Arte e cultura
La Biblioteca Fregene Gino Pallotta concluderà le iniziative dell’anno 2021 offrendo al pubblico due eventi su Dante Alighieri e aprirà la stagione culturale del 2022 con uno dei più conosciuti ed amati artisti internazionali, Gustav Klimt.
Sergio Ferroni

Infatti, in occasione delle grandi mostre in corso a Roma, “Inferno” alle Scuderie del Quirinale e “Klimt. La Secessione e l’Italia” a Palazzo Braschi, la Biblioteca ha organizzato tre incontri, curati dallo storico dell’arte Sandro Polo, che mirano ad approfondire le tematiche delle esposizioni ancorandole ai contesti storici sociali, artistici e culturali. Si è svolto presso la Casa della Partecipazione di Maccarese l’incontro “Arte e vita quotidiana ai tempi di Dante”:  Sandro Polo parlerà delle scoperte scientifiche, degli usi, dei costumi e dei grandi cantieri fiorentini dell’epoca di Dante, espressione di quel nuovo modo di pensare che costituirà la premessa alla nascita del Rinascimento toscano.  Nel Duecento e per buona parte del Trecento Firenze vive un momento di straordinaria fioritura culturale, economica e demografica che la trasformarono in una delle metropoli più grandi e importanti dell’epoca: in questo contesto dinamico e creativo vivono e si esprimono i due principali artefici di una nuova, rivoluzionaria cultura: Dante e Giotto. Nell’anno in cui ricorre il settimo centenario della morte di Dante la conferenza rappresenta un omaggio della Biblioteca al Poeta. Il giorno 11 dicembre presso la Casa della Partecipazione di Maccarese, l’incontro “L’immaginario dantesco nella storia dell’arte” costituisce un’introduzione alla mostra “Inferno” - visitabile fino al 9 gennaio 2022- che racconta l’iconografia del mondo dei dannati, dal Medioevo ai nostri giorni. Sandro Polo illustrerà, contestualizzandoli, alcuni fra gli oltre 200 capolavori esposti alle Scuderie del Quirinale e si soffermerà sulla diffusione e il senso del revival gotico che ha caratterizzato buona parte dell’architettura eclettica ottocentesca italiana. Coloro che vorranno approfondire ulteriormente il percorso della mostra potranno visionare il catalogo in biblioteca.  Infine il 5 gennaio, sempre presso la Casa della Partecipazione di Maccarese, la Biblioteca apre la nuova stagione culturale con l’incontro “Klimt e la Secessione Viennese”. A cavallo tra Ottocento e Novecento Vienna appare come una capitale europea elegante e pacata dolcemente sospesa tra i valzer e le operette di Strauss e Lehar. Dietro questa facciata rassicurante la città è scossa da forti tensioni sociali che ne stanno minando le fondamenta. Una stupefacente presenza di artisti e intellettuali intercetta e indaga le inquietudini e i sottili cambiamenti in corso alla luce delle sconvolgenti novità freudiane. L’opera di Klimt rispecchia fedelmente le contraddizioni di questo periodo: il suo lavoro, pur risplendendo di aurea bellezza, è attraversato da linee e immagini nervose, da un eros potente e misterioso che ammalia e allarma. Klimt non va oltre, rimane uno splendido e irrequieto tramonto sulla Storia; saranno i drammatici linguaggi di Schiele, Kokoschka, Schoenberg e molti altri ad anticipare quell’abisso verso cui Vienna e tutta l’Europa stanno inesorabilmente scivolando: la I Guerra Mondiale. Coloro che vorranno approfondire ulteriormente il percorso della mostra potranno visionare il catalogo in biblioteca. Per rispettare adeguatamente le norme anti-Covid la Biblioteca ha deciso di organizzare gli incontri presso la Casa della Partecipazione di Maccarese che garantisce un sereno distanziamento. È necessaria la prenotazione: scrivere a bibliofregene@libero.it.

News correlate
Intervista al pianista Leonardo Pierdomenico

Conoscere il pianista Leonardo Pierdomenico


FABIO MARIANI intervista d'artista

Mariani trova se stesso attraverso lo studio della natura


Arte nella Festività, incontro con il giovane scultore Jago in casa delle sorelle Benedetti

L’occasione delle feste per incontrare in casa della critica d’arte Maria Teresa Benedetti lo scultore Jago insieme ad un ristretto e selezionato gruppo di amici esperti ed operatori nel mondo dell’arte.


Il principe don Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice presenta negli splendidi spazi di Palazzo Tittoni la sua ultima opera letteraria  “Fiori nel deserto”

Nello splendido salone con annessa veranda di palazzo Tittoni in Roma, ha avuto luogo la presentazione romana della seconda opera letteraria del principe don Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice dal titolo "Fiori nel deserto", edizioni Mannarino.


Arte moderna, l’omaggio di Ragusa al grande artista siciliano Turi Sottile

“L’Ombra del gesto, metalinguaggi astratti”, a cura di Antonio Vitale, al Museo del Silva Suri Country Hotel di Marina di Ragusa


Il Teatro Comunale Accademia degli Avvaloranti di Città della Pieve (PG) presenta la IV tappa dedicata alla democrazia.

Un progetto espositivo dell’ artista italo-costaricense Francisco Córdoba.


Dante: rivive la "Commedia"

A settecento anni di distanza dalla sua morte, l'opera di Dante continua a calamitare un grande interesse in un gran numero di nazioni.


La GArt Gallery di Pescara presenta la personale di Claudio Di Carlo - Detto Fatto

In continuità con “I pasticcini li porto io”, mostra tenutasi a Roma nel 2020, Claudio Di Carlo, ospite del nuovo spazio espositivo pescarese GArt Gallery diretto da Francesco Di Matteo, presenta la sua mostra Detto Fatto


Preziosa: mineral show

Prossima edizione a Segrate il 19 e 20 novembre 2022


Marcello Veneziani presenta il suo ultimo libro “Dante. Nostro padre”.

Si terrà giovedì 16 dicembre presso la Sala Teatro della Parrocchia di Santa Lucia a Roma, l’incontro per celebrare i settecento anni dalla morte del Divino poeta, partendo e prendendo spunto dal libro di Marcello Veneziani “Dante. Nostro padre”.