Cinema e teatro
La street artist LAIKA presenta alla Festa del Cinema di Roma il documentario “Freestyle: "Life Is (Not) A Game"
Sergio Ferroni

Festa del Cinema di Roma

Verrà presentato alla Festa del Cinema di Roma, nella sezione Freestyle, Life Is (Not) A Game, il documentario con protagonista la street artist Laika, esordio alla regia di Antonio Valerio Spera, prodotto da Morel Film e Salon Indien Films.  Il film non è un convenzionale documentario sull’arte, né un classico biopic, ma il racconto degli ultimi due anni della nostra vita osservati dal punto vista della celebre artista romana, autrice delle famosissime opere: #Jenesuispasunvirus, dedicata a Sonia, nota ristoratrice cinese della capitale, che denuncia gli atti di razzismo contro la comunità cinese prima dello scoppio della pandemia e L'Abbraccio, il celebre poster attaccato nei pressi dell'Ambasciata egiziana di Roma in cui Giulio Regeni abbraccia Zaki rassicurandolo del fatto che “stavolta andrà tutto bene”. 

Il racconto inizia proprio nel 2020: si passa dalla discriminazione verso la comunità cinese all’obiettivo “immunità di gregge” di Boris Johnson, dalle conseguenze economiche della pandemia fino alla guerra in Ucraina. Rispettando l’anima della protagonista, il documentario si presenta con un’impronta “pop”, fatta di contaminazioni e omaggi, in bilico costante tra ironia e profondità d’analisi.  La macchina da presa segue Laika nei blitz notturni, nel confinamento durante i duri mesi del lockdown, per poi accompagnarla in Bosnia all’inizio del 2021, quando l’artista decide di intraprendere il viaggio sulla rotta balcanica per denunciare le atroci condizioni di vita dei migranti; e infine in Polonia, al confine con l’Ucraina, nell’aprile del 2022.  Life Is (Not) A Game, così, partendo dalla cronaca, racconta questo percorso artistico fatto di fantasia, adrenalina, “gioco”, e il parallelo crescendo della coscienza civile di Laika.  Un percorso che la porta a mettere gradualmente da parte l’anima ludica del suo lavoro e la spinge fuori dai confini nazionali per lasciar esplodere esclusivamente rabbia e denuncia.  Girato tra Roma, la Bosnia, Francoforte e la Polonia, Life Is (Not) A Game mutua il suo titolo da una delle opere di Laika affisse nel suo viaggio sulla rotta balcanica, Life Is Not A Game, appunto. Il poster è una denuncia esplicita della violenza esercitata dalla polizia sui migranti che provano il cosiddetto “Game”, come viene definito il tentativo di attraversare il confine con la Croazia. L’uso delle parentesi nel titolo vuole evocare la doppia anima dell’artista, fra ironia e impegno sociale.

News correlate
Il Teatro Olimpico di Roma presenta Vittorio Sgarbi in “Pasolini Caravaggio”

In questo spettacolo, tutto da ascoltare e vedere, Vittorio Sgarbi ci condurrà nelle vite fin dentro le opere rivoluzionarie di Michelangelo Merisi e Pier Paolo Pasolini.


Artemis Danza: cinque appuntamenti live

La compagnia Artemis Danza presenta nell’ambito del progetto “Circodanzamusicando, periferie in movimento”, cinque appuntamenti live all’insegna dell’incontro: fra la danza e le altre arti performative


 Simone Cristicchi in “Esodo”

Il Teatro Olimpico di Roma e Corvino Produzioni presentano “Esodo” di e con Simone Cristicchi


Un Weekend  “Particolare”

Concluse le riprese a Malta per la commedia brillante che racconta la confusione con cui, oggi, si possono vivere le storie d’amore.


Assegnato a Los Angeles il Premio Kinéo/ITTV “Global Campus of Human Rights” a Frances Fischer

A chiusura della IV edizione di ITTV Forum&Festival è stato assegnato il Premio Kinéo ITTV Forum & Festival a Frances Fisher.


 IL MARITO INVISIBILE: innovativo spettacolo al Teatro Manzoni a Milano

Molto apprezzato lo spettacolo in scena dal 18 al 30 ottobre


Una bella serata per l’Arte presso le sale del Palazzo dell’Emiciclo, la sede della Presidenza del Consiglio Regionale d’Abruzzo.

Un evento speciale quello dell’inaugurazione della mostra antologica “MAIOR” dell’artista aquilano Gian Carlo Ciccozzi.


Al Cinema - "Lo Schiaccianoci e il flauto magico" il film d'animazione con le musiche di Cajkovskij

Torna al cinema la storia più romantica di sempre, il grande classico “Lo Schiaccianoci” nella nuova versione animata “Lo schiaccianoci e il flauto magico”


“VI.PA.RO” storie di santi e di veleni

Si è svolto presso il Teatro Centrale Preneste lo spettacolo “VI.PA.RO”, un progetto coreografico ideato da Riccardo Cananiello e Mattia Carlucci.


Signora Ava: Il “Gattopardo dei poveri” di Francesco Jovine al Teatro Le Sedie

Signora Ava è il romanzo dell’unità d’Italia vista dallo sguardo obliquo dei poveri molisani, è l’intervento della Storia in una terra solo apparentemente senza tempo