Enogastronomia
In Via della Pace, a due passi da Piazza Navona, il ristorante dello storico Bar del Fico conquista con una cucina concreta e moderna in un’accogliente serra retrò.
Francesca Sirignani

Da Fico non solo il bar ma anche il ristorante guidato dallo Chef Massimo Baroni!

Era il 1922 quando, come latteria e somministrazione di bevande, il Bar del Fico, nell’omonima Piazza,  divenne subito punto di ritrovo dei romani. Ancora oggi, il bar accompagna la gente del posto dalle 8:30, con la colazione, fino all’1:30 di notte con servizio bar per il dopo cena, passando naturalmente per il pranzo e le formule aperitivo.

Non tutti sanno, però, che il Bar del Fico ha anche uno splendido ristorante con più di 30 anni di età ma che è  di recente il suo restyling: colori accesi, dal blu elettrico al fucsia, sia per le sedute con rifiniture in legno che per le grandi lanterne, appese in una veranda a cielo aperto; opere d’arte, tavoli in vetro e cristalleria, all’interno di una grande sala con circa 60 coperti. Un grande ficus è il cuore di questa serra cittadina in cui le tante piante dipingono di verde la prima sala del ristorante e la seconda adibita a lounge bar.

È Massimo Baroni a guidare la cucina, caratterizzata dalla semplicità e da una marcata impronta di trazione romana, rispettata totalmente grazie alle origini dello chef e rivisitata con le contaminazioni estere acquisite nelle sue collaborazioni internazionali. Lo Chef Baroni conta, infatti,  un’esperienza professionale  a Singapore con importanti collaborazioni per catene alberghiere e ristoranti stellati, rinomati per una cucina fusion italo-giapponese. Con questo rilevante bagaglio, torna a Roma pronto a rilanciare, su chiamata di Fabio Nardoni (direttore dell’insegna) il Ristorante dello storico Bar del Fico, portando la sua firma in cucina.

I sapori asiatici e indiani sono, infatti, mixati sapientemente nei suoi piatti: tonno tataki alla giapponse, filetto di maialino di Patanegra in agrodolce realizzato secondo la ricetta cinese, con olio di sesamo, soia e funghi shiitake, petto d’anatra con arancia e paprika ma anche piatti della tradizione come baccalà alla romana o spaghettoni burro, alici e uvetta. Il sabato e la domenica si propone però una formula lunch con insalate, hamburger e tutte quelle proposte che strizzano l’occhio al brunch (che, promettono, ritornerà a partire da settembre con il suo appuntamento domenicale). Il menù è stagionale per garantire la qualità della materia prima e il rispetto dei naturali cicli produttivi; un menù bilanciato tra origini e richiami oltreoceano, con un obiettivo comune: esaltare la materia prima senza alterarla con tecniche di cotture invasive.

La pasticceria è, invece, una sintesi tra prodotti home made firmati dallo chef, tiramisù e cannolo siciliano, e prodotti freschi direttamente dalla premiata e rinomata Pasticceria De Bellis.

La carta dei vini è in corso d’opera e al momento conta circa 50 etichette, la drink list invece ha degli interessanti omaggi all’insegna che la ospita: fico sour (vodka al fico homemade, limone, sciroppo di zucchero e albume), daiquifico (rum al fico homemade, succo di lime e sciroppo di cannella) e negroni al fico (gin al fico homemade, vermoth rosso, campari) oltre ai cocktail classici.

Anche tutto lo staff è attento, disponibile, gentile e sempre presente.

Sia nel Bar del Fico che nel suo ristorante si respira la passione di chi ama questo mestiere, in un ambiente curato e accogliente, circondati da un’atmosfera serena e conviviale.

 

Francesca Sirignani

 

PER INFORMAZIONI:

BAR DEL FICO RISTORANTE

Via della Pace, 34/35 – 00186, Roma

TEL. 0668891373

Apertura 19:30 – 23:00 dal martedì alla domenica

www.bardelfico.com

Francesca Sirignani

Giornalista pubblicista specializzata in tematiche turistiche ed europee. Ha conseguito una laurea in Giurisprudenza e, dopo aver ottenuto la seconda laurea in Studi Europei ed Internazionali, ha approfondito la conoscenza dell’inglese e del francese viaggiando e frequentando corsi linguistici all’estero. Collabora con diversi un periodici specializzati in viaggi e rivolti a chi è appassionato di turismo, cultura ed enogastronomia. Si è occupata anche della redazione dei magazine dell‘ Hotel Indigo St. George, un boutique hotel 5 stelle lusso di Roma. La passione che nutre per le culture, le tradizioni e i paesaggi di altri popoli l’ha sempre portata a viaggiare e a fotografare molti Paesi.

News correlate
Forte dei Marmi : Ristorante “Catch Claw’s”  il suo primo fornitore è il mare

Tra i segreti del successo la cura del dettaglio e la scelta di ottime materie prime


ENOTECA E RISTORANTE LÖWENGRUBE: DALLE STELLE ENOLOGICHE ALLA GENUINITÀ CONTADINA!

La stube più antica di Bolzano, osteria dal 1543, una cantina costruita nel 1280 e più di 1000 etichette da tutto il mondo con particolare attenzione ai vini altoatesini e italiani.


L'Elizabeth Unique Hotel di Roma: Dove l'arte fa rima con la raffinatezza

Le tradizioni culinarie lucane e non solo dello chef Riccardo Pepe arricchiscono e impreziosiscono la struttura ricettiva situata al centro di Roma.


“TECH & STARTUP. FOOD, WINE E HOSPITALITY” I Produttori delle eccellenze a confronto

Presentata in questa occasione anche la guida 2023 di "Lombardia e il meglio di Milano" del Gambero Rosso


Friggitrici ad aria: cucinare in modo salutare e green, senza surriscaldare la stanza

Riducendo al minimo l’uso degli olii in cottura, si risolve il problema del loro smaltimento. Proscenic, azienda high tech, presenta l’innovativa T22 Air Fryer, che taglia i grassi del 90%


TORNA IL BUCO – RISTORANTE TOSCANO DAL 1901

Un angolo di Toscana nel cuore della capitale da 121 anni


Grande successo a Roma per il progetto “Le Radici del Gusto”

Roma, Food: presentato il progetto "Le Radici del Gusto", arte ed enogastronomia del Lazio. Madrina della serata Denny Mendez


The Wine District – Molto più di un sorso di vino

Al via presso Micro Arti Visive di Roma, la prima edizione di The Wine District, evento che celebra il vino e la sua forte connessione con le arti.


Cipolla Bianca di Margherita Igp e Pecorino Romano Dop s’incontrano a Roma

Ad accogliere i due Consorzi di tutela è stato l’attore Lino Banfi


La sostenibilità delle aziende del settore agroalimentare: il primo Global Summit

Convegno a Villa Necchi a Milano organizzato da Gambero Rosso: esperienze e strategie di sostenibilità con 25 relatori a confronto