Cinema e teatro
“Immacolata Concezione” è la storia di un microcosmo siciliano fatto di omertà, violenza e presunzione, ma anche di quell’autenticità tipica della carnalità isolana.
Sergio Ferroni

Il Teatro Sala Umberto di Roma presenta “Immacolata Concezione”

Sicilia, 1940.

Concetta è una ragazza silenziosa ed innocenteche il padre, caduto in disgrazia,baratta in cambio di una capra gravidacon Donna Anna, tenutaria del bordello del paese. Concetta, estranea ai piaceri della carne e a qualunque "adulta" concezione della vita, non oppone alcuna resistenza. Del resto, nessuno le ha mai spiegato cosa voglia dire fare l’amore.  Ben presto la fama “della nuova arrivata” raggiunge tutto il paese: ma nessuno sa di preciso quali siano i piaceri che regali agli uomini per farli impazzire così tanto.Concetta, infatti, è vergine. Ha il dono di “sentire” l'anima dei suoi clienti,portando alla luce la loro fragilità più nascosta.

“Immacolata Concezione” racconta la potenza e il culto dell’immagine che, arrivando a disumanizzare un corpo vivente per trasformarlo in feticcio, è soggetto alla necessità d’instaurare una relazione fondata sui desideri inespressi del proprio inconscio. IMMACOLATA CONCEZIONE racconta quale terremoto possa generare l’incontro tra spiritualità e carnalità sul piano della collettività. Gli anni ’40 rappresentano uno spartiacque essenziale nella storia dell’umanità. L’avvento della Seconda guerra mondiale, con tutto quello che ha causato, ha rivelato come l’essere umano stesso sia stato brutalmente reificato e desacralizzato. Da quel momento storico la visione stessa dell’umanità, sia nelle relazioni tra gli uomini che nel rapporto con il potere, muterà profondamente e il concetto stesso di sacro cesserà di avere una corrispondenza nel piano del reale. IMMACOLATA CONCEZIONE, ambientato alla vigilia della guerra, racconta il punto di snodo di un sistema sociale in cui le relazioni vorrebbero ancora essere prodotte invece che brutalmente consumate. Sebbene raccontino un mondo in cui può esistere ancora futuro e speranza, contengono già il germe di quella deriva malata che troverà nel conflitto mondiale e nei regimi totalitari una possibilità d’espressione. Guardare attraverso i personaggi di “Immacolata Concezione” è come sfogliare le pagine di un vecchio diario e scoprire le oscillazioni più fragili delle loro anime; come avere accesso alla memoria collettiva e storica che abita in noi e genera le nostre più antiche passioni. Il tempo della storia è il passato che qui si fa molla per il futuro: per riscriverne uno nuovo. E noi, spettatori del mondo di oggi, ci aggrappiamo a qualche ultimo brandello di un passato carico di valori e speranza. Non c’è fiducia nel progresso. Non c’è fiducia nel tempo che verrà. È solo guerra, minaccia di guerra, guerra senza frontiere e senza regole. E noi abbiamo solo bisogno di amore, amore e altro amore.

News correlate
Il Teatro Olimpico di Roma presenta Vittorio Sgarbi in “Pasolini Caravaggio”

In questo spettacolo, tutto da ascoltare e vedere, Vittorio Sgarbi ci condurrà nelle vite fin dentro le opere rivoluzionarie di Michelangelo Merisi e Pier Paolo Pasolini.


Artemis Danza: cinque appuntamenti live

La compagnia Artemis Danza presenta nell’ambito del progetto “Circodanzamusicando, periferie in movimento”, cinque appuntamenti live all’insegna dell’incontro: fra la danza e le altre arti performative


 Simone Cristicchi in “Esodo”

Il Teatro Olimpico di Roma e Corvino Produzioni presentano “Esodo” di e con Simone Cristicchi


Un Weekend  “Particolare”

Concluse le riprese a Malta per la commedia brillante che racconta la confusione con cui, oggi, si possono vivere le storie d’amore.


Assegnato a Los Angeles il Premio Kinéo/ITTV “Global Campus of Human Rights” a Frances Fischer

A chiusura della IV edizione di ITTV Forum&Festival è stato assegnato il Premio Kinéo ITTV Forum & Festival a Frances Fisher.


 IL MARITO INVISIBILE: innovativo spettacolo al Teatro Manzoni a Milano

Molto apprezzato lo spettacolo in scena dal 18 al 30 ottobre


Una bella serata per l’Arte presso le sale del Palazzo dell’Emiciclo, la sede della Presidenza del Consiglio Regionale d’Abruzzo.

Un evento speciale quello dell’inaugurazione della mostra antologica “MAIOR” dell’artista aquilano Gian Carlo Ciccozzi.


Al Cinema - "Lo Schiaccianoci e il flauto magico" il film d'animazione con le musiche di Cajkovskij

Torna al cinema la storia più romantica di sempre, il grande classico “Lo Schiaccianoci” nella nuova versione animata “Lo schiaccianoci e il flauto magico”


“VI.PA.RO” storie di santi e di veleni

Si è svolto presso il Teatro Centrale Preneste lo spettacolo “VI.PA.RO”, un progetto coreografico ideato da Riccardo Cananiello e Mattia Carlucci.


Signora Ava: Il “Gattopardo dei poveri” di Francesco Jovine al Teatro Le Sedie

Signora Ava è il romanzo dell’unità d’Italia vista dallo sguardo obliquo dei poveri molisani, è l’intervento della Storia in una terra solo apparentemente senza tempo