Arte e cultura
L’artist-run space SpazioMensa conclude la stagione espositiva 2021 con la mostra collettiva "Porta Portese", a cura di Gaia Bobò.
Sergio Ferroni

Il progetto si propone come una riflessione sul dispositivo del mercato, inteso come luogo di trasmissione e transito degli oggetti e delle immagini, crocevia di diverse coordinate geografiche e temporali. La suggestione di uno spazio culturale effimero, ciclicamente performato dagli individui che lo percorrono, enfatizza la dimensione rituale, irrazionale e magica che ha determinato il magnetismo di questa prassi sociale attraverso il tempo. Partendo da un’indagine fortemente legata alla città di Roma, la mostra guarda alle possibili evoluzioni verso una dimensione accelerata e globale dei processi di scambio, offrendo una suggestione sulle dinamiche culturali, sociali e antropologiche connesse all’idea stessa di mercato in quanto luogo di condivisione e scoperta. Articolata in tre sezioni, la mostra raccoglie opere di artisti emergenti e affermati della scena artistica italiana e internazionale. La prima sezione vede la partecipazione di Tomaso Binga, Lucia Cristiani, Auriea Harvey, Jonas Lund, Giulia Mangoni, Meletios Meletiou, Diego Miguel Mirabella, Jacopo Rinaldi, Agnese Spolverini, The Cool Couple, Elo Vega, Alessandro Vizzini e Benyamin Zolfaghari.

La seconda, dedicata ai linguaggi della stampa e del libro d’artista, riunisce le opere e i progetti editoriali di Alessia Armeni, Georges De Canino, Quentin Lefranc, Lucia Marcucci, Lamberto Pignotti e Sergio Sarra (in collaborazione con Emilio Prini).  La stessa si arricchirà di focus sui materiali appartenenti a importanti punti di riferimento per la cultura editoriale e grafica di Roma: la Litografia Bulla, la Collezione Giuseppe Garrera e lo Studio Bibliografico Marini.

Nell’ultima sezione della mostra sarà presentato un progetto del collettivo Gli Impresari (Edoardo Aruta, Marco Di Giuseppe e Rosario Sorbello), realizzato con i contributi di oltre 40 artiste e artisti. La suggestione metaforica del mercato di Porta Portese, a sua volta elemento cardine della cultura visuale romana, è evocata in una meta-riflessione sul suo display, piattaforma installativa per esplorare le tematiche situate al confine tra pratiche artistiche contemporanee e indagine sui patrimoni immateriali. Tra queste, il concetto di archivio collettivo, la ricerca sull’archeologia dei media, i processi di trasmissione e diffusione delle immagini e il rapporto con lo spazio pubblico.  La pubblicazione che accompagna la mostra, edita da Dito Publishing, sarà acquistabile presso SpazioMensa durante l’inaugurazione, o online attraverso i canali della casa editrice. La mostra è resa possibile dal sostegno dell’Associazione Arte Contemporanea Catania_Bruxelles. Si ringrazia inoltre il Casale del Giglio, sponsor tecnico dell’evento. Gaia Bobo` (Noto, 1995) e` una critica d’arte e curatrice indipendente con base a Roma, formatasi presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, l’Hochschule für bildende Künste, Hamburg e l’Università IULM.

La sua ricerca curatoriale è focalizzata sui processi di trasmissione culturale e sulle espressioni della cultura immateriale, con uno sguardo sulle pratiche che indagano i processi di trasformazione del linguaggio scritto e orale. Tra le mostre recentemente curate si ricordano: Vivavuci, via raffineria, Catania (2021); Double Fantasy, Milica C´irovic´ e Ola Czuba, Casa Vuota, Roma (2021); A Word that Troubles, Temple University Rome (2020); Controverso. Arte per Fraintenditori, Lamberto Pignotti, Galleria CONTACT, Roma (2019); ICH. Intangible Cultural Heritage, HFBK Gallery, Amburgo (2018). È co-fondatrice dell’artist-run space SpazioMensa, dove ha curato il format MAGNETE dedicato all’editoria indipendente. Come autrice, ha collaborato con diverse riviste di settore (exibart, Inside Art, Rivista Segno, Juliet, Artribune). Attualmente è assistente editoriale presso CURA.

SpazioMensa e` un artist-run space sito negli spazi del Citylab971, ex cartiera di Via Salaria a Roma, che si configura come luogo di accoglienza e di sperimentazione. Un avamposto di resistenza finalizzato a valorizzare il fermento artistico romano, che ospita al suo interno un nucleo di artisti e teorici che contribuiscono alla costruzione di un dialogo basato sullo scambio e sulla gestione orizzontale della proposta espositiva.

News correlate
Intervista al pianista Leonardo Pierdomenico

Conoscere il pianista Leonardo Pierdomenico


FABIO MARIANI intervista d'artista

Mariani trova se stesso attraverso lo studio della natura


Arte nella Festività, incontro con il giovane scultore Jago in casa delle sorelle Benedetti

L’occasione delle feste per incontrare in casa della critica d’arte Maria Teresa Benedetti lo scultore Jago insieme ad un ristretto e selezionato gruppo di amici esperti ed operatori nel mondo dell’arte.


Il principe don Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice presenta negli splendidi spazi di Palazzo Tittoni la sua ultima opera letteraria  “Fiori nel deserto”

Nello splendido salone con annessa veranda di palazzo Tittoni in Roma, ha avuto luogo la presentazione romana della seconda opera letteraria del principe don Maurizio Ferrante Gonzaga del Vodice dal titolo "Fiori nel deserto", edizioni Mannarino.


Arte moderna, l’omaggio di Ragusa al grande artista siciliano Turi Sottile

“L’Ombra del gesto, metalinguaggi astratti”, a cura di Antonio Vitale, al Museo del Silva Suri Country Hotel di Marina di Ragusa


Il Teatro Comunale Accademia degli Avvaloranti di Città della Pieve (PG) presenta la IV tappa dedicata alla democrazia.

Un progetto espositivo dell’ artista italo-costaricense Francisco Córdoba.


La GArt Gallery di Pescara presenta la personale di Claudio Di Carlo - Detto Fatto

In continuità con “I pasticcini li porto io”, mostra tenutasi a Roma nel 2020, Claudio Di Carlo, ospite del nuovo spazio espositivo pescarese GArt Gallery diretto da Francesco Di Matteo, presenta la sua mostra Detto Fatto


Preziosa: mineral show

Prossima edizione a Segrate il 19 e 20 novembre 2022


Dante: rivive la "Commedia"

A settecento anni di distanza dalla sua morte, l'opera di Dante continua a calamitare un grande interesse in un gran numero di nazioni.


Marcello Veneziani presenta il suo ultimo libro “Dante. Nostro padre”.

Si terrà giovedì 16 dicembre presso la Sala Teatro della Parrocchia di Santa Lucia a Roma, l’incontro per celebrare i settecento anni dalla morte del Divino poeta, partendo e prendendo spunto dal libro di Marcello Veneziani “Dante. Nostro padre”.