Cinema e teatro
Arriva in sala dal 23 giugno il film sloveno che racconta l’amore attraverso una relazione tra una coppia di anziani affetti dal morbo di Alzheimer: Sanremo.
Sergio Ferroni

Esce nelle sale SANREMO, il film sloveno candidato agli Oscar 2022

Un film d’autore romantico, poetico e riflessivo, scritto e diretto da Miroslav Mandic  che fa i conti con la perdita di memoria, le emozioni istintive e lo stupore infantile dettato da una condizione di assopimento dalla realtà e dal passato, un mondo in cui l’età non conta in rapporto ai sentimenti e in cui il primo incontro con l’amore, nella sua casualità, innocenza ed impressione sensitiva, può ripetersi all’infinito.  Le proiezioni partiranno da Trieste e Udine per attraversare, nel corso di tutta l’estate, arene e cinema  di tutta Italia, in alcuni casi con eventi speciali alla presenza del regista.   Bruno, anziano e affetto da Alzheimer, ospite di una casa di riposo, ogni giorno si innamora di Duša, e ogni sera se ne dimentica. Duša, una gentile signora ospite della stessa struttura, anche lei affetta da Alzheimer, è una figura un po’ ambigua, forse un po’ maliziosa. Talvolta i due si incontrano durante le attività proposte nella struttura e flirtano come se si scoprissero per la prima volta, altre invece non si riconoscono nemmeno. Quando Bruno è in compagnia di Duša, prova un dolce “sollievo” che allevia la sua confusione e nostalgia per il passato. Un passato che riaffiora invece con forza quando è solo, e lo spinge a fuggire dalla casa di riposo. Desidera invano ritornare a casa sua, da sua moglie e dal suo cane, che però purtroppo non ci sono più.  Un film scandito da un susseguirsi di immagini estremamente suggestive, in cui la messa in scena è significativa dello stato d’animo dei protagonisti, a volte confuso, altre nostalgico, ma in tanti momenti anche dolcemente divertente. Una storia in cui i protagonisti non sentono i limiti dei loro anni ed esprimono i propri sentimenti col candore dell’infanzia, accompagnati nei loro innamoramenti e reinnamoramenti da uno stesso brano che ne accomuna il ricordo di gioventù, “Non ho l’età” di Gigliola Cinquetti, vincitrice del Festival di Saremo nel 1964 (da cui il titolo dell’opera).     “Quando ero bambino – afferma il regista - la mia famiglia e le famiglie del circondario amavano riunirsi davanti alla televisione durante il Festival di Sanremo. In particolare, mio padre era follemente innamorato di Gigliola Cinquetti e ricordo perfettamente quando cantò la canzone “Non ho l’età”: mio padre la guardava con un’ammirazione e una devozione incredibili. Per questo motivo ho voluto dedicare una scena ricordando proprio quella performance con le stesse parole usate da mio padre nel 1964.”   Protagonisti del film sono tre noti attori sloveni: Sandi Pavlin, nel ruolo di Bruno, Silva Cušin in quello di Duša e Boris Cavazza che interpreta Dare.  Direttore della fotografia è Peter Zeitlinger.  Sanremo è prodotto da Filmstovje,  Incipit Film e Radio Televiaija Slovenija ed è stato realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura (Direzione Cinema), Slovenski Filmski Center, Viba Film, Friuli Venezia Giulia Film Commission, Fondo Audiovisivo FVG

News correlate
In arrivo il primo film dell’influencer Charlotte M. prodotto da Notorious Pictures

Sono in corso le riprese del primo film della popolarissima YouTuber/TikToker Charlotte M., la giovane content creator che dal 2016 spopola sul web, con numeri da capogiro


“Ve lo racconto io Walter Chiari!” regia di Rocco Cesareo

Monologo teatrale interpretato da Masha Sirago


Thor: Love and Thunder in testa alle classifiche

Il film della Marvel ha finora (14 luglio) incassato 6.533.518 euro.


Le piu belle frasi di Osho

Domenica 31 luglio, una nuova produzione in Prima a Roma, “#lepiubellefrasidiosho” è la pagina Facebook in cui Federico Palmaroli, in arte “Osho” ordisce urticanti e divertenti situazioni surreali.


The Slaughter - La mattanza di Dario Germani

Al cinema dal 21 Luglio 2022


La Valigia dell’Attore 2022

Il festival inaugura con la presentazione di un eccezionale documento presentato per la prima volta in Italia: il documentario Rosi about Eboli diretto dai registi svedesi Björn Blixt e Peter Englesson durante le riprese di Cristo si è fermato a Eboli


La danza mondiale è di scena al Teatro La Versiliana di Pietrasanta

Al Teatro de La Versiliana si apre la scena sulla Prima Nazionale del Gran Gala del DAP Festival, la serata conclusiva dell’importante iniziativa internazionale di danza moderna


Il film su Elvis Presley in testa al box-office

Domina la classifica in Italia e non solo il film distribuito in tutto il mondo


Futuro Festival, festival internazionale di danza - Teatro Brancaccio

Futuro Festival è un meltingpot di culture, un crocevia di sguardi, un collettore di stili eterogenei, un luogo di contaminazioni fra diversi linguaggi, tra passato e presente con uno sguardo al futuro.


Al via il Festival Teatrale di Borgio Verezzi

PipaMar srl e La Bilancia Soc. Coop presentano “Il Sequestro” di Fran Nortes per la Regia Rosario Lisma