Cinema e teatro
DISABILITÀ E AMORE: UN ECCELLENTE CONNUBIO AL DI LÀ DELLE BARRIERE
Francesca Sirignani

Arriverà al cinema il 17 marzo 2022 la nuova commedia di Riccardo Milani, “Corro da te”, con due protagonisti molto amati dal pubblico come Pierfrancesco Favino e Miriam Leone, circondati da un cast di volti noti tra cui  Michele Placido, Giulio Base, Carlo De Ruggieri, Pietro Sermonti, Vanessa Scalera e con l'ultima interpretazione della bravissima Piera degli Esposti. Il film  è il remake “Tout le monde debout” (uscito in Italia nel 2018  con il titolo “Tutti in piedi”) di Franck Dubosc.

Single, bello, sportivo e affascinante seduttore, Gianni (Pierfrancesco Favino) è un quasi cinquantenne in carriera a capo di un importante brand di scarpe da running che vanta tra i suoi testimonial i più grandi atleti del momento. Disposto a tutto pur di conquistare la giovane donna di turno, per una serie di circostanze, arriva a fingere di essere costretto su una sedia a rotelle – questa volta puntando tutto sulla pietà, per lui l’unico sentimento che è possibile provare nei confronti di un disabile. Quando incontra Chiara (Miriam Leone), una donna solare e dinamica, musicista per lavoro e tennista per passione nonostante l’incidente che l’ha resa paraplegica, inizia a provare per lei tutt’altro tipo di sentimenti.  Attraverso lei e i suoi amici, altrettanto sportivi e vitali, Gianni non potrà far altro che cambiare prospettiva su molte cose: la vita, l’amore, la disabilità in sé.

Imparerà che l’unico vero handicap è l’assenza di forza d’animo, di coraggio e di passione per ritrovarsi, infine, totalmente cambiato sia come uomo che come “businessman”.

“Bisognerebbe guardare le persone disabili in maniera attiva senza pietismo e buonismo ma come risorse positive della società. Non dovrebbe mai mancare il rispetto e l’attenzione verso chi, da una posizione differente e svantaggiata, ci dimostra di essere in grado di insegnarci volontà e forza vitale” ha dichiarato Pierfrancesco Favino durante la conferenza stampa che si è svolta a Roma il 10 marzo presso il Cinema Adriano. “La disabilità in tante circostanze siamo noi. C'è qualcosa di noi sempre nell'altra persona. L'amore si manifesta quando abbracciamo l'altro con i suoi limiti e difetti perché noi siamo l'altro” afferma, anche, l’attrice Miriam Leone.

Nel film come anche nella realtà, il termine disabilità viene visto, ancora, nell’immaginario collettivo come ciò che è strettamente collegato a una visione negativa ma questa idea sta cambiando in modo molto rapido, fortunatamente. Si vuole arrivare a  una nuova visione che pone attenzione alla figura del disabile come soggetto, individuo e persona che ha una serie di attitudini e particolarità che non dovrebbero essere nascoste ma impiegate a favore della società.

La nuova visione della disabilità, grazie al quotidiano miglioramento dei rapporti sociali e delle relazioni umane, sta cancellando  forme di esclusione e di discriminazione.

Oggi si pone attenzione all’idea che ognuno di noi ha delle caratteristiche di diversità e di eccezionalità. Non bisogna quindi osservare i talenti e le capacità di un disabile come un qualcosa da nascondere, da seppellire, un tesoro che non verrà mai alla luce ma come delle realtà che, invece, devono e possono essere un valore aggiunto. La società diventa, quindi, uno strumento, per vincere una nuova sfida che è proprio quella dell’inclusione sociale.

Nel film, inoltre, l’amore è sempre il vero protagonista quanto la necessità di soddisfare bisogni relazionali e affettivi rimasti senza risposta. Il vero traguardo, raggiunto insieme, è la costruzione di un progetto di vita comune, di un amore, di una relazione sessuale, al di là delle barriere poste dalla disabilità. Scegliere di vivere accanto ad un disabile è quindi, per certi versi, una scelta folle, ma l’amore non è forse pura follia?

Allo spettatore non resta che rispondere dopo la visione di una dolce e romantica commedia.

 

Francesca Sirignani

 

Francesca Sirignani

Giornalista pubblicista specializzata in tematiche turistiche ed europee. Ha conseguito una laurea in Giurisprudenza e, dopo aver ottenuto la seconda laurea in Studi Europei ed Internazionali, ha approfondito la conoscenza dell’inglese e del francese viaggiando e frequentando corsi linguistici all’estero. Collabora con diversi un periodici specializzati in viaggi e rivolti a chi è appassionato di turismo, cultura ed enogastronomia. Si è occupata anche della redazione dei magazine dell‘ Hotel Indigo St. George, un boutique hotel 5 stelle lusso di Roma. La passione che nutre per le culture, le tradizioni e i paesaggi di altri popoli l’ha sempre portata a viaggiare e a fotografare molti Paesi.

News correlate
Futuro Festival, festival internazionale di danza - Teatro Brancaccio

Futuro Festival è un meltingpot di culture, un crocevia di sguardi, un collettore di stili eterogenei, un luogo di contaminazioni fra diversi linguaggi, tra passato e presente con uno sguardo al futuro.


Il film su Elvis Presley in testa al box-office

Domina la classifica in Italia e non solo il film distribuito in tutto il mondo


Al via il Festival Teatrale di Borgio Verezzi

PipaMar srl e La Bilancia Soc. Coop presentano “Il Sequestro” di Fran Nortes per la Regia Rosario Lisma


“Anna Cappelli” - Tragicommedia di Annibale Ruccello

Storia di un’impiegata nella Latina degli anni Sessanta interpretata dall’attrice Giada Prandi per la regia di Renato Chiocca


Al via la 6a edizione del Festival Cinema d’ iDEA

Cinema d’IDEA: Interviene dall’Iran la regista Azadeh Bizargiti


Cinema d’IDEA: Una serata dedicata al cinema del reale con Giovanna Taviani e Silvana Costa

Si apre il 28 giugno la seconda parte della 6° edizione del Festival Cinema d’ iDEA – International Women’s Film Festival


Esce nelle sale SANREMO, il film sloveno candidato agli Oscar 2022

Arriva in sala dal 23 giugno il film sloveno che racconta l’amore attraverso una relazione tra una coppia di anziani affetti dal morbo di Alzheimer: Sanremo.


Arena Milano Est dal 13 giugno al 29 settembre

Musica, comicità, cinema e non solo ogni sera


Brancaccio Musical Academy  - Accademia di Drama e Musical Theatre festeggia il terzo anno di vita

Come per tutte le cose più belle, arriva il momento anche per il “Brancaccio Musical Academy BMA” di iniziare a tirare le somme dei momenti e delle esperienze di questi primi due anni, mentre si accinge a varcare la soglia del terzo.


Elisa Forte al Teatro Petrolini in \"Modern Love #4 - Non ci posso credere\" di F. Proietti

Una commedia imprevedibile, divertente, originale che vi accompagnerà con un ritmo frenetico in giro per una Napoli che ammicca alla Loren e fa respirare l’aria beffarda del Sud.