Nobilitas
Un evento mondano svoltosi all’insegna dell’eleganza, della raffinatezza e del buon gusto, anche gastronomico
Sergio Ferroni

A Palazzo Ferrajoli si fa un salto indietro nel tempo

Il marchese Giuseppe Ferrajoli, con la sua rinomata ospitalità apre le porte dei seicenteschi saloni che affacciano su Piazza Montecitorio all’Associazione Castellum che vede riunirsi attorno al proprio presidente nazionale  Fabio Pignatelli, i proprietari  delle dimore storiche che si ergono sul territorio italiano quale segni tangibili del nostro patrimonio artistico e architettonico e della memoria culturale che da sempre  hanno attirato  l’attenzione e l’interesse del resto del mondo.

Un evento  mondano  svoltosi  all’insegna dell’eleganza, della raffinatezza e del buon gusto, anche gastronomico,  grazie al buffet sobrio e  gustoso al tempo stesso,  che ha spaziato su un’interessante gamma di sapori tipici italiani, molto in linea con lo stile di un  par-terre  avvezzo al gusto dell’eleganza autentica.  Il principe Guglielmo Giovanelli Marconi, nipote dell’ universalmente noto inventore Guglielmo Marconi, e presidente della dipartimento per il Lazio, accompagnato dalla  consorte,  l’amabile principessa Vittoria,  ha annunciato alla platea di ospiti, con vibrante entusiasmo,  il ripristino della sede storica dell’Associazione  nata nel  1964  all’interno di Castel Sant’Angelo. Fra gli invitati confluiti da ogni parte della penisola e non solo, oltre ai notabili rappresentanti dei vari dipartimenti regionali anche il ducaCatemario di Quadri, consigliere dell’associazione Amici dei Musei di Roma,  il latinista prof. Sallusto, il marchese Sersale proprietario del  peculiare complesso architettonico di Paliano, la principessa Altieri, e fra  i molti altri ancora S.A.R.Ravivaddhana Monipong  di Cambogia, solo per menzionarne alcuni.

L’incontro  mondano tuttavia  è  stato solo uno dei  vari tasselli  che vanno inseriti  in una  più estesa ed  elaborata opera di salvaguardia, rievocazione e divulgazione alla quale il “Consiglio Scientifico Castellum” contribuisce con scrupolo e passione attraverso le diverse figure professionali quali ad esempio il Prof. Fiore, ed i  vari architetti ricercatori  anche in qualità di  membri aggregati dell’associazione. Il decano fra questi ultimi,  l’arch. Gianmaria Labaa  nel tavolo tecnico che ha preceduto l’evento mondano,   esortando  il completamento dell’opera editoriale denominata “Atalante Castellano”, che verrà a  rappresentare una  vera e propria guida  nazionale con la mappatura degli elementi architettonici presenti sul territorio nazionale,  ha fatto notare  che un primo elenco censito  degli edifici fortificati redatto nel 1965 già annoverava 315 elementi!

L’immagine che ne è emersa  è stata  quella di una realtà che lungi dall’essere   decadente  o anacronistica,  si muove con competenza ed entusiasmo fra le pieghe di una più ampia  realtà  sociale  come appunto quella attuale così in piena crisi di valori e dunque anche di identità,  e che fuori dalle frivole apparenze si impegna attivamente nella sensibilizzazione anche presso le istituzioni preposte alla salvaguardia e alla tutela del nostro patrimonio artistico nazionale, anche con  il coinvolgimento del mondo accademico come ad esempio  attraverso il conferimento di  premi di Laurea sulle  realtà  architettoniche ivi conferenti i cui estratti verranno poi pubblicati sulla rivista semestrale “Cronache Castellane”.

La “Grande Bellezza”   evocata da Paolo  Sorrentino  nell’omonimo film premio Oscar nel 2013,  ha qui mostrato  l’altro lato della medagliaattraverso una diversa chiave di lettura tutta invece  proiettata al futuro.

Un grande augurio dunque all’Associazione Castellum per  la nobilissima impresa.

Manuela Lascaris

News correlate
A Palazzo Tittoni di Manziana la grande festa di Massimo Bomba

Duchi e dame, la festa a palazzo è da favola


La Versilia, un amore da premio Nobel

Il marchese Emilio della Fontanazza presenta “Guglielmo Marconi e la Versilia, un premio Nobel e la sua famiglia”


Intervista al Presidente del Consiglio Araldico Italiano – Istituto M.se Vittorio Spreti

Il duca Don Francesco Alfredo Maria Mariano ci parlerà in questa intervista della fondazione del Consiglio Araldico Italiano e del suo corpus di cui fanno parte le scienze sussidiarie della storia.


'Taste of Bahamas', esperienze con i locali sulle tracce di Kate e William

L’approcciarsi dell’arrivo di Kate e William alle isole Bahamas, ci fornisce lo spunto per illustrare 4 esperienze a stretto contatto con la comunità locale, sulle tracce dell’esperienza di viaggio stessa del Duca e della Duchessa di Cambridge


Brindisi (Nobili) per le creazioni galattiche

Daniela Monaci presenta la sua mostra “Cosmogonia” accompagnata dalle poesie di Sonia Gentili al Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese


Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona - Frammenti di Bellezza

In viaggio dentro le collezioni d’arte e i palazzi storici ristrutturati da Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, che ha recentemente concesso in esposizione un arazzo di Raffaello in mostra fra Palazzo Abatellis, Castello Ursino di Catania e Palma di Montechi


A Trevignano tra nobiltà romana e note.

La nobiltà romana si dà appuntamento sulle colline antistanti Trevignano.


V Convegno di Studi di Diritto Nobiliare “La Nobiltà Cittadina e di Funzione”

Venerdì 7 ottobre,si è svolta presso la sala Protomoteca del Campidoglio il V Convegno di studi di Diritto Nobiliare "la Nobiltà Cittadina e di Funzione" promosso dall'Istituto Internazionale di Diritto Nobiliare di Viareggio, anfitrione e organizzatore d