-Jean, fa capolino la sagoma di un castello che, a prima vista, appare magico ed enigmatico: cinque torri dall’aspetto medievale ma tutte diverse tra loro; balaustre in ferro battuto e decorazioni murarie in stile eclettico. Nessun mistero, in realtà si tratta di Castello Savoia, residenza gressonara della Regina Margherita, che proprio in questa valle amava passare le sue estati. Ma d’inverno, bisogna ammetterlo, questo castello è ancora più affascinante e magico, avvolto in un mantello di neve.

Una ciaspolata al chiaro di luna (ristoro Muffé, Champorcher)

Nel Parco del Mont Avic, nella Valle di Camporcher, esiste un rifugio a quota 2.050 m s.l.m., raggiungibile soltanto a piedi in 50 minuti di facile camminata dall’abitato di Champorcher: il ristoro Muffé, posto sul lago omonimo, è la destinazione perfetta per una ciaspolata in notturna, con il chiaro di luna, riflesso nella neve, a segnare il percorso nelle serate dal cielo terso.

A guardarla di notte, la sagoma del Monte Rosa che emerge chiaramente dal fondale di stelle, sembra quasi accendersi di luce propria.

Prenotazione obbligatoria al ristoro Muffé:  - Telefono: +39 346 543 1511

Sorseggiare la Bière d’Ayas

Proprio così, la Val d’Ayas è anche territorio di birre artigianali pregiate, realizzate con orzo e segale coltivati oltre i 1.700 m di quota grazie all’attività dell’azienda agricola Michel Becquet. Una vera e propria coltura eroica. Dalla classica Ayas Pale Ale, fino alla Champoluc IPA, passando per la Cuneaz Russian Imperial Stout, tutte le creature del birrificio Bière d’Ayas portano il nome delle località della valle, testimoni ell’inscindibile legame tra il marchio e il territorio in cui vengono prodotte.

Visitare un’autentica casa Walser a Gressoney-La-Trinité

Cosa accomuna le vallate del Rosa? La presenza delle comunità germanofone dei Walser, documentate tra il versante piemontese e quelli valdostani fin dal Basso Medioevo, che hanno conservato i tratti caratteristici della loro cultura nella loro lingua, il Titsch, e nell’architettura delle case Stadel. Nel territorio di Gressoney-La-Trinité sorge l’Ecomuseo Walser, un museo etnografico diffuso che include uno stadel e un wohngade, il cuore pulsante dell’attività lavorativa all’interno della comunità. Tra costumi, arredi e utensili originali, l’Ecomuseo Walser è un viaggio nel mondo degli antenati degli abitanti delle valli del Monte Rosa, con percorsi tematici dedicati sia agli adulti che ai bambini.

Per info e prenotazioni, visitare www.ecomuseowalser.com

News correlate
Prime sensazioni d’estate. A Malta sulla via dell’acqua

Una meta vicina dove respirare a pieni polmoni, godersi i primi tepori e magari azzardare un primo bagno? Malta, ovviamente.


Inverno al caldo?

Con Star Clippers c’è ancora tempo!


Destination Verona Garda: Spring break verde tra Verona e Lago di Garda

Spring break verde tra Verona e Lago di Garda Il territorio veronese si prepara ad accogliere l’arrivo di una Pasqua marzaiola, che porta con sé l’esplosione di profumi e colori della primavera.


Malta? Yes, of course!

Chi non vorrebbe lavorare circondato da una cultura ultramillenaria, un complesso di opere artistiche e architettoniche di straordinaria bellezza e da un panorama naturalistico maestosamente suggestivo?


Pasqua polacca - Dal sacro al profano, dalla spiritualità alle palme, alle uova decorate e ai mercatini.

La Pasqua in Polonia è una ricorrenza molto sentita, un periodo di festa e divertimento, di tradizioni e di usanze che hanno forti radici e si tramandano da secoli.


Isole Cook, un 2024 ricco di sport e divertimento

Quanto sport nel 2024 delle Isole Cook! Nell’arcipelago ci si prepara già a un anno ricco di celebrazioni ed eventi sportivi di respiro internazionale. Ad agosto torna il festival Te Maeva Nui, l’evento culturale più atteso dell’anno


Isole Cook, anima romantica.

Dalla serenità dei Giardini Maire Nui alla cultura del Te Vara Nui Village, le isole della Polinesia neozelandese promettono un'esperienza indimenticabile per tutti gli innamorati.


Valle d'Aosta: La Saint-Ours 2024 - Intelligenza Artigianale

Il centro di Aosta torna a popolarsi a fine gennaio dei banchi degli artigiani provenienti da ogni valle della regione, per l’appuntamento più atteso dell’anno: la Fiera di Sant’Orso celebrerà la sua 1.024esima edizione


Romantica sLOVEnia,  il Paese con l’amore nel nome

Febbraio è il mese dell’amore per antonomasia ma è anche un mese di passaggio.


Due cuori e una vacanza ai Caraibi

Celebrare l’amore ai Caraibi può essere un’esperienza indimenticabile.